Costa è ottimista su un rapido recupero

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Business, Economia · 15-05-2021 09:00:00 · 0 Commmenti

António Costa ha detto che gli effetti sociali della pandemia di covid-19 in Portogallo sono stati "giganteschi", ma è convinto che il paese ha "più muscoli", sia economici che sociali, e arriverà "al punto di recupero" rapidamente.

"Oltre a combattere la pandemia di covid-19 in termini di salute, c'è un'altra lotta, che è la lotta per il recupero economico e sociale. Il danno è enorme: molte migliaia di posti di lavoro persi, aziende che hanno chiuso, guadagni che sono diminuiti e un aumento della povertà effettiva", ha detto.

In precedenza, il primo ministro aveva menzionato che, tra il 2015 e il 2019, circa 500.000 cittadini hanno "superato" la povertà in Portogallo.

"Ma molte di queste 500.000 persone che erano uscite dalla povertà, purtroppo, quando avremo i numeri del 2020 tra un anno, vedremo che, sicuramente, i valori della povertà sono aumentati in modo molto significativo", ha ipotizzato.

Tuttavia, António Costa ha parlato di "uno sforzo per ricominciare e recuperare, con il vantaggio che il paese ha già sperimentato politiche che hanno dato buoni risultati e, quindi, se vengono mantenute, torneranno ai risultati".

"Fortunatamente, ora abbiamo muscoli aggiunti che non avevamo nel 2015. Pertanto, possiamo raggiungere questo punto di recupero più rapidamente", ha sostenuto il primo ministro.

A questo punto, ha ripetuto il messaggio che, per il governo, "non è sufficiente rimettere il paese nella situazione in cui era nel 2019".

"Dopo aver raggiunto il punto in cui eravamo nel 2019, dobbiamo recuperare il tempo perso fino al 2022. Dobbiamo arrivarci prima del tempo e meglio", ha aggiunto, in un'allusione al Piano di recupero e resilienza (PRR).



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.