Deve infastidire i cileni, ma altrove il loro paese è sinonimo di noia. L'ex segretario di Stato americano Henry Kissinger, interrogato sull'importanza geopolitica del Cile, una volta scherzò: "Il Cile è un pugnale puntato al cuore dell'Antartide".

Eppure Kissinger teneva abbastanza al paese da organizzare l'assassinio del capo dello stato maggiore cileno nel 1970, e appoggiò il colpo di stato che uccise il presidente socialista Salvador Allende e mise al potere il dittatore militare Augusto Pinochet nel 1973. È vero, era la guerra fredda, e il presidente Richard Nixon voleva che fosse fatto, ma comunque...

Comunque, ecco un articolo sulle elezioni presidenziali di questa domenica in Cile, e cercherò di non renderlo troppo noioso (anche se non aiuta il fatto che il candidato di destra sia un omaggio a Donald Trump).

Molti giornalisti la presentano come l'ennesimo episodio della serie "Le Americhe impazziscono". Dopo Trump negli Stati Uniti e Bolsonaro in Brasile, ecco un altro autocrate di estrema destra che basa il suo lancio sul nazionalismo, il razzismo e il disprezzo per le leggi e le regole che frenano gli uomini inferiori.

Alcuni giornalisti, alla disperata ricerca di una linea narrativa che regga, stanno addirittura dipingendo queste elezioni come una ripetizione della grande tragedia cilena del 1973-1990, quando il governo di sinistra Allende fu violentemente rovesciato dalla dittatura di 17 anni di Augusto Pinochet (3.000 giustiziati o "scomparsi", 30.000 torturati, ecc.) Ma non è affatto così.

La grande sorpresa nel primo turno delle elezioni presidenziali del mese scorso è stata che un politico di estrema destra chiamato José Antonio Kast ha ottenuto il maggior numero di voti. Egli promette di salvare il Cile dai comunisti (anche se il candidato comunista ha ottenuto solo l'1% dei voti), e dagli immigrati malvagi che stanno rubando il lavoro ai cileni che lavorano duramente.

Da quando 1,5 milioni di immigrati, la maggior parte dei quali rifugiati dal Venezuela e da Haiti, sono entrati nel paese (19 milioni di abitanti) negli ultimi anni, molti cileni si sentono sopraffatti. Kast dice che scaverà un possente Fossato lungo le frontiere del Cile (7.801 km.) per fermarli - l'idea di un possente Muro era già stata presa - e questa promessa ha una certa trazione.

Fin qui, così trumpiana, ma poi Kast va in pieno Bolsonaro, parlando con affetto della sua ammirazione per la dittatura di Pinochet. È una cosa di famiglia: suo padre era un nazista che ha combattuto nell'esercito di Hitler e si è trasferito in Cile solo dopo il 1945. Kast potrebbe effettivamente fare del male se diventasse presidente - ma è meno probabile di quanto sembri.

Kast dipinge il suo avversario nel ballottaggio del 19 dicembre, Gabriel Boric, come un "comunista", ma il 35enne ex leader studentesco è una pecora travestita da lupo. Soffre del romanticismo riflesso della sinistra latinoamericana, chiamando i colleghi 'compagno' e facendo occasionalmente un saluto a pugno chiuso, ma il suo progetto politico è difficilmente rivoluzionario.

Ci sono le solite cose sul femminismo, l'economia verde e i diritti della comunità LGBT e dei popoli indigeni, ma il cuore politico del programma di Boric è l'espansione dei sistemi sanitari e pensionistici pubblici, il taglio della settimana lavorativa da 44 ore a 40 e la ricostruzione del sistema ferroviario nazionale.

È il tipo di programma che Joe Biden sottoscriverebbe volentieri. La questione è davvero se sia abbastanza radicale da convincere i veterani disillusi delle massicce proteste di strada del 2019 ad uscire e votare per Boric.

Il Cile è un paese prospero dove metà della popolazione si preoccupa di far durare i propri soldi fino al prossimo giorno di paga. Ha la peggiore disuguaglianza di reddito di qualsiasi paese sviluppato, in gran parte grazie all'eredità degli anni di Pinochet.

Altri paesi che hanno votato autocrati populisti al potere sanno per amara esperienza che questo tipo di situazione dà ai venditori di olio di serpente dalla parlantina veloce molto da lavorare, quindi i democratici in Cile hanno ragione ad essere preoccupati. Tuttavia, le ultime votazioni in Cile che contavano davvero hanno mostrato un quadro diverso.

Il 78% degli elettori cileni ha approvato una convenzione nazionale nel 2020 per scrivere una nuova costituzione che sostituisca quella dell'era Pinochet. Nelle elezioni dello scorso maggio per scegliere le persone che effettivamente scriveranno la costituzione, i partiti di destra non sono riusciti a eleggere nemmeno il terzo dei membri che sarebbero stati necessari per porre il veto a parti della costituzione che non piacevano alla destra.

L'elettorato cileno è chiaramente in uno stato d'animo instabile, ma meno della metà di loro si è preoccupata di votare al primo turno delle elezioni presidenziali del mese scorso. Stavano aspettando il secondo turno, quando dovranno scegliere tra due soli candidati, non sette.

Nell'ultimo sondaggio prima delle elezioni, Boric era ancora in vantaggio su Kast 52%-48%. È vicino, ma probabilmente è abbastanza.