I cani avrebbero certamente attaccato gli aggressori di Moïse se non li avessero conosciuti, ma non avevano un graffio. Nemmeno le sue guardie del corpo, che in qualche modo non hanno sentito i dodici colpi che hanno ucciso il presidente e i numerosi altri colpi che hanno ferito gravemente sua moglie. Infatti, non hanno sentito niente, non hanno visto niente e non sanno niente.

Ma la polizia haitiana ha rapidamente arrestato quindici ex-soldati colombiani e ucciso altri tre. Con loro c'erano due haitiano-americani, e altri sei colombiani sono ancora in fuga: "Gli stranieri sono venuti nel nostro paese per uccidere il presidente", si lamenta il capo della polizia Léon Charles.

Perché qualcuno dovrebbe importare stranieri bianchi per assassinare il presidente di un paese nero? Haiti ha un sacco di gangster e sicari propri, e due dozzine di stranieri bianchi si farebbero notare un po'. In effetti, avete mai sentito parlare di una squadra di sicari composta da più di due dozzine di uomini? Eppure questa è la storia a cui si attengono gli uomini di Moïse - il che suggerisce che potrebbero essere coinvolti.

Gli assassini sarebbero arrivati in due grandi gruppi in maggio e giugno, e hanno passato il loro tempo in un hotel di periferia a Port-au-Prince. Poi una mattina presto della scorsa settimana sono andati al palazzo, hanno ucciso il presidente - e sono tornati ai loro hotel, dove la maggior parte di loro sono stati arrestati pacificamente alcune ore dopo.

La storia raccontata dalle loro mogli e famiglie in Colombia è un po' diversa. Dicono che i mercenari erano stati assunti come guardie del corpo per qualche haitiano di spicco (non sapevano chi) per 2.700 dollari al mese.

Si sono presentati ad Haiti e sono stati pagati, ma non c'era nessun lavoro effettivo da fare fino al 7 luglio. Hanno ricevuto un mandato d'arresto da un giudice e gli è stato detto di andare alla residenza di Moïse, prenderlo in custodia e portarlo al Palazzo Nazionale, dove presumibilmente sarebbe stato accusato.

Questo avrebbe potuto essere un compito difficile, dal momento che comportava il superamento delle guardie del presidente, ma stranamente non è stato un problema. I leader colombiani entrarono nelle stanze del presidente, trovarono Moïse morto e sua moglie ferita, e così se ne andarono di nuovo tutti, presumibilmente dicendolo alle guardie mentre uscivano.

Questa storia implica un'incredibile ingenuità dei mercenari colombiani, ma in realtà tutte le spiegazioni offerte sono incredibili. Assassini senza un piano di fuga, che secondo le telecamere di sicurezza sono arrivati alle 2.40 del mattino, un'ora e mezza dopo che Moïse è stato ucciso? Un importante politico dell'opposizione dice che sono state le stesse guardie di Moïse.

Oh, e ora le 'autorità' hanno arrestato Christian Emmanuel Sanon, un oligarca haitiano di 63 anni che è volato nel paese su un jet privato all'inizio di giugno con "motivi politici". Hanno arrestato l'"autore intellettuale" dell'omicidio? È solo un altro capro espiatorio? E comunque, chi sono "loro"? Non perdete tempo a domandarvelo. Non ha importanza.

Haiti ha la politica viziosa, contorta e in definitiva senza senso di una città-stato italiana del XVI secolo, con circa lo stesso standard di vita (60% della popolazione sotto la soglia di povertà, che è di 2,41 dollari al giorno). Ha la stessa casta dirigente lacerata e spietata, e gli stessi livelli di analfabetismo, lavoro minorile e violenza generale. Questo è solo un altro giro della ruota.

L'enigma di chi ha ucciso Moïse e perché potrebbe non essere mai risolto, anche se il candidato che emerge vittorioso dall'attuale gruppo di tre rivali che rivendicano la presidenza sarà un indicatore nella giusta direzione. Nessuno di loro cambierà il fatto che il paese è realmente gestito dai ricchi e dalle bande, spesso in collaborazione.

Haiti non è un paese "in via di sviluppo". È una società dove due élite ricche, una nera e l'altra mulatta, competono per il potere ma cooperano nell'opprimere e sfruttare tutti gli altri. Insieme rappresentano circa il 3% della popolazione; quasi tutti gli altri vivono in povertà, e la maggior parte nell'ignoranza. E non c'è sviluppo.

Ursula Le Guin una volta scrisse un racconto su una città straordinariamente ricca e sana dove tutti vivevano in pace e beatitudine, che era garantita per durare così a lungo che un solo bambino era tenuto imprigionato nella sporcizia, nel buio e nella miseria. Haiti è così, tranne che dieci milioni devono vivere in perpetua miseria per garantire la felicità di circa 300.000.
________________________________