Primo impianto di lavorazione delle noci in Portogallo

scritto TPN/Lusa, in Business, Cibo e Vino · 06-07-2021 14:04:00 · 0 Commmenti

L'agroindustriale Sogepoc ha annunciato, nel comune di Évora, il primo impianto di lavorazione delle noci in Portogallo, con un investimento di 6,2 milioni di euro e con una capacità di 4.000 tonnellate.

Si tratta della terza fase di un progetto che copre un'area di 647 ettari (477 ettari di noci e 170 ettari di mandorli) a São Manços (Évora) e Veiros (Estremoz) e che, spiega la società in un comunicato inviato a Lusa, "favorirà fortemente la crescita della produzione di noci" nel paese.

La fabbrica avrà la capacità di elaborare "non solo la produzione del gruppo Sogepoc, ma anche quella di terzi", che avranno "soluzioni di lavorazione e per la crescita del settore nel paese".

La linea di trasformazione permetterà, tra l'altro, la "sgusciatura delle noci e la produzione di prodotti derivati innovativi, come l'olio di noci o il latte di noci".

È anche un progetto con un "quadro fortemente orientato all'esportazione" e avrà un "impatto rilevante sull'economia locale" in termini di creazione di circa 80 posti di lavoro diretti e indiretti, così come l'impatto sull'"ecosistema imprenditoriale" della regione.

Sostenibilità ed efficienza energetica", così come "innovazione di prodotto e tecnologica" sono altri aspetti evidenziati da Sogepoc.

"La linea di lavorazione delle noci è un'attività critica nella catena di produzione delle noci, che include la rimozione del guscio esterno verde, il lavaggio delle noci e l'essiccazione. Con questa nuova fase di integrazione verticale, l'obiettivo è quello di controllare la qualità del prodotto finale e garantire la sostenibilità e la tracciabilità della produzione", ha detto la società.

Tra i fattori di sostenibilità inclusi nel progetto di Sogepoc ci sono "l'efficienza dell'irrigazione", attraverso il monitoraggio con sonde, l'uso di "energia solare", il "rinverdimento interfilare" delle piantagioni, "l'uso del guscio come fertilizzante" e il "riutilizzo delle acque di lavorazione".

Sogepoc utilizza anche "atomizzatori dotati di sensori ottici per ridurre l'uso di fitofarmaci" e stabilirà "protocolli con l'Università di Évora e l'INIA [Istituto Nazionale di Ricerca Agricola] per studiare le buone pratiche agricole".



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.