Era governata da fanatici rurali arrabbiati che tormentavano la popolazione locale con le loro regole demenziali per un corretto comportamento "islamico", ma non era una priorità militare o diplomatica per nessuno.

Sta per tornare a quell'esistenza isolata e isolazionista. Né allora né adesso i Talebani hanno una politica estera. Sono più come un'operazione di franchising i cui vari elementi condividono alcuni principi di base - ad esempio gli stranieri, le donne e la democrazia sono cattivi - ma i cui membri sono principalmente concentrati su questioni locali e ambizioni personali.

Questa non è la prima volta che il paese si trova in un tale casino, e circa l'unica cosa utile che l'attuale lotto di invasori stranieri può fare sulla loro via d'uscita è offrire rifugio all'estero al maggior numero possibile di afghani che si sono fidati delle loro promesse. Non sarà certamente più del dieci o venti per cento di quelli che si sono guadagnati la loro protezione.

I russi e gli americani condividono la colpa di questa catastrofe. È difficile credere che un Afghanistan non invaso avrebbe potuto evolvere pacificamente in una prospera società democratica con uguali diritti per tutti, ma "non invaso" è l'unica condizione in cui avrebbe potuto plausibilmente avvicinarsi a questo obiettivo.

C'era il germe di un tale processo di modernizzazione guidato localmente nel rovesciamento del re nel 1973 e la proclamazione di una repubblica afgana. Altri stati a maggioranza musulmana hanno fatto questa transizione con successo - la Turchia, per esempio, nonostante il suo attuale governo - ma il tentativo afgano non ha prosperato.

La resistenza violenta da parte dei gruppi sociali e religiosi tradizionali iniziò subito, e il traballante nuovo regime repubblicano fu rovesciato nel 1978 da un sanguinoso colpo di stato militare. I giovani ufficiali che presero il potere erano marxisti che imposero un programma di riforma radicale.

Essi diedero alle donne il voto e la parità di accesso all'istruzione, realizzarono riforme agrarie e attaccarono persino il ruolo della religione. Nel 1979, il regime marxista stava affrontando una massiccia rivolta nelle aree rurali conservatrici, e una fazione chiese l'aiuto militare sovietico.

La moribonda leadership comunista a Mosca accettò e 100.000 truppe sovietiche entrarono nel paese. La successiva guerra devastò il paese per un decennio - con molto aiuto da parte degli Stati Uniti.

"Il giorno in cui i sovietici attraversarono ufficialmente il confine (afgano), scrissi al presidente Carter: ora abbiamo l'opportunità di dare all'URSS la sua guerra del Vietnam", ha detto l'ex consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Zbigniew Brzezinski . Ha iniziato immediatamente a inviare denaro e armi ai ribelli rurali che poi sono diventati i talebani.

Ci sono voluti dieci anni, 40 miliardi di dollari di aiuti militari USA clandestini e circa un milione di morti afgani, ma nel 1989 i talebani e i loro vari rivali islamisti hanno costretto i russi a ritirarsi. Poco dopo l'Unione Sovietica crollò, e Brzezinski ne rivendicò il merito in modo arrogante ma poco plausibile.

"Cosa è più importante per la storia del mondo?" chiese "I Talebani o il crollo dell'impero sovietico? Alcuni musulmani sobillati o la liberazione dell'Europa centrale e la fine della guerra fredda?" In realtà, l'Unione Sovietica si stava dirigendo comunque verso il crollo, ma i "musulmani sobillati" si sono rivelati un problema abbastanza grande.

I Talebani presero il potere a Kabul nel 1996 dopo una lunga guerra tra i vari gruppi islamisti, e governarono la maggior parte del paese in modo cattivo e brutale per cinque anni. Poi un islamista arabo chiamato Osama bin Laden ha abusato dell'ospitalità del leader talebano Mullah Omar lanciando gli attacchi dell'11 settembre contro gli Stati Uniti nel 2001.

Bin Laden potrebbe anche non aver detto in anticipo al Mullah Omar degli attacchi. Il principio del "bisogno di sapere" per le operazioni segrete è contrario, così come la possibilità che il Mullah Omar possa aver proibito gli attacchi perché non voleva essere invaso.

Un'invasione americana era inevitabile dopo l'11 settembre, perché una qualche ritorsione spettacolare era politicamente necessaria. Questo ha portato ad altri vent'anni di guerra: i Talebani contro un altro gruppo di stranieri che hanno capito poco della storia recente del paese e del perché ha reso la gente locale profondamente diffidente verso gli stranieri "utili".

Ancora oggi gli americani non si rendono conto di quanto da vicino abbiano ricapitolato l'esperienza sovietica nel paese. La fine che ora si sta svolgendo era prevista fin dall'inizio, anche se ha impiegato il doppio del tempo per arrivare perché gli Stati Uniti sono molto più ricchi della Russia. Tuttavia, anche le conseguenze saranno le stesse.

Le varie fazioni dei Talebani si divideranno, per lo più su linee etniche, e seguirà un'altra guerra civile di durata incerta. Il dominio dei vincitori sarà crudele e arbitrario come l'ultima volta. E il resto del mondo perderà rapidamente interesse, perché l'Afghanistan non costituirà una seria minaccia per nessun altro.