Erano il mio genere di piante - prosperavano sia che le innaffiassi una volta alla settimana o che me ne dimenticassi per un mese, ed erano a crescita così lenta che non avevano mai bisogno di potature o tagli. Alcune erano pelose, altre appuntite, alcune avevano uncini mortali che ti si conficcavano nelle dita se non stavi attento, e sarebbe stato un inferno rimuoverli. Avevo anche una pianta ragno - questa era un po' più bisognosa, richiedeva annaffiature regolari, e di tanto in tanto sparava dei "bambini" quando non guardavo, che dovevano essere tagliati via prima che mettessero radici nel terreno dei cactus accanto a lei.

Ora vivo in Portogallo, dove i cactus crescono facilmente sotto il sole caldo e stanno bene all'esterno - alcuni crescono anche in natura, e stanno bene, grazie mille. Ne ho alcuni in vaso che ho coltivato da talee o che ho comprato al supermercato, o in un momento di follia, ho speso in un centro di giardinaggio. Una volta ho anche visitato un giardino privato molto impressionante dove ogni pianta era un cactus o una succulenta, alcune erano enormi giganti che devono aver impiegato anni per crescere così in alto.

Ma ora devo stare molto attenta, perché ho dei cani che si aggirano tra i cespugli e le piante, esplorando gli odori e, ehm, alzando le zampe (se mi capite), e non vorrei dover estrarre una di quelle barbe uncinate da qualche piccolo posto importante. Inoltre, uno dei cani è cieco, quindi non voglio nemmeno che abbia le spine negli occhi.

Così ho optato per le piante grasse, e che piacere sono! L'Agave Attenduata Nova è una delle preferite, foglie morbide senza spine che crescono in una rosetta, un bel colore blu-grigio, un gigante assoluto di una pianta.

Graptopetalum (ce ne sono diversi tipi), il mio ha un delicato fiore giallo a forma di stella, che è davvero bello. Aeonium Arboreum, a volte chiamato rosa irlandese, ha vistose rosette di verde che diventano di colore rosa-rosso, con un alto stelo legnoso che è così facile da coltivare. Gli steli possono essere staccati e piantati, e persino alcuni di quelli che ho rimosso e gettato via sul cumulo di compost hanno messo radici!

Alcune cose belle sulle piante grasse - la maggior parte non ha punte spigolose (queste ottengono un 'tick' da me), prosperano nell'abbandono (tick), amano il sole (tick), non hanno bisogno di molta acqua (tick). Immagazzinano l'acqua nelle loro spesse foglie carnose e nei loro steli e vanno avanti con le loro piccole vite allegre, alcuni gettano un fiore di tanto in tanto, e questi sembrano durare per secoli. Sono tutti a crescita lenta, e se diventano troppo grandi possono essere tagliati per lasciare la crescita più recente.

Ma uno che ha bisogno di cure speciali è un Sedum, credo si chiami Lemon Coral - è fragile come il vetro soffiato. Basta toccarlo e ne cade un po' per mettere radici, e in poco tempo ne avrete un tappeto che cresce intorno alla pianta "madre". Ma hanno un bel colore verde fresco, che contrasta bene con il blu/grigio delle altre piante grasse, ed è facile mettere in vaso le punte cadute come regalo per gli amici che sono interessati alle piante.

Ci sono così tante specie di cactus e succulente che mi sarebbe difficile identificarne la maggior parte! Ma sono economiche da comprare, facili da coltivare, facili da fare talee, e generalmente, il terreno ha solo bisogno di essere ben drenato con un po' di sabbia, pomice o perlite mescolata, anche se devo dire che le mie stanno bene nel terriccio. Basta tenere quelle appuntite, spinose e uncinate fuori dalla portata dei vostri animali domestici!