Nel Medioevo, le persone non avevano affatto dei piatti da cui mangiare - avevano qualcosa chiamato 'trencher', una fetta piatta e rotonda di pane solitamente raffermo, che avrebbe assorbito i resti della loro cena e poteva essere mangiata con la salsa dopo il pasto o data via ai poveri per mangiare.

Questo sembra il mio tipo di piatto - non si lava! Questo concetto di piatto piatto piatto esiste ancora oggi in una sola forma - una tavola da formaggio - un piatto senza labbro o bordo rialzato perché non è necessario per contenere il liquido.

Ma da cosa si mangiava prima della creazione dei piatti? Qualche tipo di ciotola primitiva? Si mangiava direttamente dalla pentola? Dopo "direttamente dalla pentola", immagino che le ciotole fossero le prossime. La più antica trovata è di origine cinese e risale a 18.000 anni fa. I piatti sono arrivati secondi, con la prima menzione di "piatto" che risale a più di 800 anni fa.

I piatti si sono evoluti da queste semplici idee, che di solito sono indicati come piatti "di porcellana", ma possono essere fatti da una vasta gamma di materiali di base - terracotta, gres, porcellana, bone china - persino plastica. Fino a circa un centinaio di anni fa, la Cina era molto più avanti dell'Occidente in termini di tecnologia della ceramica, ed era l'unica a poter fare la porcellana. Di conseguenza, la porcellana era chiamata 'China ware' o semplicemente 'China' e il nome è rimasto. Alcuni sono economici da sostituire, altri possono costare un braccio e una gamba.

Le stoviglie come le conosciamo noi iniziano con la terracotta, tradizionalmente fatta di argilla rossa o terracotta rossa. È pesante, robusto e casuale e di solito viene cotto sotto il 2012F, e dopo la cottura, il corpo della ceramica è poroso e spesso smaltato per renderlo impermeabile.

Il gres è simile, ma fatto di argilla più densa che viene cotta ad una temperatura più alta. Questo si traduce in un materiale più durevole, con una qualità simile alla pietra. Il prodotto finito è impermeabile e, a differenza della terracotta, non ha bisogno di essere smaltato. Non è così raffinato e delicato come la porcellana, essendo un prodotto più robusto e spesso, spesso preferito dai ristoranti per la sua durata.

La porcellana stessa ha un'incredibile durata derivante dall'alta temperatura di cottura. La composizione esatta della porcellana varia a seconda del suo uso e del produttore.

È più costosa perché fare la porcellana è veramente una forma d'arte.

Mettere a punto la miscela di caolino - morbida argilla bianca - e altri ingredienti, modellare un piatto fino a un bordo delicato, smaltarlo, cuocerlo e creare un prodotto quasi traslucido, è incredibilmente difficile. Viene cotto ad un calore elevato per diventare duro, e se questo suona molto simile a come si fa la ceramica, hai ragione, ma la temperatura di cottura è di circa 2250F.

La porcellana è tecnicamente un sottoinsieme specializzato della ceramica, entrambi sono fatti di argilla e cotti in forno, ma le materie prime sono diverse.

Infine, c'è la bone china, che contiene - sì, avete indovinato - osso. Leggera, durevole e solitamente la più costosa, la bone china di più alta qualità dovrebbe contenere almeno il 30% di cenere d'osso, e ha un prezzo più alto grazie ai materiali più costosi e al lavoro extra necessario per produrla. La bone china è più forte di quanto sembri. Il contenuto di ossa la rende più sottile e liscia della normale porcellana, dandole un colore bianco e cremoso e un'opacità. Ma non tutte le bone china sono uguali: la qualità dipende da quanto osso c'è nella miscela. Tieni un pezzo di bone china davanti a una luce e mettici la mano dietro. Se è il vero McCoy, dovresti essere in grado di vedere l'ombra delle tue dita attraverso la porcellana traslucida.

I piatti Charger sono qualcosa che mi ha sempre lasciato perplesso, ma sono progettati per l'uso nelle impostazioni della tavola formale per catturare pezzi di cibo e prevenire fuoriuscite e pasticci che cadono sul tavolo e macchiano la tovaglia (risparmiando sui costi di lavanderia - mi piace questa idea!) Aiutano anche a trattenere il calore nelle stoviglie in quanto sono posizionati direttamente sotto i piatti e le ciotole, ma se sono onesto, il cibo non si sofferma abbastanza a lungo sul mio piatto per raffreddarsi.