Sia le aziende che i politici possono certamente "parlare", ma stanno "camminando"? Questo potrebbe essere il decennio in cui salveremo il pianeta. Ma dobbiamo portare avanti le promesse, le politiche e lo sforzo collaborativo necessario per proteggere la natura dal collasso.

L'industria delle compagnie aeree sta facendo del suo meglio per convincerci che stanno raggiungendo la neutralità del carbonio, ma guardate le scritte in piccolo. British Airways ha detto in un recente comunicato stampa che avrebbe reso tutti i voli all'interno del Regno Unito carbon neutral dal 1° gennaio 2020. Splendida notizia, hanno iniziato a usare carburante sostenibile per l'aviazione o anche a testare motori elettrici o assistiti. No, ma l'industria aeronautica ci sta lavorando, ma al momento manca ancora qualche anno. Per citare BA, stanno lavorando per raggiungere le emissioni nette di carbonio zero entro il 2050.

Discorsi di ritardo

Quello che stanno facendo, è quello che stanno facendo molte compagnie, stanno investendo in progetti di riduzione del carbonio, in altre parole supportando qualcun altro, certamente meglio che non fare nulla, ma è ancora spostare la responsabilità su una terza parte. Si noti che nella maggior parte dei casi delle compagnie aeree, il supporto alle compagnie di compensazione neutrali al carbonio non fa parte della tariffa aerea, si paga un extra per questo. Non costa loro nulla, ma fa bella figura.

Per citare ancora The Guardian, "Inun documento pubblicato sulla rivista Global Sustainability lo scorso luglio, l'economista William Lamb e quasi una dozzina di co-autori hanno catalogato la messaggistica più comune da coloro che preferirebbero vedere l'inazione sul clima il più a lungo possibile. Secondo il team di Lamb, i "discorsi di ritardo" dell'industria si dividono in quattro gruppi: reindirizzare la responsabilità (i consumatori sono anche da biasimare per le emissioni di combustibili fossili), spingere soluzioni non trasformative (il cambiamento dirompente non è necessario), sottolineare il lato negativo dell'azione (il cambiamento sarà dirompente), e arrendersi (non è possibile mitigare il cambiamento climatico)".

In altre parole, trovare modi per evitare di fare davvero qualcosa. Forse l'osservazione più perspicace è "incolpare il consumatore". Purtroppo, in molti modi siamo da incolpare. Sappiamo tutti che l'aviazione è un contributo sostanziale al riscaldamento globale, ma preferiamo ancora volare. Controllo della realtà, le emissioni di CO2 delle compagnie aeree stanno aumentando fino al 70 per cento più velocemente del previsto.


La compensazione del carbonio è un grande business

Diventa chiaro che molte aziende e governi vogliono farvi credere che sono "guerrieri" per la neutralità del carbonio, ma la realtà è un po' diversa. Ci sono ora grandi aziende che vendono servizi di compensazione del carbonio a chiunque li voglia, aiutano le grandi aziende a fare bella figura mentre in realtà non fanno nulla da sole.

La scorsa settimana il governo britannico ha segretamente abbandonato una serie di impegni sulclima per assicurarsi un accordo commerciale post-Brexit con l'Australia, come sembrano mostrare le e-mail trapelate. Il business viene prima, ancora una volta. Una sezione che faceva riferimento agli "obiettivi di temperatura dell'Accordo di Parigi" è stata cancellata dall'accordo dopo le pressioni del governo australiano

Ma che dire dell'impegno del Regno Unito a diventare carbon neutral?


Il Regno Unito sta progettando di aprire una nuova miniera di carbone

Il Guardian ha recentemente scritto: "Un utente casuale dei social media potrebbe avere l'impressione che l'industria dei combustibili fossili si veda come un guerriero della giustizia sociale, che lotta per conto dei poveri, degliemarginati e delledonne- almeno sulla base del suo materiale di marketing negli ultimi anni".

Lo scorso maggio la giornalista britannicaRebecca Willis ha scoperto che il consiglio della contea di Cumbria ha aiutato un'azienda con i piani per una nuova miniera di carbone, per produrre carbone da coke per la produzione di acciaio. Questa sarebbe la prima nuova miniera di carbone profonda nel Regno Unito da 30 anni, e l'unica attiva: l'ultima di quelle vecchie hachiuso nel 2015. Scavare carbone - il più inquinante di tutti i combustibili fossili - non è una definizione di leadership climatica. Eppure, solo un paio di settimane dopo, il comitato di pianificazione del consiglio della contea di Cumbria ha votato all'unanimità a favore della miniera. Leggi il suo articolo qui per maggiori dettagli. https://www.theguardian.com/environment/2021/may/27/dig-coal-to-save-the-climate-the-folly-of-cumbrias-plans-for-a-new-coalmine

Il segretario del governo locale britannico Robert Jenrick ha ora ordinato un'inchiesta pubblica. Credo che il pubblico darebbe una risposta molto breve e netta a questa proposta, a meno che non voglia rimandare la gente nelle miniere a inquinare l'atmosfera. Naturalmente si potrebbe sostenere che questo sarebbe un bene per l'agricoltura. I minatori affamati di carbone vorranno mangiare molta carne di manzo. Difficile, visto che il bestiame è la prima fonte agricola di gas serra in tutto il mondo. Ogni anno, una singola mucca erutta circa 220 libbre di metano.

Le credenziali ambientali di una delle catene di hamburger più conosciute al mondo, che sostengono che gli hamburger "a zero emissioni" siano stati messi in discussione dopo che è emerso che la catena di fast-food stava usando controverse compensazioni di carbonio per fare la richiesta.


Come sta andando il Portogallo?

Non c'è un paese al mondo che sia sulla buona strada per ridurre le emissioni nella misura necessaria per mantenere il riscaldamento globale sotto i 2 gradi Celsius (3.7 Fahrenheit). Il Climate Change Performance Index, prodotto da Germanwatch e Climate Action Network Europe, classifica i paesi in base alle loro emissioni di gas serra, agli sforzi di riduzione delle emissioni, all'efficienza energetica, ai portafogli di energie rinnovabili e alle politiche volte a rallentare il cambiamento climatico. Il Portogallo è terzo. Solo per vedere quanto è buono, gli Stati Uniti si sono classificati 40° su 58 paesi sul Climate Change Performance Index, solo tre punti sopra la Cina.

Il Portogallo mira ad essere neutrale per il clima entro il 2050 e a coprire l'80% del suo consumo di energia con energie rinnovabili entro il 2030.

Il Portogallo si è impegnato a chiudere tutti gli impianti di produzione di carbone del paese entro il 2030, rendendolo quasi completamente dipendente dalle energie rinnovabili nei prossimi anni. A partire dal 2019, il carbone fornisce ancora il 40% del fabbisogno energetico del Portogallo. Ad aprile 2021, solo una centrale a carbone era ancora in funzione, con chiusura prevista per novembre 2021.

La centrale di Sines, gestita da EDP, è stata chiusa il 15 gennaio 2021, quasi dieci anni prima di quanto inizialmente previsto. La centrale era responsabile del 12% di tutte le emissioni di gas serra in Portogallo, e la sua chiusura ha significato la più grande diminuzione di emissioni inquinanti nella storia del paese. La centrale di Pego sarà l'unico impianto a carbone funzionante, e lo farà fino al novembre 2021, la data prevista per la sua chiusura.

Non c'è bisogno di andare lontano per vedere impianti di energia solare installati in tutto il paese. Il Regno Unito sta aprendo miniere di carbone, il Portogallo le sta chiudendo. I fatti parlano da soli.

Quando i governi e le aziende vi dicono quanto stanno facendo per essere neutrali al carbonio, guardate le scritte in piccolo!