La seconda guerra mondiale vide un intervento governativo senza precedenti nella vita quotidiana del fronte interno britannico, e i vestiti furono razionati dal 1° giugno 1941. I tessuti erano essenziali per scopi bellici, come le uniformi, e riducendo la produzione di abiti civili, lo spazio e la manodopera delle fabbriche potevano essere liberati per la produzione bellica.

Il governo sostenne lo schema 'Make Do and Mend' che fu introdotto per incoraggiare le persone a ravvivare e riparare i vestiti logori. I vestiti fatti a mano e riparati a mano divennero essenziali, e la gente divenne creativa per necessità, trovando modi per fare e curare i vestiti. Ricordo che mia madre parlava di seta da paracadute "acquistata" per fare abiti da sposa, camicette e biancheria intima! Il paracadute di un soldato era un simbolo così potente che un uomo propose addirittura alla sua futura sposa di usare il suo paracadute al posto dell'anello di fidanzamento e lei disse 'sì'!

Qualcuno di voi ricorda vostra madre che gira i colletti? Chi sa davvero cosa significa? I colletti delle camicie erano l'unica cosa che si consumava, quindi venivano scrupolosamente scuciti, rigirati sul davanti e ricuciti al loro posto.
Qualcuno si prenderebbe la briga di farlo al giorno d'oggi? Ne dubito. Anche lei rammendava le lenzuola - da un lato all'altro - e non c'erano discussioni su chi stesse monopolizzando il letto, perché c'era una grande cucitura che si sentiva dividere il letto!

Un altro trucco era espandere una cintura. La cucitura posteriore dei pantaloni formali (da uomo) veniva aperta di qualche centimetro e un triangolo di materiale veniva cucito nella cintura e nella cucitura posteriore - immagino che l'uomo avrebbe avuto il terrore di togliersi la giacca per rivelare quanto peso aveva messo su intorno al centro.

I calzini da rammendo derivano dal razionamento della guerra, e inizialmente, la lana da rammendo era venduta per "matassa", cioè arrotolata e annodata, ed era priva di tagliandi per l'abbigliamento - finché non si scoprì che le signore la compravano e ne ricavavano interi capi di abbigliamento, così iniziò ad essere venduta in lunghezze corte avvolte su una carta. L'abile rammendatore aveva uno speciale attrezzo di legno che assomigliava a un fungo su cui allungare la calza per rendere il rammendo più facile. Al giorno d'oggi buttiamo via i calzini e ne compriamo altri.

Non sono sicura che la gente rammenda ancora. So per esperienza che a volte è più facile (e più economico) comprare un ricambio, che sia un paio di calzini o una lavastoviglie in questi giorni.

Sembra che ora viviamo in un mondo usa e getta, e se qualcosa si rompe o cade a pezzi usciamo e ne compriamo uno nuovo. Ti fai mai rammendare le scarpe in questi giorni? Giuro che le scarpe sono progettate per essere buttate via comunque, e probabilmente passano prima di tutto di moda. Ferro da stiro rotto?

Più economico comprarne uno nuovo... e così via. Oggetti grossi come le lavatrici vengono sostituiti perché far venire qualcuno a guardarla e prendere i pezzi (se si è fortunati) costa più di quanto valga.

L'altro aspetto del rammendo è la consapevolezza. Quando ti prendi il tempo per imparare a cucire e riparare i tuoi vestiti, sei costretto a rallentare e sei in grado di riflettere sul compito a portata di mano, ma ti dà questa sconvolgente realizzazione mentre lavori con i vestiti che qualcuno li ha effettivamente fatti. Le mani di una persona in Sri Lanka o Bangladesh o dovunque, hanno toccato ogni singola parte dei nostri vestiti, tagliando il modello e facendolo passare attraverso le macchine da cucire. Prima ancora, altre mani hanno tinto il tessuto e lavorato le fibre. Queste mani appartengono a persone che spesso non guadagnano uno stipendio, e che lavorano in condizioni pericolose solo perché noi possiamo avere i nostri vestiti a buon mercato.