Il fallimento fondamentale del partito è quello di creare una società, dopo settant'anni di potere assoluto, che è disuguale quanto quella degli Stati Uniti. L'uguaglianza era l'obiettivo che giustificava presumibilmente tutte le uccisioni e l'oppressione, ma l'uguaglianza è più lontana che mai.

I redditi pro capite sono ancora molto più bassi in Cina che negli Stati Uniti, perché ha iniziato a svilupparsi rapidamente solo circa quarant'anni fa (in termini di tenore di vita personale, i primi tre decenni di governo comunista sono stati completamente sprecati). Ma da allora l'abisso tra i ricchi e gli altri si è inesorabilmente allargato fino ad avvicinarsi allo standard americano.

Non importa quale misura si usi. Andate con il coefficiente di Gini, un modello matematico della disuguaglianza in una società, e gli Stati Uniti segnano 47 mentre la Cina ottiene 46,5. (Più alto significa più diseguale: la maggior parte dei paesi sviluppati ha un punteggio tra i 30 e i 30.) Ma i numeri concreti sono in qualche modo più convincenti, e raccontano la stessa storia.

Se si prendono i redditi del 20% superiore della popolazione statunitense e li si confronta con quelli del 20% più basso dei lavoratori americani, il quinto più ricco guadagna 9,4 volte di più del quinto più povero. In Cina, il quinto superiore guadagna 10,2 volte di più del quinto inferiore.

Scavate più in basso e confrontate i redditi del 10% più ricco con quelli del 10% più povero, e le differenze di reddito sono ancora più drammatiche. Il decimo più ricco dei cinesi ottiene 21,5 volte più soldi del decimo più povero. Negli Stati Uniti è 18,5 volte di più.

Gli americani sono abituati a queste disparità, e possono consolarsi con il mito delle "pari opportunità" (se non sei ricco, è colpa tua. Non ti stai impegnando abbastanza). I cinesi sono nuovi a questa situazione, e l'ideologia ufficiale dice ancora che le persone dovrebbero essere uguali. Questo è l'obiettivo che si suppone giustifichi la dittatura perpetua del Partito.

Quindi la grottesca disuguaglianza è imbarazzante per il Partito, e potenzialmente molto pericolosa. Ai tempi in cui l'economia cinese cresceva dell'8-10% all'anno, questo poteva essere ignorato - una marea crescente solleva tutte le navi, anche le più povere - ma l'era della crescita rapida è finita. Prima o poi i perdenti della corsa si renderanno conto di aver perso definitivamente.

Lo scorso maggio il premier Li Keqiang ha rivelato che 600 milioni di cittadini cinesi (circa il 40% della popolazione) guadagnano 5 dollari al giorno o meno. Questo non è un bel vedere in un paese che ha più miliardari (1.058) degli Stati Uniti, e la direzione del Partito non è stupida. Bisogna fare qualcosa.

Ecco perché il presidente Xi Jinping sta parlando di una nuova politica di "prosperità comune", imponendo anche una censura più severa e altri controlli sociali. L'idea è quella di prevenire i problemi appianando le disuguaglianze più grossolane e insegnando ai miliardari più in vista un po' di umiltà: non bloccate l'economia, ma distribuite un po' la ricchezza.

Il Partito sapeva che questo giorno sarebbe arrivato quando quarant'anni fa ha abbandonato per la prima volta gli ideali comunisti per sfuggire a tre decenni di crescita zero: "Lascia che alcune persone si arricchiscano prima", ha detto Deng Xiaoping, e ha preso la strada del capitalismo. Ha anche funzionato, ma ha portato con sé la solita disuguaglianza capitalista.

Ora la Cina è abbastanza ricca che il regime può iniziare a diffondere la ricchezza, ma non è chiaro se i comunisti in carica saranno in grado di farlo accadere.

Non è impossibile. Ricche democrazie capitaliste come Francia, Germania, Canada e Giappone riescono ad avere divari di reddito tra i ricchi e il resto solo circa la metà di quelli degli Stati Uniti e della Cina. Ma i più grandi paesi sviluppati, Cina e Stati Uniti, sembrano incapaci di gestirlo. Forse è solo una questione di dimensioni.

Le disparità di reddito negli Stati Uniti stanno aumentando da quarantacinque anni, con gravi conseguenze sociali, ma l'essere democratici non permette agli Stati Uniti di affrontarle meglio. Al contrario, la polizia americana è stata trasformata in una forza militarizzata che essenzialmente gestisce con la forza i risultati sociali della disuguaglianza.

Nel 1970, c'erano 200.000 persone nelle prigioni statunitensi; ora ce ne sono 2,3 milioni. Più di un quarto degli americani adulti (77 milioni) ha una fedina penale. Quali sono le probabilità che gli autocrati anziani che governano la Cina facciano meglio?