Gli URock sono stati fondati nel 2010 e il loro primo album è stato prodotto dal leggendario ingegnere audio Alan Parsons che ha prodotto musica per i Beatles, i Pink Floyd e l'Alan Parsons project, così come il padrino del grunge, Jack Endino, ex produttore dei Nirvana e dei Soundgarden. Gli URock offrono un mix eclettico di rock alternativo britannico e punk, prendendo influenza da Deep Purple, ACDC, Led Zeppelin per nominarne alcuni. Hanno fatto più di 100 spettacoli a livello internazionale e hanno finito il loro secondo album che uscirà l'anno prossimo.

TPN: Potresti presentare la tua band URock?

Umberto Sulpasso: "URock è un po' unico nel senso che non è veramente una band, è una comunità di musicisti. C'è il chitarrista, Alastair Greene, che si è unito a noi dall'America, abbiamo italiani, abbiamo persone dal Regno Unito e un bassista dal Portogallo. Siamo una combinazione mista e nel corso degli anni a volte il nostro chitarrista deve lavorare e non può fare un tour o un concerto, quindi chiamiamo qualcun altro, ma siamo sempre rimasti in contatto e c'è molta amicizia. Il nostro quartier generale è in Portogallo perché il nostro batterista, Vieri ed io viviamo in Portogallo ora. Siamo una comunità di persone che si divertono a fare musica libera da quello che succede nel mercato, facciamo la musica che ci piace".

TPN: Potresti condividere il tuo legame con il Portogallo?

US: "Ho una ragazza afro-portoghese e qualche anno fa sono venuto in Portogallo e l'ho assolutamente amato. Sono arrivato alla stazione di Santa Apolonia, sono venuto in treno dall'Italia e mi hanno rubato i soldi e non è stato un bel viaggio, ma sono arrivato a Lisbona e ho sentito la pace. Poi sono venuto in Algarve e ho iniziato ad apprezzarla sempre di più, soprattutto perché Lisbona è diventata sovraffollata negli ultimi due anni, quindi ho trovato molta pace in Algarve e vivere vicino all'oceano è fantastico. Penso che potrebbe essere la California europea, credo davvero molto in questa regione e grazie a questa regione, ho potuto incontrare Ian Gillan quindi è destino essere qui! È un posto bellissimo e lo apprezzo ogni giorno di più, è difficile estrarmi dall'Algarve in questi giorni!"

TPN: Come ti sei avvicinato alla musica e da dove viene questo interesse per la musica rock?

US: "È un po' un mistero, nessuno nella mia famiglia è un musicista o canta, ma amano ascoltare la musica, così ho avuto la possibilità di ascoltare roba buona. È davvero strano, fin da quando ero bambino, la musica ha avuto un effetto molto speciale su di me, se ascolto qualcosa, mi fa venire la pelle d'oca ed è qualcosa che mi tocca dentro con un'intensità che non è comune per altre persone. Sento che la mia anima viene completamente coinvolta. La magia, l'incanto che la musica ha per me è difficile da definire in modo razionale, è qualcosa di così forte che ho dovuto seguire. Creare musica e lavorare con una band è la cosa più bella del mondo. Sono nato a Los Angeles, che è una città di Rock and Roll, quindi credo che questo abbia avuto un'influenza e anche mia madre mi cantava molte canzoni come i Beatles e Bob Dylan. Credo che il momento decisivo sia stato quando ero al liceo e un mio amico mi invitò alle prove della sua band metal e quando entrai nella stanza, quel mix di batteria, chitarra elettrica e basso mi toccò l'anima. Non era la musica, era la sensazione di rock and roll che hanno le chitarre, la batteria e il basso quando ti colpiscono. Mi trovavo intorno a una batteria o a una chitarra elettrica e volevo iniziare a cantare, il che era orribile all'inizio. Mi ascoltavo e pensavo, amico, cosa stai facendo? Questa è una parte dell'apprendimento e poi cominci a provare e ad imparare da altre persone che sono migliori di te. Devo dire che ho imparato molto dall'ascolto di Ian Gillan, è un cantante con cui ho avuto una connessione speciale e penso che mi abbia aiutato a diventare un cantante migliore".

TPN: Potresti presentare il secondo album ai nostri lettori?

US: "Nel primo disco c'erano canzoni in italiano, spagnolo e inglese e questo disco è interamente in inglese perché abbiamo diverse influenze. Siamo stati aiutati dal fatto che due grandi produttori, Alan Parsons e Jack Endino che hanno apprezzato la nostra onestà e hanno prodotto i nostri due dischi. Lanceremo il nostro nuovo disco l'anno prossimo ed entrambi i produttori sono stati pesantemente coinvolti in questo processo. È stata una sensazione incredibile, specialmente se si guarda ai nomi con cui Alan Parsons ha lavorato, i Beatles, i Pink Floyd, l'Alan Parsons Project. Ha avuto una carriera enorme e averlo sul palco a suonare al nostro spettacolo è stato davvero incredibile. Jack Endino è il produttore del movimento grunge, che ha scoperto i Nirvana e prodotto il loro primo disco. Ci hanno aiutato a svilupparci e a diventare musicisti migliori, quindi siamo molto eccitati per questo prossimo disco".

TPN: Cosa possono aspettarsi i nostri lettori da questo nuovo album?

US: "Direi che URock parla di libertà in questo album e la libertà è il rock and roll. Questo è un disco in cui siamo maturati artisticamente dal primo disco e questo è anche un disco che ha l'influenza di suonare dal vivo e di esibirsi all'estero. Questo disco funziona molto bene dal vivo perché l'abbiamo suonato ed è anche nato attraverso il testare tutto dal vivo, andavamo in studio e provavamo e scrivevamo una canzone e poi la provavamo il concerto successivo e vedevamo la reazione e questo era un modo importante per farlo. Vogliamo che la gente si diverta e che intrattenga davvero il pubblico, cosa che abbiamo visto quando abbiamo fatto il nostro ultimo concerto, che ha fatto il tutto esaurito come headliner alla o2 Islington academy di Londra. È una sensazione enorme intrattenere un pubblico con la propria musica, è una sensazione molto gratificante".

TPN: Come si sente la band ad aprire per i Deep Purple a Campo Pequeno il prossimo anno?

US: "Siamo completamente spazzati via e io sono particolarmente spazzato via perché Ian Gillan è stato la più grande ispirazione per il mio canto. Quando ho sentito per la prima volta Made in Japan, ho pensato wow, posso davvero imparare da Ian. Stavo lottando e non riuscivo a trovare la mia strada e quando l'ho sentito, ho pensato che dovevo iniziare da qui. Poi i Deep Purple come band sono stati molto importanti nella mia vita, prima di tutto, c'è una tale energia positiva nella loro musica, non mi vergogno a dire che come tutti ho avuto momenti difficili nella mia vita e i Deep Purple sono stati un fattore importante per superare quei momenti e trovare la forza. L'altra grande lezione che i Deep Purple come band rappresentano è esattamente quello di cui stiamo parlando, sono probabilmente la più grande band dal vivo, il loro disco più famoso è un disco dal vivo che è Made in Japan e quando li vedi sul palco, stanno dando tutto e c'è così tanto amore per la musica facendo questo, non è solo il concerto è qualcosa di molto più intenso. È stata un'enorme lezione nella mia crescita come musicista, vederli dal vivo è un momento davvero speciale. È un sogno che si avvera e un tale onore e faremo del nostro meglio, sono stati molto generosi a darci questa opportunità".