Secondo il presidente di Turismo dell'Algarve, João Fernandes, mentre la stagione del golf nella regione ha avuto un inizio positivo, c'è anche la speranza che gli indicatori positivi potrebbero continuare fino a febbraio o marzo del prossimo anno, contribuendo a rilanciare il settore che è stato colpito duramente a causa delle restrizioni che sono state messe in atto a causa della pandemia di Covid-19.

"Da settembre a novembre, abbiamo livelli molto alti di domanda", ha detto il presidente di Turismo do Algarve all'agenzia di stampa Lusa, sottolineando che la ripresa in questo segmento di mercato potrebbe anche "avere domanda da febbraio o marzo" del 2022, dopo un sondaggio sulle restrizioni ai viaggi nel Regno Unito a causa della pandemia.

Il momento più popolare per i golfisti che affollano i campi dell'Algarve è di solito durante la tradizionale bassa stagione delle vacanze estive. Questo non è sfuggito a João Fernandes che ha detto che il golf ha sempre avuto la "sfortunata coincidenza che i periodi di blocco coincidono con i periodi di maggiore domanda abituale", tuttavia "da settembre di quest'anno in poi, il settore ha iniziato ad attirare la domanda".

Per il capo del turismo dell'Algarve questa nuova domanda è stata guidata da "due fenomeni interessanti".Secondo Fernandes, l'aumento della domanda è stato influenzato da "prenotazioni successive che sono state rinviate e confermate, le cosiddette 'riprenotazioni'", e da una "ricerca di offerte 'last minute', molto vicine al luogo della prenotazione stessa", che è stata ulteriormente stimolata dal ritorno dei golfisti britannici e irlandesi e dal recupero di questo mercato chiave che rappresenta "il 73% delle partite di golf in Algarve".

Mercato britannico e irlandese

"Con l'IGTM [International Golf Travel Market] che si sta svolgendo in Galles, che è la principale fiera del settore nel mercato del golf, ho avuto l'opportunità di raccogliere il feedback dei 40 campi da golf 'in loco' dell'Algarve, e ho avuto un feedback molto positivo, con i campi praticamente pieni fino alla fine di novembre e con la domanda ancora in corso per dicembre", ha detto.

Secondo il presidente di Turismo do Algarve, "le aspettative, soprattutto da marzo, e in alcuni casi fino a febbraio", indicano un "mercato del golf che si sta riprendendo fortemente", aggiungendo al "comportamento molto positivo" del principale mercato per questo prodotto in Algarve, gli inglesi e gli irlandesi.

Elidérico Viegas ha detto a Lusa che le "prospettive per il golf, date le circostanze, sono abbastanza buone", risultando in "una ripresa dopo quasi più di un anno e mezzo senza turisti e praticamente senza attività", tuttavia, non ritiene ancora che il settore sia tornato al livello che si vedeva prima della pandemia.

Secondo il presidente dell'Associazione degli hotel e delle imprese turistiche dell'Algarve (AHETA), il golf "presenta già un recupero interessante, e l'atteso sollevamento delle restrizioni nei paesi di origine dei turisti "si tradurrà in un graduale aumento delle ricerche per questo segmento di mercato".