Il mio bottino womblesco di tesori da spiaggia era abbastanza impressionante, tranne che per un grande problema. La maggior parte consisteva in orribili rifiuti di plastica.

Recentemente ho imparato che c'è gente là fuori che fa beachcomb per vivere. Ora, questo è quello che si chiama upcycling! Questa gente può letteralmente uscire e raccogliere oggetti che non sono assolutamente utili o ornamentali né per l'uomo né per la bestia e poi abilmente trasformarli in qualcosa di meravigliosamente artigianale e desiderabile. Vorrei solo essere così intelligente e fantasioso.

Francamente, il mio vagabondaggio sulla spiaggia non ha prodotto molto di qualcosa che potrebbe mai essere realisticamente considerato lontanamente desiderabile o utile. La maggior parte del mio bottino di orrori era solo un sacco di plastica dannosa. La spazzatura che distrugge i pesci e che noi ''gente comune'' abbiamo così incurantemente ''lasciato indietro'' è molto lontana dall'essere in qualsiasi modo utile o desiderabile. Ma mi ha fornito un brusco risveglio.

Diamo brevemente un'occhiata al mio orribile bottino di orrori:

Un secchio di plastica ADDIS giallo sbiadito - senza il manico. Una vecchia bottiglia di Coca Cola con un'etichetta cinese sbiadita. Mezzo pallone di gomma (che, giuro, ho perso nel 1973). Un casco blu da muratore rotto con una chela di granchio incastrata dentro. Un bidone d'olio di plastica da cinque galloni di colore verde Castrol GTX - contenente una specie di misteriosa melma (che ovviamente non è stata esaminata ma smaltita con molta attenzione). Ho anche trovato un sacco di contenitori di polistirolo da fast food.

Penso che possiate già avere un quadro piuttosto cupo qui?

Comunque, come avrebbe detto il grande Sir Bruce Forsyth. "Non ha fatto bene?" Questo perché ho trovato tutta quella brutta roba in circa 40 minuti netti. Ma a differenza del bottino di Brucey di chicche di Generation Game, il mio insieme di abomini era assolutamente orribile. Oltre il disgustoso.

Il problema della plastica

Sappiamo tutti che l'inquinamento plastico marino è ormai un problema globale. In pratica, dove ci sono molte persone, ci sarà un sacco di rifiuti di plastica. E ora, i rifiuti di plastica mostrano la loro brutta faccia anche in aree del mondo dove non ci sono persone. Luoghi lontani come la Fossa delle Marianne o sotto la calotta artica.

Secondo un recente rapporto, più di 200.000 tonnellate di plastica vengono "riversate" ogni anno nel solo Mediterraneo. FUORIUSCITA? Scusa, ma 200.000 tonnellate non sono certo una perdita? È un vero e proprio diluvio di rifiuti mostruosi. Il termine 'fuga' fa pensare a qualcosa di lento e forse anche controllabile. Tutt'altro! 200.000 tonnellate "fuoriuscite" solo nel Mediterraneo sono in realtà spaventose, vergognose e in definitiva anche catastrofiche.

Le stime indicano che l'Egitto è una delle fonti principali di questa calamità mediterranea silenziosa. Ma proviene da tutti i paesi che costeggiano il Mediterraneo. Migliaia di tonnellate di rifiuti di plastica scendono lungo il possente Nilo da altri paesi africani (oltre che dall'Egitto stesso) e finiscono nel Mar Mediterraneo. Le cifre sono veramente sconcertanti. Dimostrano la scala pura di questo disastro. Peggio ancora, i numeri sembrano aumentare piuttosto che diminuire, il che è un pensiero ancora più preoccupante.

Questo oltraggio va avanti da decenni. Ho sempre vissuto vicino alla costa e ho notato, per più di 25 anni, la quantità sempre crescente di rifiuti di plastica che vengono soffiati sulla spiaggia e si accumulano sulle coste. Come la rana bollita gradualmente, la gente si sta ora svegliando. Speriamo solo che non sia troppo tardi.

Microplastiche, un problema enorme

Finora ho menzionato solo la roba immediatamente visibile. La più grande minaccia potenziale risiede nelle cose che non possiamo vedere così facilmente. Le microplastiche.

Il problema risiede nell'enorme quantità che ora esiste nell'ambiente naturale. Alcuni stimano che il Mar Mediterraneo ha più di un milione di tonnellate di microplastiche nelle sue acque. Questo è grave.

Il nostro uso della plastica negli oggetti quotidiani e nei processi industriali ha portato a un vasto diluvio di materiali molto lenti a degradarsi che entrano nel nostro ambiente e nella nostra catena alimentare. Poiché la plastica si scompone in particelle minuscole (<5 mm di diametro), le conseguenze per la salute umana, animale e dell'ecosistema non sono ancora quantificate. Ciò che è già noto è che un numero crescente di uccelli e specie marine stanno ingerendo questa roba, spesso con conseguenze fatali. La maggior parte della plastica non è solubile e quindi non può essere digerita, quindi finisce per intasare il sistema digestivo di un animale o danneggiarlo in altri modi.

È un caso di piccole particelle che equivalgono a problemi enormi. Mentre le microplastiche sono spesso di dimensioni inferiori ai 5 mm, questa roba sta creando enormi preoccupazioni nella comunità scientifica. Francamente, dovrebbe preoccupare tutti noi.

Tutto questo suona completamente bizzarro se si pensa che le microplastiche provengono da ciò che esteriormente sembrano oggetti perfettamente innocui come i vestiti di nylon, la polvere dei pneumatici delle auto e i rifiuti domestici in generale. Viene persino dai prodotti per la cura personale che contengono microsfere di nylon esfolianti (ora in gran parte vietate).

Ma sappiamo tutti che c'è un problema, proprio come sappiamo tutti del cambiamento climatico. Di nuovo, la domanda è: cosa si sta facendo VERAMENTE al riguardo? In questo momento, la risposta in entrambi i casi è chiaramente non abbastanza.

Un problema quotidiano

L'inquinamento da plastica è visibile a molti di noi ogni giorno. Ogni volta che trasferisco un carico di spesa dal nostro carrello al bagagliaio dell'auto, tutto ciò che sento è il costante fruscio degli imballaggi di plastica monouso. Onestamente penso che compriamo più rifiuti di plastica che prodotti commestibili in termini di volume effettivo.

Sicuramente questo è un problema che riguarda in gran parte i produttori, i distributori e i dettaglianti su larga scala. Mi rendo conto che queste corporazioni sono governate da "domanda e offerta", quindi non sto cercando di assolvere me stesso da qualsiasi responsabilità personale.

Deve quindi essere compito di tutti noi, come consumatori, convincere i fornitori a confezionare i nostri beni in modo da ridurre drasticamente la quantità di plastica prodotta e poi scartata. Semplicemente non possiamo continuare come abbiamo fatto finora.

Anche il riciclaggio non sembra essere la risposta assoluta, perché molto spesso il problema viene semplicemente esportato alla rinfusa. Un caso di lontano dagli occhi, lontano dal cuore. Il problema è che il problema non sparisce semplicemente. Prima o poi torna sulle nostre coste, in un modo o nell'altro.

Mentre alcuni di noi potrebbero già fare del loro meglio per ridurre la raccolta di plastica monouso, sembrerebbe che l'abitudine alla plastica rimanga a causa del modo in cui siamo costretti a comprare i prodotti. Non da ultimo quando si tratta della cosiddetta "moda veloce" che è spesso prodotta con miscele di poliestere (plastica in altre parole).

È una storia triste da raccontare. Sembra che abbiamo bisogno di milioni di bagnanti per liberare i nostri litorali da questa piaga mortale. Ma dobbiamo prima smettere di trasformare i nostri maestosi oceani in puzzolenti discariche. Il pensiero dei nostri nipoti che soffocano i frutti di mare contaminati dalla plastica con un condimento da mille isole è, per me, assolutamente ripugnante.

Sicuramente meno plastica produciamo, più facile sarà lo smaltimento dei rifiuti? O è troppo semplicistico?