"La maggior parte delle vittime di frodi bancarie sono consumatori e clienti delle banche con scarse competenze digitali", ha dichiarato Natália Nunes.

"È urgente creare modi rapidi per dare ai consumatori a rischio una certa alfabetizzazione digitale e finanziaria e, in questo modo, evitare le frodi bancarie", ha aggiunto.

Secondo DECO, la responsabilizzazione di clienti e consumatori per la transizione al digital banking e il miglioramento dei livelli di alfabetizzazione finanziaria della popolazione socialmente più vulnerabile contribuiranno a ridurre le disuguaglianze nella conoscenza e nell'accesso ai servizi bancari digitali.

"Il futuro delle banche è un tema che riguarda tutti i portoghesi", afferma Luís Matos Martins, CEO di Territórios Criativos.

L'aumento delle frodi bancarie registrato negli ultimi mesi, molte delle quali legate all'app MB WAY, ha evidenziato l'urgente necessità di attuare misure specifiche per prevenire questi crimini.

"L'analfabetismo digitale è un'emergenza sociale che si è aggravata con lo sviluppo dei mercati finanziari, la crescente complessità dei prodotti, dei servizi e degli strumenti finanziari digitali", afferma Luís Matos Martins.

Il sindaco di Alvaiázere, Célia Marques, ricorda la chiusura della filiale Millennium BCP nel suo comune a causa di "criteri di redditività economica" e i "gravi disturbi che ciò ha causato alla popolazione", una situazione che si è verificata in molte aree rurali del Paese.

"Gli abitanti di Alvaiázere, che non disponevano di un mezzo di trasporto per recarsi alla filiale più vicina, si sono trovati in grave difficoltà. Ma, soprattutto, erano limitati dal fatto di non avere sufficienti conoscenze per avviare una relazione digitale con la loro banca", spiega l'autrice.