Boom di agrumi dell'Algarve

scritto TPN/Lusa, in Algarve, Business · 16-07-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

La produzione e la vendita di agrumi in Algarve non è stata colpita dalla pandemia e le vendite sono aumentate nel 2020 raggiungendo livelli record.

"Nel primo anno (2020) c'è stata una domanda molto grande, che ha fatto salire i prezzi e tutti gli operatori del settore ne hanno beneficiato. In questa campagna, la domanda non è così accentuata, ma la produzione è stata più alta e non possiamo lamentarci", ha detto a Lusa il presidente della Cooperativa agricola degli agrumicoltori dell'Algarve (Cacial).

Per José Oliveira, il fatto che il settore non sia stato colpito dalla pandemia come altri settori, renderebbe "quasi un crimine lamentarsi di qualcosa" in relazione all'attività in questi due anni di pandemia. La professionalizzazione dei produttori e degli operatori è la ragione principale della migliore "salute" del settore, che si traduce in una maggiore redditività per tutti.

"Abbiamo avuto praticamente un'oasi nelle difficoltà economiche che quasi tutti i settori dell'economia hanno attraversato. Questi sono stati due anni di riposo in termini di commercializzazione", ha aggiunto.

Secondo il leader, la nozione che la vitamina C "aiuta nella lotta contro il Covid" ha fatto sì che i prezzi accompagnassero la domanda" nel primo anno della pandemia.

Per quanto riguarda i focolai tra i lavoratori agricoli, ha detto di non essere "a conoscenza di alcun problema serio" e ha affermato che i produttori stanno lavorando con le autorità sanitarie per "attuare piani di vaccinazione che coprano i lavoratori stranieri nella regione".

La classificazione come indicazione geografica protetta (IGP), l'attenzione al branding e all'esportazione delle arance dell'Algarve è un "riconoscimento della sua qualità" che si traduce in "molta domanda" dall'estero, e il fatto che "il 20% della produzione viene esportata" come alternativa al mercato interno.

Frusoal, l'organizzazione dei produttori di agrumi in Portogallo, ha anche confermato a Lusa la "fase positiva" della campagna Good 2020, con un "aumento dei prezzi", ma ha avvertito che il 2021 "non funziona allo stesso modo".

Secondo il socio gerente di Frusoal, Pedro Madeira, quest'anno il consumo e i prezzi sono "sostanzialmente più bassi" rispetto al 2020, ma la sua preoccupazione si concentra sulla "diminuzione del consumo di frutta in termini generali", che può rappresentare "qualche paura del domani" da parte dei consumatori.

La bassa produzione delle varietà che inizieranno la commercializzazione tra poche settimane, dà qualche speranza agli operatori di poter sperimentare "tranquillità durante tutta la campagna", ma la preoccupazione "per quello che può accadere" rimane, ha detto.
Sia José Oliveira che Pedro Madeira hanno sottolineato la necessità di "aumentare la superficie di produzione", poiché "la domanda è maggiore dell'offerta" e il Portogallo ha bisogno di importare agrumi.

A lungo termine, la preoccupazione si concentra sulla necessità di trovare soluzioni alla "scarsità d'acqua" essenziale per la produzione di frutta, ma anche per la principale attività economica della regione, il turismo.

Entrambi gli operatori considerano "scarsi" i fondi indicati nel Piano di recupero e resilienza (PPR) per risolvere il deficit idrico dell'Algarve. Plaudono alla costruzione della conduttura che porterà l'acqua dal fiume Guadiana, ma sono uniti nel sostenere la necessità di costruire un'altra diga per garantire l'approvvigionamento idrico e la "resilienza" della regione.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.