Diretta da Tiago Guedes e interpretata da Miguel Nunes e Victoria Guerra, Glória è la serie con il budget più alto nella storia della produzione portoghese, mentre è la prima serie ad essere trasmessa sulla piattaforma di streaming con il maggior numero di abbonati nel mondo.

Sfondo della guerra fredda

Il thriller si basa su uno sfondo della Guerra Fredda e si svolge nel villaggio di Glória do Ribatejo, Portogallo, dove per decenni ha operato un centro di trasmissione americano (RARET) con l'obiettivo di trasmettere propaganda occidentale ai paesi del blocco orientale.

Nonostante sia una storia di fantasia, Glória è basata su fatti reali e può essere vista come un modo per imparare un po' di più sulla storia portoghese prima della rivoluzione dei garofani, per portoghesi e non. Come la maggior parte delle storie, ha un tocco di romanticismo per scaldare la trama, ma è soprattutto molto incentrato sullo spionaggio degli anni '60 e sul sistema politico portoghese.

Più specificamente, si basa sulla dittatura, conosciuta come Estado Novo, che si è perpetuata grazie alla paura e alla repressione della polizia politica fino al 1974 e alla guerra nelle colonie che ha portato alla morte molti giovani in Africa.

Il protagonista della serie è l'ingegnere João Vidal (l'attore Miguel Nunes), figlio di un leader dell'Estado Novo, reclutato dal KGB, la polizia segreta di Mosca.


Identità portoghese

I film portoghesi in generale hanno caratteristiche molto specifiche come: riprese molto lunghe; toni scuri nelle riprese; canzoni tristi e storie nostalgiche.

Questo non è diverso. I registi hanno fatto uno sforzo per mantenere l'identità portoghese, senza dimenticare che stavano lanciando una serie per il mondo che aveva bisogno di alcuni adattamenti per globalizzarla e renderla attraente per il grande pubblico.

In un'intervista all'agenzia di stampa Lusa, lo sceneggiatore della serie, Pedro Lopes, ha detto che Glória rappresenta l'ingresso del Portogallo "in un altro livello di cinematografia" nel paese.

Glória, la cui prima stagione di dieci episodi è disponibile su Netflix, è una coproduzione di SPi e RTP, che trasmetterà anche la serie, in una data da annunciare.

"Questo progetto ha portato una storia originale, non solo per i non portoghesi, che hanno cominciato a capire il ruolo che il Portogallo ha giocato come piattaforma in questo periodo della guerra fredda; e anche per i portoghesi, perché RARET, nonostante sia un complesso di 200 ettari dove hanno lavorato 500 persone, rimane un segreto ben custodito durante tutti questi anni", ha spiegato.

Pedro Lopes ha sottolineato la rilevanza di Netflix, che opera in Portogallo dal 2015: "Credo che Glória su Netflix, che è leader nello streaming con oltre 293 milioni di abbonati e presente in oltre 190 paesi, possa portare visibilità al Portogallo e al nostro settore".

Glória ha debuttato su Netflix in un momento in cui anche altre piattaforme di streaming stanno producendo e trasmettendo serie di fiction portoghesi, come Auga Seca, di HBO Portugal, e Operação Maré Negra, di Amazon Prime Video.

La serie Glória vede la partecipazione di Victoria Guerra, Afonso Pimentel, Adriano Luz, Carolina Amaral, Joana Ribeiro, Albano Jerónimo, Marcelo Urgeghe, Stephanie Vogt e Jimmy Taenaka, tra gli altri.