Il gruppo di lavoro, che sarà composto da elementi della Direzione generale degli istituti di insegnamento e della Direzione generale dell'amministrazione scolastica, collaborerà direttamente con le scuole per valutare situazioni concrete di necessità.

La misura è stata annunciata al termine della presentazione di una diagnosi del fabbisogno di insegnanti dal 2021 al 2030, da parte dell'Universidade Nova de Lisboa, che conclude che, a causa del numero di insegnanti che dovrebbero andare in pensione nei prossimi anni, sarà necessario assumere un totale di 34.500 professionisti entro il 2030/2031 per garantire che non ci sia carenza di insegnanti nelle scuole.

Tuttavia, il problema della mancanza di insegnanti non è uno scenario futuristico, è già visto in alcune scuole, in particolare nelle regioni di Lisbona e Vale do Tejo e Algarve, e in materie specifiche come Informatica, Inglese, Portoghese e Geografia, soprattutto nel 3° ciclo e secondaria.

Pertanto, il Ministero dell'Istruzione cercherà di alleviare il problema con la creazione della 'task-force' per risolvere gli orari non riempiti, ma il segretario di Stato ha ricordato che l'esecutivo sta prendendo misure dal 2015 per alleviare il problema, facendo riferimento alle riserve di assunzione, che ora sono settimanali, o il legame di 11.000 insegnanti negli ultimi sei anni.