René Tavares riflette sul patrimonio e l'identità in "In Memory We Trust".

in Notizia, Arte · 15-06-2021 17:00:00 · 0 Commmenti

Dal 27 maggio al 17 giugno, la galleria d'arte This Is Not A White Cube presenta René Tavares e il suo ultimo lavoro, "In Memory We Trust". Questa mostra nel quartiere Chiado di Lisbona riflette sulle nozioni di memoria, storia, tradizione, patrimonio e miscegenia.

Per il quinto anniversario diThis Is Not A White Cube, la galleria d'arte contemporanea ha ampliato la sua presenza internazionale con l'apertura di un nuovo spazio a Chiado, uno dei quartieri più trendy di Lisbona. Per l'occasione, la galleria presenta contemporaneamente una mostra personale dell'artista santomense René Tavares, nelle sue due sedi, a Lisbona e a Luanda (Angola).

Fondata a Luanda nel 2016, la galleria d'arte internazionale ha già presentato decine di mostre in Angola, Sudafrica, Francia, Regno Unito e in Portogallo: "La connessione storica tra Portogallo e Africa ha reso Lisbona il luogo più adatto per la naturale espansione della galleria", si legge nel loro comunicato stampa. Il nuovo spazio della galleria offre uno sguardo sulla produzione artistica portoghese contemporanea e sugli artisti del continente africano e sudamericano e della sua diaspora.

Arte di René Tavares

Nella nuova galleria d'arte del Chiado, René Tavares presenta il suo ultimo progetto sull'identità culturale, la migrazione e soprattutto la nostra memoria: "La memoria è la fonte di tutte le nostre domande", mi dice l'artista, "è il nostro patrimonio, la nostra identità". Tavares è ispirato dai diversi "elementi culturali" che lo circondano. Il suo lavoro, che ricorda uno stile alla Basquiat, è profondamente legato all'idea di patrimonio: "[È] il tema principale di una serie di progetti in cui cerco attraverso la pittura, la fotografia e il disegno, zone indefinite di creazione artistica, estetica e visiva", dice il pittore.

Migrazione e patrimonio sono temi che sono sempre stati un motore di innovazione e creatività nel corso degli anni per l'artista santomense: "Il patrimonio diventa così sempre più un'arma forte per la ristrutturazione e il rafforzamento di un linguaggio universale di intersezioni di storie e di condivisione che ha avuto luogo nel tempo", dice.

"In Memory We Trust" ci sfida, ponendoci "tra la revisione critica di una concezione distopica dell'identità del continente africano e la necessità di affermare una visione rinnovata delle varie Afriche che l'Africa racchiude con i suoi confini e nella diaspora", indica la galleria. Atlantic Nation è un'espressione che ritorna spesso nei suoi quadri di questa mostra: "È un incontro di persone della diaspora delle ex colonie. Atlantic nation è una nuova nazione, una nuova identità che dobbiamo creare. Quando si parla di migrazione, si parla di un mix". L'idea di miscegenazione "è il risultato di questo mix oggi", spiega il pittore. Ed è questo che è Atlantic Nation. Se l'oceano potesse parlare, "avrebbe molto da dire, la sua testimonianza sulle migrazioni avrebbe molto da insegnarci sulla nostra identità", dice l'artista. Oltre al luogo da dove veniamo, dove siamo stati o dove stiamo andando, René Tavares l'ha ben detto quando ha scritto "la nostra identità è sempre più definita dall'insieme dei ricordi che costituiscono i nostri valori".

Oltre alla mostra che la galleria d'arte presenta a Lisbona e Luanda, il lavoro dell'artista santomense si può trovare anche a Braga, nella mostra "Il silenzio della terra" al Museu Nogueira da Silva e alla Galeria do Paço; alla Biennale Internazionale d'Arte Gaia 2021 e in "Il respiro degli antenati" alla Biennale del Congo 2021.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.