La corsa alla residenza nel Regno Unito lascia 600.000 domande non elaborate.

scritto TPN/Lusa, in Regno Unito, Notizia · 07-07-2021 13:23:00 · 0 Commmenti

Quasi 600.000 domande di europei per lo status di residenza nel Regno Unito sono irrisolte a causa di un grande afflusso prima della scadenza di mercoledì 30 giugno, secondo le statistiche pubblicate il 2 luglio dall'Home Office.

Il 30 giugno, la scadenza per lo schema di registrazione dei cittadini dell'Unione europea [EU Settlement Scheme, EUSS], erano state ricevute 6.015.400 domande, ma solo 5.446.300 erano state completate, lasciando 569.100 non elaborate.

Con l'avvicinarsi della scadenza, il numero di domande è salito alle stelle, raggiungendo le 12.000 al giorno. L'ultimo giorno, secondo il Daily Telegraph, sarebbero state ricevute 50.000 registrazioni.

Il partito di opposizione Liberal Democratico sta criticando il governo per non aver esteso la scadenza, lasciando più di mezzo milione di persone senza sapere quale sarà il risultato, che potrebbe influenzare i loro diritti di vivere e lavorare nel Regno Unito.

L'arretrato nell'elaborazione delle domande è cresciuto del 70% a giugno, quando più di 400.000 persone si sono iscritte all'EUSS, ma l'Home Office è stato in grado di completare solo 175.000 casi.

"Tale ansia e incertezza è crudele e non necessaria", ha detto il deputato liberaldemocratico Alistair Carmichael.

L'EUSS è stato aperto nel 2019 dopo l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea per concedere lo status di residenza ai cittadini dei paesi dell'UE, Islanda, Svizzera, Norvegia e Liechtenstein e ai loro familiari stretti.

Lo status permanente ("settled status") viene concesso dopo cinque anni di residenza continua nel paese, ma a coloro che sono lì da meno tempo viene dato uno status provvisorio ("pre-settled status") fino a quando non è trascorso il tempo necessario.

Senza una prova dello status, o un certificato di richiesta, le persone perdono i diritti di residenza e di lavoro e l'accesso ai servizi sanitari, educativi e di supporto sociale nel Regno Unito.

Il Ministero degli Interni ha promesso un "approccio pragmatico e flessibile" e di accettare le domande dopo il 30 giugno, valutando caso per caso le situazioni in cui ci sono ragionevoli motivi di ritardo.

Alla fine di marzo, il governo britannico aveva ricevuto 376.440 domande di cittadini portoghesi e 359.070 sono state completate, di cui 203.310 hanno ottenuto lo status di residenza permanente e 143.080 lo status di residenza provvisoria.

Organizzazioni indipendenti hanno ripetutamente avvertito del rischio che decine di migliaia di persone vulnerabili, come i minori affidati ai servizi sociali, quelli con problemi di salute, i senzatetto, le vittime di violenza domestica o gli anziani, diventino senza documenti.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.