Laurent Binet non la pensa così. Il romanzo "Civiltà" dello scrittore francese, che ha iniziato a vincere premi non appena è stato pubblicato nel 2019, è stato tradotto in inglese e offre una storia alternativa in cui gli Inca e gli Aztechi hanno conquistato l'Europa. È finzione, naturalmente, ma fa pensare.

Binet inizia 1.000 anni fa con i viaggi vichinghi a 'Vinland' (Terranova), un fatto storico interessante che non ha avuto alcun impatto noto sul resto del mondo. Ma nella versione di Binet una singola banda di vichinghi naviga lungo tutta la costa e su per il Rio delle Amazzoni, conquistando infine e sposandosi con un gruppo di nativi amerindi.

Questo è l'elemento chiave della trama, perché questo gruppo di vichinghi vaganti non solo dà ai locali la tecnica per fare strumenti e armi di ferro. Dà anche ai nativi americani tutte le malattie eurasiatiche che uccidono rapidamente: vaiolo, colera, influenza, peste bubbonica, tifo, ecc.

Le prime generazioni di vittime locali muoiono in massa, ma 500 anni dopo i loro discendenti hanno tutte le stesse immunità degli europei. Così, quando Colombo si presenta nei Caraibi nel 1492, la popolazione locale è ben armata come il suo equipaggio, non si ammala e si mangia gli esploratori europei per pranzo (metaforicamente, ovviamente).

Poi un ex-monarca inca esiliato a Cuba fa fare ai suoi uomini il reverse-engineering delle navi di Colombo, costruisce alcune delle sue e parte per l'Europa per vedere cosa può conquistare o rubare. Segue una storia picaresca in cui una banda di 300 "conquistadores" incaici prima rovescia il re di Spagna e poi, modestamente rinforzata da altri avventurieri incaici, conquista anche l'Italia, la Germania e i Paesi Bassi.

Il re d'Inghilterra Enrico VIII, disperando di ottenere dal Papa l'annullamento del suo matrimonio di 24 anni con Caterina d'Aragona per poter sposare Anna Bolena, abbandona il cristianesimo e si dichiara il rappresentante locale del Dio Sole. La Francia viene invece conquistata dagli Aztechi, e tutti vivono turbolentemente per sempre.

C'è molto per divertire il lettore occasionale. Francisco Pizarro, conquistatore del Perù infatti, diventa il faccendiere personale del re Inca Atahualpa, sovrano di gran parte dell'Europa. Gli aztechi sono inorriditi dal modo in cui i cristiani bruciano vivi i loro sacrifici umani (gli eretici) invece di tagliare loro il cuore come fanno le persone ragionevoli. E così via.

Il messaggio sembra essere che i nativi americani, data l'opportunità, sarebbero stati imperialisti leggermente più gentili e illuminati degli europei che hanno ricoperto quel ruolo nella storia reale. Il che può essere vero, ma non è molto rilevante, dato che l'intero scenario è del tutto incredibile.

Non molto nella storia è inevitabile, ma la conquista delle Americhe lo era. Avrebbe potuto essere fatta dai cinesi o dai musulmani piuttosto che dagli europei, ma qualunque delle più antiche civiltà eurasiatiche avesse raggiunto le Americhe per prima era destinata a soppiantare le civiltà locali più giovani.

Il problema era la pura vulnerabilità biologica delle popolazioni del "Nuovo Mondo" nei confronti di persone provenienti dal "Vecchio Mondo", e l'espediente di Binet di avere i vichinghi della Groenlandia che accidentalmente conferiscono l'immunità agli abitanti del Nuovo Mondo 500 anni prima di Colombo non funziona. Gli allora nuovi insediamenti della Groenlandia erano così lontani dall'Europa, così piccoli e così raramente visitati che essi stessi non avevano un'immunità duratura.

Inoltre, le loro esplorazioni in Terranova e intorno al Golfo di San Lorenzo furono intraprese nella speranza di trovare qualche risorsa di valore da poter scambiare con Islanda e Norvegia in cambio di tutte le cose che non potevano produrre da soli.

Non appena i vichinghi groenlandesi trovarono qualcosa che riempiva il conto più vicino a casa - avorio di tricheco e narvalo dalla baia di Disko sulla costa nord-occidentale della Groenlandia - chiusero la base di Terranova e smisero di navigare verso ovest. L'idea che avrebbero mai potuto raggiungere i Caraibi, per non parlare dell'Amazzonia, è assurda.

La popolazione del Nuovo Mondo nel 1500 era probabilmente di circa 50 milioni di persone, che vivevano per lo più nelle grandi ma relativamente nuove civiltà di massa. Quella popolazione è scesa di circa il 90% nel secolo successivo. Così tante fattorie furono abbandonate che la temperatura globale scese (la "Piccola Era Glaciale") mentre le foreste ricrescevano e assorbivano enormi quantità di anidride carbonica.

Cosa ha ucciso quei 45 milioni di persone scomparse? Forse un milione morì per mano degli invasori europei, ma la stragrande maggioranza cadde vittima delle malattie eurasiatiche ad uccisione rapida. Se i cinesi avessero attraversato il Pacifico e raggiunto prima le Americhe, il risultato sarebbe stato esattamente lo stesso. Quelle civiltà erano condannate.