Alla domanda sulla fine dell'uso obbligatorio della maschera, il presidente della Repubblica ha ricordato che si tratta di una decisione dell'Assemblea della Repubblica, che si riunirà di nuovo in plenaria solo a settembre, quindi ha sostenuto che la proroga di questa decisione "è una buona coincidenza, dopo aver lasciato passare qualche settimana". "Sono stato uno dei primi a metterla e sarò uno degli ultimi a toglierla. Voglio vedere prima i numeri di agosto e settembre", ha detto ai giornalisti Marcelo Rebolo de Sousa, che stava parlando durante una visita al centro di vaccinazione di Alcabideche, nel comune di Cascais.

Durante il monitoraggio della vaccinazione dei ragazzi di 12 e 15 anni, il presidente della Repubblica ha invitato i giovani "che non sono ancora stati vaccinati, a vaccinarsi per favore" prima dell'inizio dell'anno scolastico, al fine di evitare il contagio e la diffusione del virus e contribuire a una maggiore copertura dei cittadini nazionali con la vaccinazione completa: "Se i giovani e i genitori vogliono più prevenzione che cura, devono stravolgere la loro vita e sacrificare le vacanze, accelerare questo processo e avere la doppia vaccinazione. Se esitano, aspettano di vedere cosa succede al vicino, poi, all'inizio della scuola, sono soggetti a prendere il Covid", ha sottolineato.

Oggi, il paese si prepara ad entrare in una nuova fase di allentamento dell'isolamento, il presidente della Repubblica ha anche fatto appello al "buon senso" dei cittadini, difendendo che "maggiore libertà significa che c'è maggiore responsabilità". "Ci sarà il ritorno dalle vacanze e l'inizio dell'anno scolastico, ci sarà più movimento di persone da altri paesi e sappiamo che ci sono paesi in cui la vaccinazione non è al nostro livello, quindi dovremo monitorare molto attentamente le prossime quattro settimane e poi, continuando la vaccinazione, vedremo esattamente cosa sta succedendo in altri luoghi e se ci riguarda o meno", ha spiegato Marcelo Rebelo de Sousa, che preferisce togliere la maschera solo a settembre e desidera che la gente "la usi il più possibile anche in spiaggia".

Il presidente della Repubblica si è rallegrato "di vedere migliaia e migliaia [di persone che si vaccinano]", considerando che "è sempre bene aprire spazi di libertà" alla popolazione e ha lodato il lavoro della Task Force, creata per gestire il processo di vaccinazione, e la Direzione Generale della Salute.