Secondo alcuni studi, gli empatici costituiscono solo il due per cento dell'intera popolazione e, secondo Eva Eulenstein, Coach e Facilitatrice, questo tipo di persone, cioè le donne, spesso nascondono la propria personalità per adattarsi alle esigenze sociali, il che può renderle spesso malate o, almeno, infelici.

Come coach, ha scelto di dedicare la sua vita specificamente a queste signore di sensibilità superiore. Vuole mostrare al mondo che: "Essere empatici è un superpotere, non una maledizione".

Ma chi sono questi empatici? In breve, mentre l'empatia è qualcosa che tutti noi sperimentiamo nel corso della nostra vita, essere un empatico potrebbe essere ancora più speciale. Ecco come scoprire se sei un empatico.

Tratti di un empatico

Per cominciare, mi ha detto che se qualcuno entra in una stanza e sente automaticamente l'atmosfera del posto, forse quella persona è un empatico. Può iniziare a sentirsi molto male, nauseato o, al contrario, essere influenzato positivamente dalla vibrazione del luogo.

Un'altra caratteristica è la capacità di sentire il dolore e le emozioni degli altri. Questo non è sempre un bene, perché se non lo controlli, finisci per essere così coinvolto da non riuscire a separare ciò che è tuo e ciò che non lo è. Questo non è lo stesso che avere compassione o un tipo di empatia momentanea, va più in profondità. Se sei un empatico, puoi sentire la tristezza delle persone e quasi il loro dolore fisico. Inoltre, sai facilmente quando qualcuno sta mentendo.

Per quanto riguarda la vita lavorativa, dove Eva è una specialista, "Gli empatici sono persone molto sensibili che hanno bisogno di molta libertà per fare le cose con i loro tempi e a modo loro. Non possono essere inscatolati in un sistema rigido dalle 9 alle 17. Vogliono lavorare quando vogliono e stare da soli quando ne hanno bisogno, in un posto dove possono fare delle pause o muovere il loro corpo quando ne hanno bisogno. Più libertà e autonomia hanno, meglio è per gli empatici - possono essere più felici e più creativi".

Inoltre, è importante per gli empatici "avere uno scopo e un lavoro significativo dove hanno la sensazione che stanno davvero avendo un impatto, e sentirsi bene alla fine della giornata" Secondo lei, gli empatici sono desiderosi di aiutare "perché sentono il dolore e vogliono offrire supporto. Potrebbe essere: le persone, l'ambiente o una causa specifica".

"Gli empatici hanno spesso problemi con troppo rumore o odori forti perché sono molto sensibili. Se sono esposti a tutti questi sensi, possono facilmente essere sovrastimolati", ha aggiunto Eva.

Per gli empatici, la crescita personale è anche importante. Così sul posto di lavoro, Eva ha spiegato che devono avere spazio per imparare di più sulle cose interessanti.

Empatici al lavoro - coaching

Eva vuole dare potere a queste donne empatiche per aiutarle ad uscire dagli schemi e a condurre una vita veramente significativa e adatta a loro: "Questo tipo di donna lotta di più con il normale sistema di lavoro, lavorando 40 giorni a settimana in ufficio, con alto stress e in un ambiente altamente competitivo, e io do loro il coraggio di creare veramente una vita professionale che è energizzante per loro, che sentono adattarsi a chi sono, con i loro valori, e permette loro di fare la differenza che vogliono nel mondo".

Salute, vita personale e carriera, Eva crede che tutto sia collegato: "Penso che sia un'illusione poter separare queste aree della vita, perché passiamo così tanto tempo a lavorare - sarebbe così triste pensare che per otto ore della mia giornata posso essere infelice o qualcun altro, e poi quando arrivo a casa, posso essere felice. Quindi il mio desiderio è quello di integrare veramente tutte le parti della vita delle persone in modo che possano sempre essere la versione migliore di se stessi. Non penso che dovremmo essere qualcun altro quando andiamo a lavorare", ha detto.

Anche se gli empatici sono altamente sensibili, questo non significa che siano meno potenti. In altre parole: "Spesso, molte persone hanno l'equivoco che le persone sensibili siano molto deboli. Voglio dimostrare che l'empatia è un grande dono, perché come puoi sentire così tanto, sai cosa sta succedendo e agisci davvero e aiuti le persone e giochi una regola importante e condividi il tuo messaggio. Non è una maledizione essere più sensibili, ma il contrario, è un super potere", ha detto.

Ritiro di coaching

Oltre alle sessioni di coaching, Eva sta conducendo un ritiro di sette giorni in Algarve, più precisamente presso la casa boutique Ana -Ana a Portimão, dove vuole riunire le imprenditrici che condividono gli stessi tratti empatici.
"Questo ritiro intimo è progettato per voi per prendere una pausa dalla vostra vita aziendale, riconnettersi con la vostra saggezza interiore, scatenare la creatività e costruire una tribù internazionale con le stesse idee", ha detto.

"Ho incontrato tante belle persone nel mio viaggio che mi piacerebbe riunire per godersi la natura e sostenersi a vicenda" ha detto, aggiungendo che "a volte, se sei un'empatica che lavora in proprio, puoi sentirti un po' sola, ecco perché vorrei riunire queste signore, nel luogo in cui mi sono innamorata che è Portimão", dove ha sede.

Per ulteriori informazioni sul lavoro di Eva o per iscriversi al ritiro - che deve essere fatto fino al 29 agosto - si prega di visitare il suo sito web: https://www.eulenstein-coaching.com/the-marvellous-retreat-for-empathic-female-entrepreneurs-algarve.