Aziende alle prese con l'aumento del salario minimo

scritto TPN/Lusa, in Business · 16-07-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Circa 96.000 aziende hanno chiesto una compensazione per l'aumento del salario minimo nazionale nel 2021 e 3.000 si sono lamentate del modo in cui è stata contabilizzata la retribuzione.

Secondo il ministro dell'Economia Pedro Siza Vieira: "C'è stato un insieme di aziende che hanno presentato un reclamo sul modo in cui è stato quantificato il loro salario minimo", ha riconosciuto, aggiungendo che "su 96.000 aziende che hanno chiesto la compensazione, 3.000 hanno attirato l'attenzione su alcune discrepanze".

"Per quelle cercheremo di fare l'aggiustamento, per le altre cercheremo di effettuare il pagamento il più presto possibile", ha assicurato, pochi giorni dopo la fine del termine per le aziende di richiedere questo sostegno che restituisce alle imprese parte degli oneri aumentati con la Tassa Sociale Unica (TSU), che l'aumento del salario minimo implica.

La settimana scorsa, la Confederazione del Commercio e dei Servizi del Portogallo (CCP) ha avvertito che centinaia di aziende, che impiegano più di 100.000 persone, sono state escluse dalla compensazione dell'aumento del salario minimo del 2021.

"Due giorni prima della scadenza per le aziende di richiedere il sostegno negoziato con il governo per compensare l'aumento del salario minimo del 2021, centinaia di aziende di vari settori, che impiegano più di 100.000 persone, si trovano escluse da questa compensazione", ha avvertito la CCP in un comunicato.

Secondo il PCC, questa situazione è stata "segnalata più volte" dal PCC nel Comitato permanente per il dialogo sociale (CPCS) e nuovamente menzionata dal presidente della confederazione al ministro del Lavoro.

Secondo la CPCS, la situazione "penalizza in modo del tutto ingiusto e ingiustificato due tipi di situazioni molto comuni nelle imprese del commercio o dei servizi": i settori i cui contratti collettivi prevedono un salario minimo settoriale indicizzato e aumentato rispetto al salario minimo nazionale (ad esempio, il contratto collettivo delle imprese di pulizia prevede un salario minimo superiore dello 0,5 per cento al salario minimo nazionale); e le imprese in cui i lavoratori sono pagati con il salario minimo, ma che per forza di cose ricevono un'indennità per perdite di cassa.

"Nel primo caso" - ha spiegato - "la discriminazione scoraggia i settori a pagare sopra il salario minimo nazionale".

Nel secondo caso, "si penalizzano i lavoratori con una funzione specifica che richiede loro di assumere perdite di cassa".

A gennaio di quest'anno, il salario minimo nazionale è aumentato di 30 euro, a 665 euro, e il governo punta a 750 euro entro la fine della legislatura.

Durante il processo di negoziazione con i partner per fissare il salario minimo nazionale nel 2021, il governo ha annunciato la creazione di una misura per restituire alle imprese una parte dei maggiori oneri con la Tassa Sociale Unica (TSU), che l'aumento del salario minimo implica, e che si traduce in 7,13 euro al mese nel caso di 30 euro.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.