Quest'anno i risultati del Portogallo sono stati migliori di quelli di Svezia (8°), Finlandia (9°) e Croazia (10°), secondo il rapporto EF English Proficiency Index (EF EPI) - che analizza i dati di due milioni di non anglofoni in 112 paesi e regioni.

In una classifica guidata dai Paesi Bassi per il secondo anno consecutivo, il Portogallo è solo dietro all'Austria (2°), Danimarca (3°), Singapore (4°), Norvegia (5°) e Belgio (6°). Nell'Europa meridionale i portoghesi sono ancora i migliori anglofoni, lasciandosi alle spalle Grecia (19°), Francia (30°), Spagna (33°) e Italia (35°).

I 625 punti ottenuti dai portoghesi sono il miglior record di sempre per il Portogallo in questa classifica, dopo che due anni fa il paese è passato nel gruppo dei paesi con "alta competenza".

Inoltre Porto è, per il terzo anno di fila, la città portoghese dove si parla meglio l'inglese, Coimbra è al secondo posto e Lisbona occupa il terzo posto.

Sul lato opposto della classifica mondiale, agli ultimi posti ci sono la Repubblica Democratica del Congo (110°), il Sud Sudan (111°) e lo Yemen (112°).

"Nonostante il calo del numero di viaggiatori in tutto il mondo, l'inglese continua a facilitare la comunicazione oltre a permettere nuovi modi di lavorare. L'EF EPI di quest'anno è più distribuito che mai e fornisce informazioni preziose ai governi per valutare le loro politiche di apprendimento della lingua e per evidenziare le aree strategiche di miglioramento", ha detto Kate Bell, autrice dell'EF English Proficiency Index.

"L'EF EPI si basa sui risultati dell'EF Standard English Test (EF SET), il primo test d'inglese standardizzato gratuito al mondo. L'EF SET è stato usato in tutto il mondo da scuole, aziende e governi per test su larga scala", secondo una nota inviata a The Portugal News.

Gli uomini meglio delle donne in inglese

Inoltre, per la prima volta, lo studio rivela che in tutto il mondo gli uomini parlano inglese meglio delle donne. Ad eccezione dell'Asia e dell'Africa, dove le donne sono ancora migliori degli uomini, tutte le regioni del mondo seguono la stessa tendenza: l'inglese delle donne rimane lo stesso mentre quello degli uomini migliora.

In Portogallo, gli uomini sono riusciti a ottenere una classificazione migliore delle donne. Anche così, le donne portoghesi quest'anno hanno già un ottimo livello di inglese con 621 punti, un valore superiore a quello dell'anno scorso e ben al di sopra della media degli uomini nel mondo (508 punti).

Per quanto riguarda le fasce d'età, i giovani portoghesi tra i 21 e i 25 anni continuano ad essere quelli con la migliore conoscenza dell'inglese secondo il rapporto (EPI) che mostra la relazione tra la fluenza in inglese e il potere d'acquisto, la qualità della vita e l'innovazione.

Tuttavia, nonostante questa correlazione positiva tra fluenza in inglese e potere d'acquisto, il Portogallo è uno dei pochi paesi con un livello "molto alto" di conoscenza dell'inglese, ma sotto la linea di correlazione con il potere d'acquisto.

L'inglese al lavoro

A livello globale, nella maggior parte dei posti di lavoro, le persone hanno un livello medio di inglese inferiore a quello di cui avrebbero bisogno per svolgere meglio il loro lavoro. Secondo lo studio, questo significa perdite di tempo, mancanza di comunicazione e condivisione inefficace delle conoscenze.

In media, i tre settori in cui l'inglese è parlato meglio sono: consulenza con un livello moderato di inglese parlato, seguito da Information Technology (moderato) e ingegneria (moderato).

Poi, beni di consumo (Moderato), cibo (Basso), logistica (Basso), ospitalità (Basso), aviazione (Basso), vendita al dettaglio (Basso), edilizia (Basso), farmaceutica (Basso), telecomunicazioni (Basso), automobilistico (Basso), minerario ed energetico (Basso), bancario e finanziario (Basso), prodotti elettronici (Basso), chimico (Basso), manifatturiero (Molto Basso), assicurazioni (Molto Basso) e istruzione (Molto basso). Per finire la lista, anche con un livello molto basso sono l'industria della salute e il settore governativo.

Secondo la nota: "I professionisti del marketing sono di solito quelli che parlano meglio l'inglese, ma non vanno oltre un livello moderato, lo stesso accade con il diritto, le risorse umane e l'informatica".

Con un livello di inglese molto basso, ci sono di solito i professionisti che lavorano nei settori delle operazioni, dell'amministrazione e della manutenzione. "Quando i professionisti non hanno l'inglese necessario per essere coinvolti in nuovi ruoli, il loro sviluppo di carriera è compromesso", conclude il rapporto.