I

e avete delle domande, potrebbe essere il momento di decidere cosa pensate, e più importante, cosa pensate di poter fare.

Quando ci guardiamo intorno, controlliamo le notizie, vediamo cosa sta succedendo nel mondo, e spesso molto vicino a casa, dovremmo porci delle domande. Le recenti inondazioni in Germania e in Belgio, con la chiusura delle stazioni della metropolitana, non ricordo che sia mai successo niente del genere. Una rivista scientifica ha detto: "Le inondazioni mortali dell'Europa lasciano gli scienziati sbalorditi".

A Londra, l'ospedale Whipps Cross nel nord-est ha cancellato tutti gli interventi chirurgici e gli appuntamenti ambulatoriali previsti per lunedì 26 luglio dopo che l'allagamento del seminterrato ha danneggiato i suoi sistemi elettrici e stava deviando le ambulanze verso altri ospedali vicini.

E il Portogallo?

Questa estate in Portogallo è stata insolita. In Algarve, giugno e luglio avranno normalmente alcune giornate molto calde, fino a 40˚c e peggio, almeno alcune notti calde e umide. Potremmo ancora avere questo in agosto, ma il modello del calore estivo è stato diverso. Secondo l'analisi delle stazioni meteorologiche globali di Berkeley Earth, il 2020 è stato l'anno più caldo in Europa da quando sono iniziate le registrazioni più di 300 anni fa.

Si può credere, come fanno molti, che tutto questo sia semplicemente la natura del tempo, in un periodo di anni i modelli meteorologici cambiano. Questo può essere vero. Pochi scienziati lo credono.

La domanda difficile è: se credo nel riscaldamento globale, cosa posso fare al riguardo? Forse pensate che questo sia un problema da risolvere per i politici e gli scienziati. Questo è semplicemente abdicare a qualsiasi responsabilità? Noi eleggiamo i politici, e loro ascoltano, o no, gli scienziati.

Cosa sta facendo il Portogallo riguardo al riscaldamento globale?

Il Portogallo sta facendo bene, probabilmente meglio di quanto immaginate. Secondo Euractive, https://www.euractiv.com/section/energy/news/portugal-breaks-100-renewables-mark-but-remains-isolated/ il Portogallo ha prodotto più energia da fonti pulite a marzo di quanta ne avesse effettivamente bisogno, segnando la prima volta nel 21° secolo che le rinnovabili hanno raggiunto il 100% della sua produzione. Il deputato verde Claude Turmes ha lodato il progresso "impressionante" del Portogallo.

Il Guardian ha recentemente riportato: "Il consumo di elettricità nel paese è stato completamente coperto dall'energia solare, eolica e idroelettrica in una straordinaria corsa di 107 ore che è durata dalle 6.45 di sabato 7 maggio alle 17.45 del mercoledì successivo".

Due parchi per la produzione a basso costo di idrogeno verde, con tecnologia sviluppata in Portogallo e considerata "innovativa e pionieristica" nel mondo, si stanno installando nel comune di Évora. https://www.theportugalnews.com/news/2021-07-30/pioneering-green-hydrogen-production/61369.

Repsol ha annunciato che espanderà il suo complesso industriale a Sines, in Portogallo, per renderlo uno dei più avanzati in Europa. La società ha detto che costruirà due impianti di materiali polimerici nel suo sito di Sines, che ha sottolineato rappresenta il più grande investimento industriale in Portogallo negli ultimi dieci anni con 779 milioni di dollari (657 milioni di euro). Gli impianti comprendono un impianto di polietilene lineare (PEL) e uno di polipropilene (PP), ciascuno con una capacità di 300.000 tonnellate all'anno. Repsol ha sottolineato che produrranno 100 materiali riciclabili che possono essere utilizzati per applicazioni nell'industria farmaceutica, automobilistica e alimentare.

Il Portogallo sta facendo molto, è generalmente considerato il terzo più avanzato in Europa nell'affrontare il riscaldamento globale e l'energia sostenibile. E voi?

Puoi fare la differenza?

Dato che non stai negando il riscaldamento globale, cosa puoi fare, e puoi fare la differenza. Suggerirei di smettere di guardare a ciò che puoi fare personalmente e iniziare a pensare a ciò che possiamo fare insieme. La cultura di oggi può tendere a farci pensare di più a noi stessi e al nostro diritto di azione indipendente, basato su ciò che è meglio per noi personalmente.

Ecco alcune idee su quello che potresti fare. Cambia le tue luci con un tipo a LED. Guidare meno, (più facile a dirsi che a farsi, soprattutto se si vive in una zona con trasporti pubblici limitati). Riciclare di più, la maggior parte dei comuni in Portogallo hanno installato isole ecologiche ovunque, ci sarà sicuramente una vicino a te. Ci vuole un po' di sforzo, ma farà la differenza. Evita i prodotti con molti imballaggi. Un'auto elettrica andrebbe bene, ma il suo costo è proibitivo e mancano ancora punti di ricarica accessibili.

Forse più controverso, si potrebbe diventare vegetariani o addirittura vegani. Entrambi questi gruppi sostengono che il consumo di carne, o anche di pesce, è dannoso per il pianeta. Le affermazioni di entrambi i vegani e vegetariani sono liberamente disponibili sul web. Personalmente non sono convinto, anche se accetto l'argomento che dovremmo consumare molta meno carne rossa ed essere più attenti alle nostre diete. Qualche anno fa non avevo conosciuto un vegetariano, figuriamoci un vegano. Ora conosco molte persone che la pensano così.

Se vuoi vedere quanto è alta o bassa la tua impronta di plastica: https://repurpose.global/survey. Ti ci vorranno un paio di minuti, ma è molto informativo.

Questo sito: https://davidsuzuki.org/what-you-can-do/top-10-ways-can-stop-climate-change/ ha alcune idee utili, viene dal Canada, ma è rilevante per tutti noi.

Questo non è il problema di tutti gli altri, è il nostro!

L'attivista climatico David Suzuki dice: In un mondo di più di sette miliardi di persone, ognuno di noi è una goccia nel secchio. Ma con abbastanza gocce, possiamo riempire qualsiasi secchio.