Tartaruga africana speronata salvata

scritto TPN, in Salute e ambiente, Notizia, Centrale · 19-05-2021 16:53:00 · 0 Commmenti

Il Comando Territoriale di Castelo Branco, attraverso il Centro di Protezione Ambientale (NPA) di Castelo Branco, ieri, il 18 maggio, ha salvato una tartaruga africana speronata, Centrochelys sulcata, nel comune di Castelo Branco.

Durante il loro pattugliamento, la NPA è stata avvisata di un animale che si trovava sul lato della strada, nella località di Palvarinho. Dopo l'azione, la NPA si è spostata sul posto e ha salvato l'animale, che sembrava essere ben nutrito e senza ferite. Dopo i controlli della polizia, sono stati identificati i proprietari, ed è stato redatto un rapporto per mancanza di certificato CITES e perché l'animale non era marcato.

La GNR ricorda che, come nel caso di una specie non indigena con pochi predatori naturali in Portogallo, la testuggine speronata africana si riproduce molto facilmente in natura e può diventare un fattore di minaccia per la sopravvivenza delle testuggini non indigene, poiché sono in competizione per lo stesso cibo, e perché possono alterare la genetica delle altre specie.

La Guardia Nazionale Repubblicana, attraverso il Servizio di Protezione della Natura e dell'Ambiente (SEPNA), ha come preoccupazione quotidiana la protezione degli animali, facendo appello al pubblico per segnalare situazioni ambientali. A questo scopo, può essere utilizzata la linea SOS Ambiente e Territorio (808 200 520), permanentemente in funzione per la segnalazione di infrazioni o il chiarimento di eventuali dubbi.

Per ulteriori informazioni, si prega di contattare il responsabile della comunicazione e delle relazioni pubbliche del Comando territoriale di Castelo Branco, il capitano Jorge Massano - 961 195 273.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.