Il lago Sete Cidades è un paesaggio accattivante che consiste in due laghi ambientalmente diversi collegati da uno stretto stretto, che oggi ha un ponte che si può attraversare, con un lago verde e l'altro blu, con un perimetro totale di 12 km. L'Ufficio del Turismo di São Miguel mi ha gentilmente fornito un approfondimento sulle Leggende delle Sette Città del dottor Carreiro da Costa.

Il lago delle Sette Città è uno dei luoghi più pittoreschi dell'isola di São Miguel e un luogo da cui sono stata attratta. Un luogo pittoresco non è nulla senza una leggenda e la Lagoa das Sete Cidades ne ha molte da condividere. Ci sono sei leggende di creazione letteraria che si conoscono, poiché questo luogo straordinariamente bello si presta perfettamente all'immaginazione di racconti fantastici, per cui includerò tre di queste leggende in questo articolo. In primo luogo, il numero sette ha forti connotazioni con la religione, la storia e la mitologia per le sue virtù speciali e le tradizioni che sono legate ad esso, anche il nome stesso Sete Cidades è stato parlato attraverso il Medioevo e nei primi secoli moderni, era strettamente legato all'isola di Antília.

"La prima leggenda è legata all'ultimo dettaglio per cui quando Tarik e Musa invasero la penisola iberica, sette vescovi cristiani si rifugiarono sulla remota isola di Antília o altrimenti conosciuta come l'Isola delle Sette Città. Il desiderio di raggiungere quest'isola sarebbe presto diventato una delle maggiori preoccupazioni dell'uomo. Per l'Oriente era il regno di Preste-John; per l'Occidente, l'Antília, finché una nave portoghese chiamata "Nostra Signora di Penha di Francia", dopo una grande tempesta, attraccò sulla meravigliosa isola, dove rimase ancorata per tre giorni. Due frati scesero a terra, contattando il monarca, visitando i palazzi, scoprendo tradizioni, costumi e una lingua molto simile al portoghese. Alla fine dei tre giorni, non appena i due frati tornarono a bordo, l'isola scomparve come per magia. Molti anni dopo, la stessa isola si sarebbe rivelata definitivamente al popolo portoghese. Oggi, l'incantevole vista della Valle delle Sette Città appare e scompare a seconda della luce e della nebbia, il che fa un parallelo con il misterioso racconto".

Un'altra leggenda sulla famosa regione è quella che racconta "un regno della vecchia Atlantide che aveva come monarchi il Re Bianco Marrone e la Regina Bianca Rosa. Entrambi vivevano nello strazio di non avere figli. Una notte, il re ebbe una visione che gli promise che presto avrebbe avuto una figlia, ma con la condizione che l'avrebbero vista solo a 20 anni. Fino ad allora, la principessa avrebbe vissuto in Sette Città che il re, suo padre, avrebbe costruito. Il Re Bianco realizzò la profezia: fece costruire le città, vi mandò la principessa, senza nemmeno averla vista e aspettò per vent'anni. L'attesa per vedere la loro figlia era troppo difficile, la povera coppia era disperata e la loro pazienza si stava esaurendo, la loro ansia cresceva fino al punto in cui i loro cuori sarebbero scoppiati, così il Re decise di sfidare gli Dei e camminare verso le Sette Città. Gli dei non gli permisero di aprire i portali del muro e la loro ira lo accolse mentre gli dei scatenarono una tremenda eruzione vulcanica che sovvertì l'intero regno. Le Sette Città dove viveva la principessa si trovavano proprio nel luogo dove si apre il guscio della meravigliosa Valle. In fondo alla Laguna Verde la leggenda dice che ci saranno ancora le scarpe verdi che la principessa aveva ai piedi, e in fondo alla Laguna Blu ci sarà il cappellino blu che portava in testa."

[_galleria_]

"La leggenda della principessa Antília è una leggenda piena di romanticismo e di poesia, ambientata nell'antico regno delle Sette Città. C'era una volta un antico re delle Sette Città che era vedovo e aveva una bella figlia chiamata Antília che aveva gli occhi blu zaffiro. La principessa non poteva mischiarsi con nessuno e aveva solo la sua balia come compagnia e passava molto del suo tempo in campagna, camminando per i campi e contemplando i costumi dei villaggi. Man mano che cresceva, attirava l'attenzione di molti bei ragazzi e suo padre le proibì completamente di lasciare i confini del castello, ma lei voleva ancora esplorare il mondo e farsi degli amici, così spesso disobbediva a suo padre e usciva di nascosto da casa per andare ad esplorare i dintorni del castello".

"Un giorno, mentre passeggiava in campagna, sentì una bella musica suonare e scoprì che era un giovane pastore che suonava il flauto. Antília era timida e si nascondeva da lui e veniva ogni giorno ad ascoltare nello stesso punto per molte settimane. Il pastore la trovò e conversarono diventando grandi amici e si innamorarono e dopo qualche tempo lui chiese alla principessa di sposarlo. Gli parlò a lungo e da questa conversazione nacque l'amore. Purtroppo, il destino della principessa era segnato perché il principe, erede di un altro regno, era destinato alla sua mano. Il re proibì loro di incontrarsi e dopo aver supplicato suo padre fu concesso ad Antília di incontrare il pastore un'ultima volta per dirgli addio. La principessa e il pastore piansero così tanto che ai loro piedi si crearono due laghi: uno blu, fatto dagli occhi blu della principessa e un altro verde, che erano le lacrime versate dal pastore dagli occhi verdi. Gli amanti si separarono per sempre, ma i laghi rimasero fatti con le lacrime di entrambi, che ancora oggi non si sono separati e che ricordano al mondo il loro amore".