Ho avuto il piacere di parlare con i talentuosissimi Suzy Starlite e Simon Campbell, che sono musicisti a tempo pieno e vivono nella bellissima Samora Correia a Santarém, da ottobre 2020.

Il duo ha formato la Starlite Campbell Band, nominata per il premio blues europeo e britannico, nel 2016 e ha viaggiato quasi ovunque, esibendosi in numerosi spettacoli e festival. Il genere della band è rock e blues britannico dalla metà degli anni '60 ai primi anni '70 e Suzy Starlite è cantante, autrice di canzoni e suona il basso, le tastiere e la chitarra. Simon Campbell è anche cantante, produttore discografico, autore di canzoni e chitarrista. Irradiano una tale positività in un momento così difficile e il loro nuovo secondo album "The Language of Curiosity" è sicuro di parlarvi in volumi e lasciarvi ispirati.

Erano entrambi musicisti prima di formare gli Starlite Campbell. Suzy mi ha raccontato come si è formata la band spiegandomi che "è stato piuttosto eccitante il modo in cui ci siamo incontrati, Simon aveva già un contratto discografico prima che ci incontrassimo ed era in tour in tutto il Regno Unito e io avevo preso l'altra strada, suonavo il corno francese a scuola e a 16 anni ho preso una chitarra ed ero semplicemente spinta a scrivere. Penso che a volte ci siano conversazioni che non puoi dire a parole e se le incornici in una canzone, puoi arrivare meglio alle persone in questo modo. Stavo scrivendo canzoni e Simon ha sentito alcune delle mie canzoni e mi ha aiutato a mettere insieme una band che si chiamava "Starlite", di cui lui era il chitarrista. Abbiamo fatto dei concerti come band e accidentalmente abbiamo finito per innamorarci. Simon ha una profondità d'animo e siamo andati avanti, e stiamo ancora andando avanti, audaci avventurieri insieme, siamo stati dei veri viaggiatori nomadi della musica!"

Il loro nuovo album "The Language of Curiosity" uscirà con il botto, letteralmente, dato che sarà disponibile il 5 novembre, la Bonfire Night. Simon ha continuato a dirmi che "è stato facile da scrivere, ma è stata un'esperienza tortuosa in fase di registrazione a causa delle restrizioni di viaggio pandemiche, nonostante questo, alcune delle tastiere sono state notevolmente registrate nei 'Rockfield Studios', in Galles, dove i Queen hanno registrato Bohemian Rhapsody".

Suzy ha continuato a parlarmi del nuovo album: "Ogni canzone è diversa ed esplora i problemi dei giorni nostri, usiamo suoni davvero interessanti. Siamo narratori moderni, cercando di portare sfaccettature di ciò che è come essere vivi ora, come piccole capsule del tempo, che è il motivo per cui tutti i suoni sono così vari". differisce abbastanza drasticamente dal loro primo album "Blueberry Pie" e "tutte le cose che state ascoltando da noi, tutte le tecniche suonano umane, poiché registriamo tutto dal vivo e in acustico. C'è molta acustica e molto rock and roll che riflette i testi".

'Distant Land' parla della crisi dei rifugiati, che è ovviamente un problema globale. La seconda è sui leader di Populus chiamata 'Gaslight' e la terza e anche il titolo dell'album è abbastanza diverso ma riguarda l'essere curiosi nel mondo in cui viviamo oggi e ha doppie armonie vocali. 'Take time to grow old', "tocca il tuo cuore, è un appello a non invecchiare ora, cosa vorresti fare. È un brano che ispira, invece di andare alla deriva giorno per giorno, perché ti spinge a provare qualcosa di nuovo visto che la vita è ancora tutta da vivere".

Inoltre, amano suonare davanti a un pubblico dal vivo, "torneremo nel Regno Unito per 14 date in ottobre e poi andremo in Olanda per un festival, in Germania e un tour in Repubblica Ceca. Abbiamo in programma un concerto nel sud di Lisbona, e stiamo cercando di suonare in tutto il Portogallo e la Spagna. La pandemia ha messo il mondo due anni indietro; è stato difficile programmare tour e concerti a causa della pandemia". Il gentile promemoria di Suzy è che se ti piace una band, "per favore prendi il biglietto e vai a sostenerli, perché hanno davvero bisogno di sostegno, dato che l'industria musicale è a pezzi".

Hanno gentilmente condiviso con me altri tre album che stanno per arrivare. In primo luogo, un album acustico chiamato "The Coat", che "è in gran parte scritto e in parte registrato. È spogliato e comprende canzoni molto intime, con basso acustico e pianoforte. La storia dietro "The Coat" è così speciale perché è dedicata alla mamma di Suzy e al fatto di volerla "amare e abbracciare". La mamma di Suzy "aveva l'Alzheimer precoce e quando ci stavamo sposando, mi sono seduta al piano e ho scritto una lettera d'amore a mia madre, pensando a come avrei voluto condividere quel momento con lei" "Il secondo album che verrà sarà una pubblicazione digitale solo di cover che amiamo e abbiamo un terzo album elettrico, che abbiamo virtualmente scritto e che sarà presto fuori."Mi hanno anche detto che vanno in tour come duo acustico e "vogliono suonare a livello locale e sicuramente vorrebbero fare qualche concerto e house concert in Algarve!", quindi ci sono sicuramente altre cose eccitanti in arrivo da Starlite Campbell.

Vi esorto a controllare questa fantastica band, hanno dato "il loro cuore e la loro anima" al loro nuovo album 'The Language of Curiosity' e sarà disponibile su tutte le piattaforme il 5 novembre. Potete pre-ordinare il loro eccitante nuovo album ora, sul loro sito web all'indirizzo http://starlite-campbell.com. Allo stesso modo, potete trovarli anche su Spotify a "Starlite Campbell Band".