La stampa portoghese ha riferito oggi che il consiglio comunale di Lisbona ha inviato alle autorità russe i nomi, gli indirizzi e i dettagli di contatto di tre manifestanti russi che, in gennaio, hanno partecipato a una protesta, davanti all'ambasciata russa a Lisbona, per il rilascio di Alexey Navalny, un oppositore del governo russo.

"Data la gravità di questi fatti e ammettendo, per il momento, che siamo solo di fronte a una situazione di profonda incompetenza e non a un'azione deliberata che avrebbe ancora un altro livello di gravità, l'Iniziativa Liberale chiede che Fernando Medina e la sua squadra si assumano le loro responsabilità" ha detto il partito in un comunicato.

IL vuole anche che sia reso pubblico il risultato dell'indagine interna condotta dal Comune di Lisbona e che lo Stato garantisca la sicurezza dei cittadini interessati e delle loro rispettive famiglie.

Il partito vuole anche che sia chiarito se è "prassi normale trasmettere questo tipo di informazioni ad altri Stati e, in caso affermativo, quanto spesso e in quali circostanze è successo", così come se il Ministero degli Affari Esteri portoghese era a conoscenza di questo caso.

"Con questo atto di grave negligenza, il Comune di Lisbona ha distrutto qualsiasi fiducia che poteva esistere nella gestione del suo esecutivo e ha messo in discussione la sicurezza dei tre cittadini, due dei quali di nazionalità portoghese, così come le loro rispettive famiglie", hanno sottolineato.