Si tratta di un festival transdisciplinare di arti contemporanee che si svolge dal 2011 e che è cresciuto rapidamente con artisti locali, nazionali e internazionali e promette una forma più sperimentale di produzione artistica.

Questa edizione del festival

Il festival comprende: cinema, danza, musica, performance, teatro, mostre, dibattiti e laboratori educativi per bambini. Il festival è iniziato il 4 novembre e continua fino al 20 novembre in vari luoghi culturali di Lagos, Loulé e Faro.

Il festival, prodotto dall'associazione culturale casaBranca, è dedicato alla promozione della creazione contemporanea in Algarve: "Ogni settimana dell'evento, una città sarà il centro del festival, con la missione di sensibilizzare e avvicinare la comunità alle nuove forme d'arte. Inoltre, il programma è fortemente impegnato in una componente educativa, presentando un ampio elenco di proposte per le scuole e le famiglie."

Il Festival Verão Azul è diretto dal duo artistico Anna Borralho e João Galente, con il supporto della curatrice Catarina Saraiva. Ho avuto il piacere di parlare con Catarina Saraiva del festival e con Pauliana Valente Pimentel, della sua intima mostra fotografica "Faro Oeste", che è stata commissionata dal festival.

I temi del festival

Questa edizione si concentra principalmente sul dibattito di questioni importanti attraverso temi contemporanei come "la democrazia, l'uguaglianza dei diritti e l'ambiente ed è stata sviluppata nel corso di quattro anni con molto amore". Catarina mi ha detto che "dopo la pandemia, abbiamo deciso di concentrarci sulla domanda "cosa significa vivere?" e "qual è il ruolo dell'arte in questo modo?"Il programma è fatto per "provocare i pensieri delle persone in modo positivo e anche per guardare ai temi che il pubblico trova preoccupanti nella società", e ha aggiunto che questo festival è tutto per "creare gioia dopo la pandemia ed è un programma che si concentra maggiormente sugli artisti nazionali e locali, dato che la sezione cultura è stata colpita duramente in Portogallo, durante la pandemia".

Uno sguardo al programma

Il ricco programma comprende 29 proposte artistiche sorprendenti ed è accessibile a tutti, con Catarina che spiega che "la maggior parte degli spettacoli sono in portoghese e che sono eventi a basso costo con alcuni eventi gratuiti". Il programma divertente comprende: una performance e una mostra di belle arti intitolata "The Car Cultural Centre" il12 e13 novembre a Cerca do Convento do Espirito Santo Loulé. Inoltre, il 12, 13 e 14 novembre ci sarà uno spettacolo di Alex Cassal alla Biblioteca Municipal de Loulé chiamato "The end of the world Library", che ricrea l'ultima notte prima dell'apocalisse. Seguirà lo spettacolo di Bonneville intitolato "The Importance of Being Alan Turning" al Teatro das Figuras di Faro, che Catarina ha confermato "è ottimo per gli anglofoni ed è una serie di spettacoli sulla vita e le opere di artisti e pensatori la cui importanza è stata vitale nel suo percorso artistico", "Za! Impossible Work Songs" il 20 novembre, che è un tour musicale a piedi che comprende "il repertorio tradizionale delle canzoni di lavoro dell'Algarve incentrate sull'agricoltura e la pesca" che termina al Teatro das Figuras. Infine, lo spettacolo di chiusura del festival sarà "BlackBambi" il 20 novembre, che è un progetto di musica elettronica all'Associação Recreativa e Cultural de Músicos di Faro.

Mostra fotografica "Faro-Oeste

Pauliana Valente Pimentel è una fotografa freelance nata a Lisbona nel 1975 e ha gentilmente spiegato la sua mostra nel festival, in modo più dettagliato. "Faro Oeste" si concentra sulla comunità Rom in Algarve ed è esposta al Museu de Faro fino al 19 dicembre. Ha spiegato che bshe "è sempre venuta in Algarve in vacanza e sono sempre stata interessata alla forte presenza della comunità rom in Algarve" ed è "affascinata dal modo in cui le comunità rom hanno mantenuto vive le loro tradizioni così come il loro modo di vivere nomade"."Nel 2019, "ha iniziato un progetto che coinvolge la comunità rom in Algarve" e mi ha detto di essere grata per il festival e le associazioni che sostengono il popolo rom, che le hanno permesso di creare questa mostra. Pauliana "con calma ha dovuto guadagnare la fiducia delle comunità rom e lentamente ha guadagnato la loro fiducia parlando con loro ogni giorno" e le è stato dato il permesso di fare fotografie per questa mostra.

Mi ha detto che "ha imparato molto sulle condizioni che affrontano, senza elettricità e ha assistito a momenti molto tristi". Il progetto mira a sfidare le opinioni comuni delle comunità rom attraverso la fotografia delle famiglie nei campi nelle zone di Faro, Loulé e Boliqueime. Ha continuato dicendomi che "Faro Oeste" mostra "come vive la comunità rom e mette in evidenza le loro tradizioni e sottolinea il pregiudizio, il razzismo e gli stereotipi che affrontano, compreso il modo devastante in cui i negozi mettono ornamenti a forma di rana fuori per scoraggiare i rom ad entrare nel loro negozio perché sono superstiziosi e sono troppo spaventati per entrare."Mi ha detto che voleva "mostrare la dura realtà di come vivono e che la gente non li ignori perché fanno parte della nostra società".

Attraverso le sue fotografie si può vedere la loro povertà, ha aggiunto che l'obiettivo delle sue fotografie emotive è quello di iniziare "una conversazione molto necessaria sulla comunità rom e di aumentare la consapevolezza degli sforzi positivi che fanno e di sfatare gli stereotipi, condividendo che lei "ha visto i genitori preoccuparsi per l'istruzione dei loro figli, lavare i loro figli e le loro lunghe passeggiate per portarli a scuola su terreni fangosi e difficili dove i bambini arrivavano a scuola tutti sporchi a causa del loro viaggio difficile."La cosa più importante è che questa mostra avrà anche conferenze e dibattiti guidati, poiché Pauliana ha invitato i Rom ad assistere a queste discussioni con i visitatori e a far partecipare scuole e associazioni.

Per maggiori informazioni sul programma del Festival Verão Azul e per prenotare il vostro biglietto per uno qualsiasi dei loro eventi, consultate www.festivalveraoazul.com. Allo stesso modo, potete contattare info@festivalveraoazul.com o chiamare il numero + 351 92 400 92 34.