All'inizio stavo per scrivere del 'problema arabo', perché non c'è una sola democrazia funzionante nel mondo arabo. Il colpo di stato presidenziale di questa settimana in Tunisia ha probabilmente messo fine alla democrazia nell'unico paese che l'ha effettivamente raggiunta durante la 'primavera araba' del 2010-11.

L'Egitto è diventato democratico per un po', ma le stesse persone che hanno fatto la rivoluzione non violenta al Cairo nel 2011 hanno accolto il colpo di stato del generale Sisi nel 2013 perché il candidato dei Fratelli Musulmani ha vinto la presidenza. Né si sono opposti quando le truppe di Sisi hanno poi massacrato per strada circa 4.000 sostenitori pacifici del presidente Morsi.

In Siria, Yemen e Libia, i tentativi di rivoluzioni democratiche hanno portato a terribili guerre civili - e ora il Libano, la cosa più vicina a una democrazia araba per la maggior parte del secolo scorso (anche se sempre disfunzionale) sta effettivamente crollando. In un paese una volta prospero, molte persone sono vicine a morire di fame, e i disperati rifugiati siriani stanno tornando a vivere sotto il regime di Assad.

Credo che sia stato il Libano a mettermi su questa strada. Ci siamo andati qualche anno fa perché volevo che mia moglie vedesse il vecchio Libano prima che l'ISIS arrivasse sulle montagne e lo distruggesse, ma alla fine non è successo. Invece l'hanno fatto a se stessi. Perché il mondo arabo è maledetto?

Ma questo è troppo melodrammatico. Il mondo arabo è un outlier, ma non molto lontano. Considerate le Filippine, l'erede di non una ma due rivoluzioni democratiche non violente e una democrazia genuina oggi - con un presidente che è stato legalmente eletto cinque anni fa e che presto lascerà pacificamente la carica alla fine del suo unico mandato consentito.

Rodrigo Duterte è anche, per sua stessa ammissione, un assassino di massa i cui squadroni della morte hanno ucciso migliaia di persone. Alcuni erano veri spacciatori di droga e alcuni erano "falsi positivi", ma come probabilmente direbbe lui, non si può fare una frittata senza rompere le uova.

E in tutto questo tempo gli indici di gradimento pubblico di Duterte non sono mai scesi sotto il 70%. Ci sono molte persone che ammirano un leader 'forte', anche se è un assassino.

Lasciando da parte gli assassini veri e propri, il modello di leadership del 'maschio alfa' ha ancora successo in molti paesi che sono formalmente democratici: Putin in Russia, Orban in Ungheria, Erdoğan in Turchia. Infatti anche le democrazie genuine di lunga data possono essere sedotte da un "grande" leader, come De Gaulle in Francia. (No, non so dove si collochi Trump in questo Pantheon).

E tuttavia allo stesso tempo abbiamo paesi che rimangono democratici anche sotto grande pressione, come la democrazia del Brasile sotto l'attacco di Bolsonaro, il Sudafrica sotto Zuma (e durante il suo recente assalto allo stato di diritto), o l'Indonesia dai tempi di Suharto. La domanda non è perché la democrazia fallisce o perché ha successo? È perché fa entrambe le cose?

Le uniche persone che hanno risposte plausibili sono quelle che studiano la natura umana: gli psicologi e i sociologi, naturalmente, ma soprattutto (perché vanno alla radice del problema) gli antropologi, i primatologi e gli etologi. E molti di loro sosterrebbero che la razza umana ha una doppia eredità.

Siamo membri della famiglia dei primati e particolarmente vicini agli scimpanzé, le cui piccole società sono generalmente tirannie guidate da un maschio alfa. Gli altri membri del gruppo hanno forti riflessi di sottomissione per proteggersi dalla sua prepotenza (ma allo stesso tempo i maschi subordinati fanno costantemente alleanze e cercano di detronizzarlo).

Ma la nostra specie, l'homo sapiens, ha probabilmente trascorso la maggior parte della sua carriera vivendo in gruppi completamente egualitari di meno di cento persone. Non avevano leader formali, prendevano le loro decisioni per consenso e condividevano quasi tutto. Come facciamo a saperlo? Perché tutti i gruppi di cacciatori-raccoglitori che sono sopravvissuti nel passato recente vivevano così.

Due patrimoni: quello autocratico e quello egualitario. Li abbiamo entrambi, e possiamo passare dall'uno all'altro, ma la modalità predefinita è probabilmente quella egualitaria (cioè democratica), perché è il modo in cui abbiamo trascorso la maggior parte del nostro passato umano.

Quando abbiamo iniziato a vivere in società di massa circa cinquemila anni fa ("civilizzazione", come l'abbiamo chiamata), abbiamo dovuto diventare autocratici per un po', perché non si poteva gestire un
gruppo con migliaia o addirittura milioni di persone per consenso. Non c'era modo nemmeno di includere tutti nella discussione.

Quindi cinquemila anni di tirannia - ma non appena abbiamo avuto le comunicazioni di massa (solo la stampa, per cominciare), il modello egualitario ha cominciato a tornare, perché siamo più a nostro agio con esso.

Ora la chiamiamo democrazia, e certamente non significa uguaglianza assoluta. Significa che le differenze di ricchezza e di potere non devono diventare troppo grandi, o l'intera struttura del consenso crollerà e torneremo all'autocrazia. Tuttavia, la democrazia è la modalità predefinita.