La terza edizione di BoCa si intitola "Prove You Are Human" e si svolgerà per 7 settimane dal 3 settembre fino al 17 ottobre, a Lisbona e nelle città ospiti Almada e Faro. "Prove You Are Human" comprende opere di 40 artisti nazionali e internazionali, tra cui il regista americano Gus Van Sant, Grada Kilomba, Anne Imhof, Capicua, Jonathan Uliel Saldanha, Odete, Miles Greenberg e il collettivo femminista cileno LASTESIS.

Il fondatore di questo progetto e direttore artistico, John Romao ha spiegato che BoCa "è un'associazione culturale; è stata fondata nel 2015 e la prima edizione di BoCa è stata nel 2017. Abbiamo attività continue durante l'anno in generale e questi eventi biennali sono solo una delle attività. Oltre a questo, abbiamo diverse attività come programmi educativi, tournée e progetti che commissioniamo con artisti residenti ogni due anni e facciamo una diffusione del loro lavoro e facciamo le estensioni dei progetti in diverse città portoghesi così come a livello internazionale."

"Prove You are Human" si concentra su "pratiche interdisciplinari" tra cui arte visiva, performing art e musica. Si svolgerà in diversi spazi tra cui teatri, spazi culturali, musei e natura. Inoltre, in modo più unico, questo progetto offre la difesa della natura attraverso la "Piantagione di 7.000 alberi" con cui si chiede al pubblico di guardare la natura come uno spazio di programmazione culturale e artistica perché l'arte può avere luogo ovunque ci troviamo.

Abbiamo parlato di ciò che spicca veramente in questa edizione e John Romao mi ha detto che Uno dei migliori esempi di questo è nella mobilitazione del collettivo attivista femminista LASTESIS, che nel 2020 ha esteso la performance di strada "A Rapist in your Path" a più di 50 paesi, mostrando il suo senso di umanità attraverso l'empatia radicale."Gli artisti-attivisti cileni vengono per la prima volta in Portogallo per sviluppare una performance insieme a 80 donne locali nel corso di cinque giorni, la performance "Resistance", che denuncia la violenza del pensiero coloniale e dell'estrattivismo".

Un altro artista che spicca è "The Boat" di Grada Kilombra che comprende tre performance con 20 artisti locali della diaspora africana, che si svolgono a Lisbona il 3 e 25 settembre e il 17 ottobre. "Grada Kilomba apre anche la strada a una rottura con la visione oppressiva e coloniale del passato con le performance adiacenti a "O Barco/The Boat", dove 20 artisti locali della diaspora africana hanno il ruolo principale, per creare uno spazio di bonifica, lamentazione e ritualismo affinché la Storia possa essere recuperata e riscritta" "Grada Kilomba è un autore, teorico e artista interdisciplinare portoghese che vive a Berlino. Il suo lavoro ruota intorno alla memoria, al trauma, alla razza e al genere, è stato tradotto in molte lingue e pubblicato in numerose antologie internazionali, così come messo in scena a livello internazionale. Il suo lavoro è particolarmente noto per la creazione di uno spazio ibrido in cui i confini tra i linguaggi accademici e artistici sono soppressi, utilizzando una varietà di formati dalla scrittura e la messa in scena dei suoi testi, all'installazione video e alla performance, creando ciò che lei chiama "Performing Knowledge".Dalla nostra conversazione, ho appreso che l'idea dietro "Prove you are Human" riguarda la realizzazione di progetti che portano consapevolezza e a pensare alla Terra. Inoltre, si tratta di mobilitare il pubblico ad agire e pensare all'etica della vita e alla responsabilità. Romao ha spiegato come "Abbiamo capito che in questo periodo di crisi, abbiamo molta più responsabilità di quanto forse pensavamo di avere, in termini di responsabilità personale e collettiva e allo stesso modo di affetto e importanza della Terra."

Dimostra di essere umano

"Abbiamo capito dal virus, siamo solo un elemento di questo sistema e il titolo dell'edizione viene da come online un robot digitale ci chiede se siamo umani e non robot ma, nel nostro programma, risponde ad altri significati come la responsabilità, molti artisti stanno riscrivendo la storia e scrivendo nuove narrazioni e non dall'esempio della prospettiva del colonizzatore ma dalla prospettiva del colonizzato."Questa edizione si concentra sulla creazione di nuove narrazioni attraverso l'immaginazione e come può curare il passato e che abbiamo tutto questo potere, per ripensare e re-immaginare il potere.

Questo suona come una grande sfida per il pubblico in quanto siamo sfidati a fare meglio e questa edizione è evidentemente molto rilevante ora per quanto riguarda il cambiamento climatico e un sacco di questioni importanti sono sollevate attraverso le opere degli artisti in che abbiamo bisogno di mobilitare e quanto sia fondamentale il potere del collettivo in realtà. "Un modo in cui stiamo mobilitando il pubblico ad agire è attraverso la piantagione di 7.000 alberi che è una celebrazione di Yosef Boyes in quanto era il suo centenario, così abbiamo scelto questo titolo dal suo lavoro del 1982 chiamato "7.000 querce", ma pensiamo che la diversità sia molto meglio al giorno d'oggi, così lo abbiamo cambiato in alberi perché sarà la piantagione di diverse specie locali che lavorano bene in ogni regione."Questo sarà un progetto di 10 anni in cui mobilitiamo il pubblico per piantare un albero ma anche per intitolare ogni piantagione, collegando la creazione artistica e la creazione naturale. "Gli artisti hanno recuperato più tempo a causa della pandemia ma il mercato capitalistico che è nel mondo dell'arte, è così condensato e il tempo è così importante per la natura così come artisticamente, che è dove questa idea viene."È un progetto che recupera la manutenzione, poiché va avanti per 10 anni, quindi la gente continuerà a piantare un albero ogni anno e migliaia di nuove piantagioni saranno fatte e nel complesso si otterrà una foresta di opere d'arte che sono alberi", la cosa più singolare è che ogni albero avrà il proprio titolo e sarà piantato da una sola persona. Le iscrizioni per questo si aprono in ottobre, e faranno una chiamata aperta al pubblico per piantare il proprio albero, che avrà luogo da ottobre a dicembre.

Infine, avranno anche cinque workshop, dibattiti e relatori ospiti a Lisbona che coincideranno con le date della BoCa Summer school, che includerà danza, arti performative, sociologia, cinema e musica e abbiamo alcuni colloqui con artisti che fanno parte del nostro programma, tra cui "un lavoro intermedio, ispirato all'afro-futurismo e al tropicalismo brasiliano, uno spettacolo è anche un omaggio al regista mozambicano Ruy Guerra" con cui si celebrerà il suo 90° compleanno. Il regista Pedro Costa terrà anche un emozionante discorso, dopo il trionfo di "Vitalina Varela".

Per maggiori informazioni su questo imperdibile programma e per iscriversi alla "Piantagione di 7.000 alberi" si può consultare https://bocabienal.org/conceito-2021/. Inoltre, i biglietti possono essere acquistati anche su www.ticketline.sapo.pt.