Non ne avevo mai sentito parlare prima, anche se devo dire di averne notate alcune l'anno scorso, ma non sapevo cosa fossero o perché improvvisamente avessero trovato il mio armadio un posto così accogliente dove stare.

Sono piccole falene, di colore marrone-beige, lunghe circa mezzo pollice. A volte sono chiamate falene del pasto indiano (Plodia interpunctella), e potresti essere stato abbastanza sfortunato da trovarle a svolazzare all'interno degli armadietti della tua cucina. Sono attratte da qualsiasi cibo secco non sigillato - farina, biscotti, pasta, cereali per la colazione, noci, cibo per animali, persino miscele di potpourri - ma non assumete automaticamente che l'infestazione sia dovuta alla vostra cattiva gestione della casa - a volte sono già nella vostra farina o nei cereali, poiché è possibile che le tarme abbiano deposto le uova in un impianto di imballaggio alimentare o in bidoni alla rinfusa. Questo spiegherebbe perché potrebbero trovarsi all'interno di un sacchetto di farina o di cereali prima ancora che tu l'abbia aperto. Non c'è niente di più raccapricciante che versare i cereali ed è in movimento con i loro piccoli vermi cattivi! Gli piace anche tessere le loro ragnatele simili a nidi sotto gli scaffali della tua dispensa, negli angoli, sotto i ripiani, dove non puoi vederli.

Ora la buona notizia - non causano malattie, anche se accidentalmente cucinate e mangiate qualche larva (che schifo), e non scappano per farsi strada attraverso i vostri vestiti. La cattiva notizia è che possono essere davvero difficili da sradicare, specialmente se hanno completato il loro ciclo di vita e si sono disperse nella tua dispensa. La ragione per cui sono così difficili da eliminare è che una falena femmina depone fino a 400 uova alla volta, e una volta che si sono schiuse, le larve si nutrono e crescono furtivamente (forse nel tuo sacco della farina) per diverse settimane prima di filare un bozzolo (pupa) ed emergere come una falena adulta. Il ciclo di vita di quella falena potrebbe essere di un mese o di 10 mesi, a seconda della temperatura, della fonte di cibo, ecc.

Prossimo passo - come sbarazzarsi di loro. Sono piccoli diavoli tenaci, quindi dovrai essere molto diligente. Togliete tutto dalla credenza e buttate via i prodotti contaminati - non limitatevi a gettarli nel bidone della spazzatura in un angolo della vostra cucina, ma rimuoveteli completamente dalla casa e portateli direttamente nei cassonetti lungo la strada! Passare l'aspirapolvere - le uova sono minuscole, quindi facili da perdere. Ci sono molti suggerimenti per cercare di eliminarle, dalla pulizia e strofinamento di tutte le superfici con acqua calda e sapone, aggiungendo olio di menta piperita al lavaggio, poi una soluzione 50:50 di aceto bianco e acqua, o usando una soluzione debole di candeggina. Poi, come deterrente, si possono lasciare foglie di alloro, buccia di limone, cannella spruzzata, pepe nero, menta piperita o coriandolo sugli scaffali dopo la pulizia. Altri giurano sull'acido borico e la polvere di diatomee per entrare efficacemente negli angoli e nelle fessure dove depongono le loro uova. La polvere è utile perché la si può spruzzare, e rimarrà ferma, e non si farà strada nel cibo. La terra diatomacea è sicura se ingerita accidentalmente, ma non mischiatela con i vostri alimenti - dovrebbe essere sparsa sugli scaffali stessi. Ci sono anche spray disponibili in commercio che puoi provare.

Sì, vi sento gemere, un incubo - e dovrete anche rimuovere e sostituire qualsiasi rivestimento di scaffale strappato o scrostato, e pulire accuratamente tutti gli angoli, le crepe o i buchi nei ripiani, le maniglie, le cerniere delle porte - anche la parte inferiore dei ripiani.

Prima di rimettere tutto a posto, controlla i bordi delle lattine e delle scatole e anche gli oggetti non alimentari che potresti conservare nello stesso posto. Le larve possono anche masticare i sacchetti di plastica con la chiusura lampo, quindi controlla i piccoli fori dove potrebbero essere entrate. Entreranno tra le trame di un cesto di vimini (che mangeranno anche), e tra le pieghe dei sacchetti di carta in cui il cibo potrebbe essere conservato. È il momento di investire in contenitori di plastica, vetro o metallo per tutto!

Sono le tarme dell'inferno, e diavoli di cui sbarazzarsi. Può sembrare un sacco di lavoro, ma ne varrà la pena.