Noi inglesi indossiamo un papavero sbocciato sul bavero ogni anno per il Remembrance Day, che commemora inizialmente la fine della prima guerra mondiale, e mostriamo il nostro rispetto comprando un papavero per onorare coloro che sono caduti in battaglia. Si celebra l'undicesimo giorno dell'undicesimo mese all'undicesima ora - con 2 minuti di silenzio alle 11 del mattino. Oggi questo include la seconda guerra mondiale, la guerra delle Falkland, la guerra del Golfo e i conflitti più recenti in posti come l'Afghanistan e l'Iraq.

Mi sono chiesta come tutto è cominciato, e apparentemente è stata un'idea di una signora americana (beh, non lo sapevo!) chiamata Moina Michael, che era una professoressa e umanitaria che aveva visitato l'Europa durante l'inizio della prima guerra mondiale ed era stata in Germania nel luglio 1914. Si recò a Roma nel suo tentativo di tornare a casa, e mentre era lì, assistette circa 12.000 turisti americani a cercare un passaggio per tornare a casa.

Per farla breve, il 9 novembre 1918, ispirata dalla poesia sul fronte di battaglia del canadese John McCrae 'In Flanders Fields', scrisse una poesia chiamata 'We Shall Keep the Faith' in omaggio ai versi di apertura della poesia di McCrae - In Flanders fields the poppies blow / Between the crosses row on row,' e fece voto di indossare sempre un papavero rosso come simbolo di ricordo per coloro che hanno servito in guerra, essendo il papavero un simbolo di vita dopo la morte.

I suoi papaveri di seta ispirarono Anna Guérin, una donna francese coinvolta nel commercio francese di fiori artificiali, che fondò l'idea del Papavero della Memoria e continuò a vendere papaveri in Australia, Nuova Zelanda, Canada e Gran Bretagna. Il primo "Haig Fund" fu lanciato nel 1921 usando papaveri artificiali fatti da donne e bambini nelle zone devastate della Francia, e raccolse 106.000 sterline. Anna Guérin convinse il conte Haig, comandante in capo del Regno Unito e presidente della Legione britannica, ad adottare il papavero come simbolo di raccolta fondi della Legione britannica. Il primo "Poppy Day" fu un tale successo che la domanda superò di gran lunga l'offerta di papaveri prodotti in Francia, così Haig dovette cercare un fornitore britannico.

Qui entra in gioco la connessione britannica - il maggiore George Howson, che era un ufficiale dell'esercito britannico durante la prima guerra mondiale, si impegnò che la Disabled Society potesse fornire alla Legione Britannica i papaveri per l'ente di beneficenza, il Fondo Haig. La sua visione era quella di dare un lavoro retribuito ai veterani britannici feriti nella prima guerra mondiale, e la forza lavoro crebbe fino a quando alla fine fu rilevata da macchine che producevano papaveri di carta per essere venduti dalla Legione britannica. La loro sede sulla Old Kent Road a Londra era troppo grande e la fabbrica di papaveri si trasferì nel sito della Lansdown Brewery a Richmond, utilizzando i fondi donati da Howson, e la fabbrica rimane lì oggi. Il luogo fu scelto con cura per dare aiuto e riabilitazione ai militari feriti dopo la guerra, e furono forniti alloggi e servizi in loco per aiutare i feriti e le loro famiglie. Oggi la Poppy Factory fornisce ancora supporto lavorativo ai veterani feriti, malati e feriti, e ora produce circa 36 milioni di papaveri all'anno, esportando papaveri e corone in oltre 120 paesi fuori dal Regno Unito, principalmente per gli ex-patrioti che vivono all'estero.

Nel 1928, il maggiore Howson fondò il Field of Remembrance all'Abbazia di Westminster, un evento commemorativo di due settimane per i veterani e i membri del pubblico per rendere omaggio a coloro che hanno perso la vita in battaglia. Il campo si tiene ancora ogni anno e viene aperto il giovedì prima della domenica di commemorazione.

So che questo potrebbe non essere rilevante per molti lettori, ma la storia di indossare il papavero potrebbe essere interessante. Le guerre continuano ancora, quindi forse dovremmo tutti riconoscere la sofferenza di tanti nel mondo indossando un papavero.