Il Portogallo accoglie la finale di Champions League

scritto Daisy Sampson, in Sport, Calcio · 21-05-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Mentre è una cattiva notizia per la Turchia, è una buona notizia per il Portogallo, dato che la UEFA ha annunciato che la finale di Champions League si terrà ora a Porto, anche se la presenza dei tifosi alla partita è stata accolta con polemiche.

Lo stadio Estádio do Dragão FC Porto , nel nord del paese, ospiterà la finale di Champions League tra Manchester City e Chelsea il 29 maggio di questo mese.

LaUEFA ha dichiarato: "Porto è stato scelto per sostituire Istanbul, in seguito alle insormontabili difficoltà di viaggio dei tifosi inglesi, tenendo conto che la Turchia è sulla 'lista rossa' del Regno Unito.

LaUEFA ha anche confermato la presenza di almeno 12.000 spettatori all'Estádio do Dragão, tuttavia al momento di andare in stampa i tifosi dovevano ancora far parte di una speciale "bolla" e saranno in Portogallo solo per un massimo di 24 ore, nonostante sia il Portogallo che il Regno Unito abbiano ora un accordo reciproco riguardante i viaggi non essenziali e nessuna necessità di quarantena al ritorno o all'arrivo da entrambi i paesi.

"La capacità dello stadio per la partita sarà finalizzata e confermata a tempo debito, in collaborazione con le autorità portoghesi e la Federazione calcistica portoghese (FPF). Tuttavia, i tifosi delle squadre finaliste potranno acquistare i biglietti attraverso i club nel modo consueto, con 6.000 biglietti disponibili per club, che saranno messi in vendita il prima possibile".

"Ancora una volta, facciamo appello ai nostri partner in Portogallo per aiutarci e sono, come sempre, molto grato alla Federcalcio portoghese e al governo portoghese per aver accettato di organizzare la partita in così poco tempo", ha detto il presidente della UEFA, Aleksander Ceferin.

La città di Porto e l'Estádio do Dragão ospiteranno la terza finale di Champions League in Portogallo e la seconda di fila, visto che poco meno di un anno fa, proprio a causa della crisi mondiale della sanità pubblica, la UEFA ha optato per una 'final eight' a Lisbona, negli stadi Luz e José Alvalade.

"Hanno lavorato instancabilmente con vincoli di tempo così limitati per trovare soluzioni alle sfide dell'organizzazione di una partita di questa portata. Ogni volta che c'è stato un ostacolo, sono stati creativi nelle soluzioni che hanno trovato e il fatto che stanno organizzando la finale di quest'anno è chiaramente dovuto al duro lavoro e alla perseveranza che hanno dimostrato", ha aggiunto Ceferin.

Quando la notizia si è diffusa, il governo portoghese ha annunciato che i tifosi stranieri che viaggiano a Porto per vedere la finale della Champions League di calcio rimarranno meno di 24 ore in Portogallo e saranno tutti sottoposti a test per il Covid-19 e al momento di andare in stampa questo consiglio non era ancora cambiato.

"Le persone che verranno alla finale di Champions League arriveranno e torneranno lo stesso giorno, con il test del Covid completato, in una situazione di bolla, cioè su voli charter, con viaggi in una zona di attesa. Poi andranno allo stadio e poi all'aeroporto, essendo in territorio nazionale meno di 24 ore, in una bolla e con test obbligatori, fatto, in linea di principio, prima di salire sull'aereo", ha detto il ministro di stato e la Presidenza, Mariana Vieira da Silva.

Il funzionario ha confermato che l'Estádio do Dragão potrebbe avere una capacità massima di 12.000 persone e che i posti saranno contrassegnati e designati dalla Direzione Generale della Salute (DGS).

"Tutti i biglietti saranno nominali e avranno i posti contrassegnati", ha aggiunto Mariana Vieira da Silva.

Una regola per gli inglesi

Nel frattempo, la decisione di consentire ai tifosi di con la finale di Champions League in Portogallo che i tifosi di casa sono ancora in grado di assistere alle partite ha lasciato i tifosi "confusi".

Parlando all'agenzia Lusa, Martha Gens, il presidente dell'associazione portoghese Adept Defense (APDA) ha sottolineato che "non è chiaro quale sia la posizione del governo" in relazione a questo problema, come il segretario di stato per la gioventù e lo sport ha confermato che la finale di Coppa del Portogallo, tra Benfica e Sporting de Braga, non avrà alcun tifoso in presenza.

La posizione del governo contrasta con la decisione di ospitare la finale di Champions League all'Estádio do Dragão, a Porto.

"È una partita da vedere solo per gli inglesi. Dopo tutto, sono due squadre inglesi che hanno diritto al 25% della capacità di uno stadio in Portogallo, mentre i tifosi portoghesi sembrano implorare questa possibilità", ha criticato il presidente dell'APDA.

Secondo il rappresentante dei tifosi, "è strano" che la UEFA abbia assicurato che, qualunque sia la destinazione, la finale di Champions League "avrebbe avuto dei tifosi e quando scelgono un paese, è dove non ci sono stati tifosi negli stadi per un anno".

Il Segretario di Stato per la Gioventù e lo Sport ha annunciato che la finale di portoghese tra Sporting de Braga e Benfica, che si giocherà domenica a Coimbra, non avrà spettatori.

João Paulo Rebelo ha dichiarato che il governo non ha intenzione di rendere l'evento un evento pilota. Interrogato sulla presenza del pubblico nella finale di Champions League, il funzionario ha semplicemente osservato che questo è "un requisito" perché il gioco venga in Portogallo.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.