Non importa quale - potrebbe essere un'accusa di frode o corruzione, o un reato sessuale, o incitamento alla violenza, o anche solo evasione fiscale. (E non importa nemmeno se sarà condannato; il vero dramma verrà prima.

Siamo stati tutti esposti al suo id furioso, e ormai le sue azioni sono abbastanza prevedibili. In particolare, sappiamo che la sua risposta standard a qualsiasi problema legale è quella di infierire che si tratta di un'altra "caccia alle streghe", e assumere qualsiasi avvocato che lavori ancora per lui per far respingere le accuse o almeno ritardarle indefinitamente.

In nessun caso Trump si presenterà docilmente in tribunale per combattere il suo caso, accettando di testimoniare sotto giuramento. Ha dato troppi ostaggi alla fortuna, e una volta che il processo è iniziato la sua destinazione finale è probabilmente multe enormi e/o prigione. Quindi deve trovare un altro modo per rispondere.

Abbiamo un esempio molto recente di cosa farà un ex presidente spietato e intrappolato per evitare quel destino. Jacob Zuma è stato presidente del Sudafrica per nove anni, e il suo comportamento al potere ha dato al mondo una nuova frase: "cattura dello stato". I suoi amici e partner commerciali hanno prosperato enormemente, e le loro attività sono costate al Sudafrica circa 83 miliardi di dollari.

Zuma ha anche affrontato accuse di stupro, e attualmente sta affrontando sedici accuse penali di frode, racket e riciclaggio di denaro. O meglio, non le sta affrontando: si è ripetutamente rifiutato di presentarsi in tribunale e rispondere alle accuse. Alla fine, la Corte costituzionale lo ha condannato a quindici mesi di prigione per oltraggio alla corte.

Zuma si è debitamente consegnato e ora è in prigione, ma sapeva cosa sarebbe successo dopo e contava su questo per liberarsi di tutti i suoi guai legali. Ed è successo: le parti del Sudafrica dove ci sono grandi popolazioni di Zulu, la stessa tribù di Zuma, sono esplose nella violenza.

Nel KwaZulu-Natal, la patria degli Zulu, e nella più grande area urbana del Sudafrica, la regione di Johannesburg, ci sono state violente proteste di massa che chiedevano la sua liberazione (quasi esclusivamente Zulu), che si sono trasformate in saccheggi di massa (ogni delinquente può partecipare). Circa 200 supermercati e molte altre attività commerciali sono state saccheggiate e bruciate, e 75 persone sono morte. 1.700 sono stati arrestati.

Il gioco di Zuma era chiaramente quello di spaventare il governo sudafricano per far cadere tutte le accuse, e potrebbe aver funzionato. In un paese di minoranze, gli zulu sono la minoranza più grande (22%), e si sentono storicamente in diritto a causa del loro passato dominio militare. Molti di loro sono scesi in strada per lui.

Ma il presidente Cyril Ramaphosa (che è nato nella tribù più piccola e innocua, i Venda) ha messo l'esercito nelle strade e lo ha affrontato. Le rivolte sono finite, tranne che nel KwaZulu-Natal, e anche lì stanno diminuendo in dimensioni e numero. Il futuro di Zuma non sembra luminoso.

Ora, cosa ha a che fare tutto questo con Donald Trump? Molto, perché si è fatto la figura e il presunto campione degli interessi della più grande minoranza americana, i bianchi non metropolitani degli Stati Uniti.

Costituiscono circa il 30% della popolazione statunitense, sono arrabbiati e spaventati per la loro graduale discesa ad essere solo un gruppo di interesse tra i tanti, e una parte significativa di loro è pronta a seguire Trump ovunque. Ignorano volentieri tutti i suoi peccatucci sessuali e finanziari e hanno persino ingoiato la Grande Bugia: che ha davvero vinto le elezioni del 2020.

I mulini della giustizia americana macinano ancora più lentamente di quelli dei tribunali sudafricani, ma sta arrivando il momento in cui Trump sarà accusato di un grave reato in uno dei diversi campi in cui è altamente vulnerabile. Si sottometterà docilmente alle sentenze della corte? Certamente no.

Farà come Zuma, tirando per le lunghe il più possibile e poi alla fine ricorrerà a un tentativo di sopraffare lo stato e la costituzione americana con la violenza nelle strade. L'ha già fatto una volta, e sicuramente lo farà di nuovo se è in gioco la sua libertà o anche solo la sua fortuna.

Gli esaltati parlano di una seconda guerra civile americana, ed è vero che Trump potrebbe convincere centinaia o addirittura migliaia di americani a uccidere e morire per lui. Ma il primo tentativo di Trump di usare questa strategia è fallito il 6 gennaio, e il ricorso di Zuma a tattiche simili sta attualmente fallendo sotto i nostri occhi.

Anche un ultimo tentativo di Trump di terrorizzare i tribunali fino alla sottomissione è quasi destinato a fallire - ma questo non significa che non ci proverà.