Non c'è dubbio che l'elaborazione del linguaggio naturale in questo momento sta vedendo un'enorme innovazione e senza dubbio l'IA diventerà incredibilmente avanzata. Parlando di avanzato, l'agente relazionale, affettuosamente conosciuto come Woebot può amministrare "terapie digitali basate su terapie clinicamente valide, che includono: terapia cognitiva comportamentale, terapia dialettica comportamentale, psicoterapia interpersonale che stabilisce un legame terapeutico con gli utenti". Questo intelligente chat bot è addestrato in CBT (terapia cognitiva comportamentale) che mira ad aiutare a comprendere le difficoltà emotive tra cui ansia e depressione.

L'accessibilità di Woebot su scala globale, è davvero trasformativa per quanto riguarda la salute mentale, con Woebot che è disponibile gratuitamente sull'app store. "Woebot è lì per te in quel momento di bisogno in qualsiasi momento e ti guiderà attraverso la CBT in quel momento". C'è anche un enorme aspetto di auto-cura di Woebot che Alison Darcy conferma "può aiutare gli utenti con condizioni di salute mentale e può anche aiutare gli utenti che non sono diagnosticati ma soffrono di pensieri negativi".

"Non diremmo mai che Woebot sarà sempre sufficiente in ogni caso, ma pensiamo che potrebbe essere utile e si affianca bene ad altre opzioni".

Qual è stata l'ispirazione dietro Woebot?

Dr Alison Darcy: "Woebot è stato lanciato nel 2017. Sono stato uno scienziato clinico e stavo lavorando a Stanford e costruendo trattamenti e la mia carriera di ricerca è sempre stata sulla sfida dei problemi di accesso per quanto riguarda il supporto della salute mentale, davvero in senso lato, oltre solo le cose tipiche a cui la gente pensa come: i costi e l'offerta di terapeuti, ma anche sul rendere la terapia meno intimidatoria, così come affrontare il motivo per cui le nostre attuali strutture e servizi non riescono a diagnosticare alcuni gruppi e gruppi sottoutilizzati. Il numero di persone che soffrono di problemi di salute mentale stava davvero esplodendo e mi è stato davvero chiaro che avevamo bisogno di una grande innovazione e di qualcosa che fosse davvero scalabile".

"Sono stato molto ispirato da un sacco di questa letteratura neurocognitiva che ha suggerito che i giovani in particolare sono in grado di pensare in modo diverso quando sono in un ambiente di gioco e in realtà questo è vero anche per la terapia, così all'inizio stavamo sviluppando un gioco, ma non era abbastanza convincente così, abbiamo costruito un prototipo di Woebot e potrebbe immediatamente vedere che le persone stavano rispondendo ad esso in modo davvero diverso".

Come si può usare la tecnologia relazionale per risolvere la crisi della salute mentale?

A.D: "Quello che è stato interessante è che abbiamo scoperto qualcosa di straordinario, sulla falsariga del fatto che, anche se abbiamo lanciato nel 2017, circa il 40% della nostra base di utenti è tornato durante la pandemia, anche se avevano usato Woebot anni prima, il che è stato molto umiliante perché suggerisce che è qualcosa che potrebbe aiutarli. Questo per me parla di una sorta di relazione, Woebot è qualcosa che mi rispetta e che non mi giudica e che si mostra costantemente".

"Woebot può rilevarti in una situazione di crisi e aiutarti a trovare aiuto, Woebot rileva il linguaggio di crisi che è efficace al 99%. Si tratta di richiamare i limiti di Woebot, parliamo di dove dovresti cercare aiuto. Quando siamo in una partnership naturale con il sistema sanitario, allora quello è un luogo naturale per dirottarli verso le loro risorse locali".

La connessione umana è essenziale?

A.D: "Anche se Woebot funziona meglio insieme alla terapia, ci sono dati a sostegno del fatto che le persone possono sentirsi più a loro agio a parlare con Woebot piuttosto che parlare con un terapeuta, anche coloro che possono accedere al supporto della salute mentale non sempre si fanno avanti, quindi l'app è un passo nella giusta direzione."

"Negli Stati Uniti, un sacco di università devono prendere una temperatura della salute mentale dei loro studenti ogni anno e ho visto i dati per Stanford ed era sconcertante, il 50 per cento della popolazione studentesca aveva sintomi così gravi di ansia o depressione che non potevano funzionare e che per me è così inaccettabile".

"Le università hanno istituito dei servizi, ma le persone non vi accedono, il che mi suggerisce che le persone hanno bisogno di qualcosa in mezzo. È così intimidatorio per alcune persone, specialmente per i giovani o le persone che sono emarginate per qualsiasi motivo, parlare con un terapeuta. Lo stigma è la ragione prevalente; siamo arrivati a capire che lo stigma è così prevalente, e tutto il bagaglio culturale sociale che viene con esso e per quelle persone che rientrano in quelle categorie che hanno pregiudizi impliciti stanno affrontando questo ogni volta che vedono un'altra persona".

Come si evolverà Woebot?

A.D: "In questo momento, il programma più strutturato viene distribuito attraverso i nostri partner del sistema sanitario, quindi negli Stati Uniti quei sistemi distribuiscono Woebot ai loro pazienti, purtroppo non è disponibile sull'app store. Tuttavia, vedrete più caratteristiche e più funzionalità e stiamo anche esplorando una traduzione in spagnolo, che sarà la nostra prima lingua europea, abbiamo iniziato a lavorare su come sarebbe, ma è un processo complesso. C'è un bisogno così enorme intorno al mondo in modo da amiamo fare l'app soddisfare alle lingue differenti in futuro.

Per ulteriori informazioni su Woebot Health si prega di vedere https://woebothealth.com/ e scaricare l'applicazione oggi se avete bisogno di un certo supporto di salute mentale.