Lavorare da casa non è più obbligatorio da oggi

scritto TPN/Lusa, in COVID-19, Notizia · 14-06-2021 13:13:00 · 0 Commmenti

Il telelavoro non è più obbligatorio da oggi nella maggior parte del Portogallo continentale, tranne che nei quattro comuni che hanno tassi di incidenza di Covid-19 superiori ai limiti definiti dal governo.

Il secondo blocco generale, emanato all'inizio di quest'anno per ridurre la diffusione della pandemia, ha portato il governo a imporre il regime di telelavoro obbligatorio in tutto il paese, senza bisogno dell'accordo del lavoratore, quando il suo lavoro lo permetteva.

Nell'ultimo Consiglio dei Ministri, il 9 giugno, e tenendo conto dell'evoluzione della situazione pandemica, il Governo ha deciso di alleggerire questa misura, lasciando il telelavoro da obbligatorio a raccomandato, cosa che avviene a partire da oggi.

Le aziende con più di 50 dipendenti devono organizzare gli orari di entrata e uscita in modo sfasato, garantendo pause minime di trenta minuti fino al limite di un'ora tra gruppi di lavoratori.

Solo i comuni che, in due valutazioni consecutive, registrano un tasso di incidenza superiore a 120 casi per 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni (o superiore a 240 nei comuni a bassa densità) manterranno il regime di telelavoro obbligatorio.

In questo caso sono i comuni di Lisbona, Braga Odemira e Vale de Cambra, il che significa che le persone che risiedono in un altro comune e lavorano in uno di questi quattro dovranno continuare a lavorare da casa in quanto la regola si applica al comune dove si trova l'azienda.

Il telelavoro è ancora obbligatorio per gli immunocompromessi e i malati cronici.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.