CoCasa di Lisbona, il posto dove stare quest'estate

scritto Kimberley Lestieux, in Lisbona, Business, Cibo e Vino · 11-06-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Quando l'australiano Jackson Erwin è arrivato a Lisbona nove anni fa, ha visto la città come la sua "casa lontano da casa". Ora lui e il suo team hanno creato CoCasa - uno spazio di coworking/caffè di giorno e un ristorante/bar di notte - per tutti coloro che vogliono connettersi con gli altri e disconnettersi dalla tecnologia.

"È un bar? No, sembra che qualcuno stia dando una festa a casa sua". È quello che si dicono alcuni turisti francesi passando davanti al nuovo locale alla moda di Lisbona. Perché è così che CoCasa ti fa sentire. Come se fossi alla festa di un amico. È intimo, freddo e rinfrescante. Non c'è bisogno di inviti, basta seguire le luci delle fate lungo la strada del frequentatissimo Miradouro de Santa Catarina di Lisbona, nel quartiere di Bica. Lì troverete una casa gialla che una volta era l'Oasis Backpacker Hostel. Oggi è uno spazio di coworking, un caffè, un bar e un ristorante.

L'Oasis Backpacker Hostel era il posto dove tutti i viaggiatori andavano quando visitavano Lisbona. Tuttavia, quando la Covid-19 ha colpito la città, l'Oasis, come molti ostelli in tutto il mondo, stava chiudendo e andava verso il fallimento. Uno dei tanti stranieri che avevano messo piede nell'ostello era Jackson Erwin, che era tornato a Lisbona per lavorarci per un breve periodo dopo aver vissuto all'estero per nove anni. Il 32enne australiano è arrivato in città il primo giorno di chiusura. "Gli ostelli sono in declino" mi dice, e il motivo secondo lui? Non è a causa di Airbnbs o della pandemia, ma soprattutto a causa di "telefoni e wifi".

"La gente veniva negli ostelli per incontrare altre persone, altri viaggiatori", spiega Jackson, ma ora tutto questo è praticamente obsoleto. Con il wifi disponibile ovunque e un telefono in tasca a tutti, siamo costantemente connessi online e alle persone attraverso i social media. Allora qual è il senso di un posto come un ostello in questi tempi? Beh, Jackson è arrivato come "un estraneo che guarda dentro", come dice lui, cercando di "fermare l'emorragia". È stato allora che ha avuto l'idea di creare CoCasa. Un luogo che avrebbe riunito le persone, permettendoci di disconnetterci dalla tecnologia e di riconnetterci tra di noi.

"Abbiamo bisogno di contatto umano".

"L'obiettivo è quello di riunire la gente del posto e gli stranieri", dice Jackson, ma al contrario di un ostello il punto è quello di mantenere le persone qui. Fondamentalmente, "fanno tutto qui: lavorare, mangiare, bere e poi andare a casa a dormire". Il team di CoCasa ha creato spazi molto invitanti per la tecnologia... e anche per niente. Al secondo piano, ci sono tre stanze, con quattro tavoli ciascuna, da affittare al mese (200 euro a scrivania, o 250 euro con una scrivania normale, una scrivania in piedi e un tetto di 100 euro da spendere in cibo). Questi spazi sono pensati per "connettersi con il lavoro, senza distrazioni". Se stai cercando una piccola pausa dal wifi, il piano ha una stanza pensata per disconnettersi, dove ci sono eventi, workshop e presentazioni come quella del documentario "Can Art Stop A Bullet", durante la loro settimana di lancio.

L'ex salone dell'ostello è anche un luogo dove le persone possono disconnettersi dal lavoro per qualche minuto e bere il caffè del loro partner Buna Portugal, o una delle birre artigianali che hanno da offrire. Si può casualmente fare coworking nella lounge per 10 euro al giorno e la collaborazione con gli altri è sempre incoraggiata. Per un drink dopo il lavoro tra amici o un pasto gustoso da uno dei loro molti collaboratori, dirigiti fuori in un'altra "zona di disconnessione".

Dal lavoro, al gioco, alla collaborazione, l'obiettivo è quello di "elevarsi a vicenda", dice Jackson. "Vogliamo essere il centro che collega le persone", insiste. "Covid è stata come la goccia che ha fatto traboccare il vaso, ha dimostrato che abbiamo bisogno del contatto umano". Riunendo tutti questi marchi e creativi sotto lo stesso tetto, il team di CoCasa mostra come saranno le comunità in futuro. Collaborare non è solo nel loro nome, è il loro motto. Jackson è il sognatore dietro il progetto, ma c'è un'intera squadra che lavora al suo fianco per rendere quel sogno una realtà.

"Niente può essere fatto da soli".

Quando l'idea di CoCasa ha iniziato a prendere forma, tutti pensavano che Jackson fosse pazzo, ma nella sua mente "era tutto molto chiaro", dice, "Ho solo messo in giro una visione, vediamo chi la coglie". Finora, molte persone lo hanno fatto. Durante il giorno dalle 9 alle 15, lo spazio di coworking è anche un caffè per il marchio Buna Portugal. Ogni sera, si può provare il cibo gustoso di un diverso collaboratore di CoCasa come Hungry4Pasta, Beauty Burgers, Bonitas Burritos, Kendrick Kendrick's vegan kebabs o OysterPoint. Punto bonus - molti di questi marchi sono a base vegetale!

Oltre al cibo, la casa ha ospitato una discoteca turca, una vendita/scambio di vestiti ed è sede del negozio Janvier, di proprietà di Claire e Noemie, che vende piante da interno ed esterno. Li puoi trovare sul lato destro della strada, nel garage della casa, ora trasformato in una giungla interna. I loro vasi da fiori sono prodotti in Portogallo, fatti a mano da ceramisti portoghesi che promuovono anche sul loro sito web.

Presto, CoCasa prevede di ospitare serate di lettura di poesia, serate comiche, concerti con musicisti dal vivo e DJ, e anche eventi con attivisti. Entro la fine dell'estate, l'obiettivo è quello di collaborare con circa 50 marchi e davvero "accelerare la visione" dice Jackson, perché "nulla può essere fatto da soli, altrimenti non si costruisce una comunità".



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.