Sono sempre molto colpito dalla quantità di interesse genuino che c'è in Portogallo. Ho sempre apprezzato la gamma di auto diverse che si possono vedere sulla scena portoghese dei clássicos. Spesso, una serie di auto molto diverse da quelle che sarebbero ritenute punti fermi del Regno Unito.

Il fascino della vita

Uno dei miei soggetti preferiti sono le auto classiche. Suppongo che il fascino che ho esercitato per tutta la vita sulle auto provenga dal fatto di essere il figlio di un concessionario Ford che ha esercitato il suo mestiere negli anni '60 e '70.

Mio padre era proprietario di una concessionaria Ford autorizzata. Aveva anche una sezione di auto usate da dove vendeva altre marche come Vauxhall, BMC, Jaguar e molte altre ancora. Così ho imparato ad apprezzare molte marche molto presto.

Poiché vivevamo in una zona rurale, i piccoli furgoni e i pick-up erano sempre molto richiesti. I veicoli commerciali erano sempre buoni venditori e fornivano una linea laterale lucrativa all'attività di vendita di autovetture di mio padre. Quindi, ho dei ricordi molto belli di tutti i tipi di veicoli classici.

Raramente c'era un momento di noia nel garage di mio padre, con tutti i tipi di motori interessanti, dalle Morgan, alle Bentley a soffietto, alle Jaguar e alle Rolls-Royce che zoppicavano con vari disturbi meccanici quando i turisti del Cheshire, della Greater Manchester, del Merseyside e oltre arrivavano in Galles. Mantenere tutta quella gente sulla strada era un lavoro a tempo pieno per l'officina.

Durante la fine degli anni '60 e gli anni '70, la vita per un garagista era abbastanza buona. L'attività di vendita di auto era chiusa ogni domenica e solo il piazzale rimaneva aperto vendendo accessori per auto, carburante, oli, paraffina, dolci, riviste e giornali fino alle 13:30. Questo era il Galles rurale negli anni '60 e '70, quindi il Sabbath era molto riverito e tutte le persone "rispettabili" smontavano gli attrezzi la domenica! Anche tagliare il prato (specialmente con una rumorosa falciatrice a benzina) era davvero disapprovato. Anche i pub locali erano chiusi - per legge.

Domenica

Ma per me la domenica era un grande giorno. Spesso mi piaceva aiutare mio padre a preparare le auto per lo showroom. Questo veniva sempre fatto di nascosto, nascosto in un cortile chiuso dietro l'edificio del garage, dove nessuno poteva assistere a questo sacrilego lavoro domenicale nel "giorno di riposo" del Signore. In passato, le auto nuove erano coperte da una specie di orribile "gunge" (cera da trasporto) che aiutava a proteggerle dalle peggiori intemperie quando venivano immagazzinate in luoghi esterni. Questa roba richiedeva un bel po' di tempo per essere tolta!

Mio padre tirava a lucido un paio di auto pronte per l'esposizione e la domenica era il giorno migliore per farlo. Era spesso una Cortina MK1 o un'Anglia che affrontavamo, ma avevamo anche l'occasionale Zephyr, Zodiac o Consul da preparare.

Dopo tutta la pulizia arrivava il vero piacere. Potevo mettere le targhe commerciali su una delle nuove auto e andavamo a fare una gita domenicale, accumulando un po' di "chilometraggio di consegna". Facevamo solo 10 miglia o giù di lì, ma era sempre molto divertente per un ragazzino andare a fare qualcosa di così bello con il suo amato papà. E anche le macchine erano fantastiche. Posso quasi sentire quell'odore di macchina nuova proprio ora, mentre scrivo. Ricordo di essere stato ipnotizzato da quelle bellissime, lucide auto nuove che spesso erano rifinite in meravigliose tonalità pastello con interni in PVC abbinati. Persino i volanti erano abbinati. Gli interni erano così leggeri e ariosi. Non mi rendevo conto che queste auto un giorno sarebbero diventate delle icone.

Quindi, comprensibilmente, le auto classiche sono sempre state per me una questione di nostalgia. I panorami, i suoni e persino gli odori che incontro alle esposizioni di auto d'epoca mi riportano indietro a quei meravigliosi giorni d'oro. Il fattore "wow" delle auto classiche viene dal profondo ogni volta che vedo un'auto che mi ricorda quei magici giorni dell'infanzia. La nostalgia è un calore confortante che viene dal cuore. Le auto iconiche forniscono semplicemente il catalizzatore per far fluire il tutto. Attingono a un disco più intimo che racconta tanti punti di riferimento personali.

Austin 1100/1300

Un'auto classica che ancora galleggia sulla mia barca è la Austin 1100/1300 (ADO16). Prodotta originariamente dalla British Motor Corporation, la ADO16 era alla base di un'intera gamma di piccole auto BMC (poi diventata British Leyland).

Queste auto videro la luce per la prima volta nel 1962 e divennero rapidamente le auto più vendute in Gran Bretagna. La ADO16 fu commercializzata sotto varie marche e varianti di modelli che andavano da MG, Wolseley a una variante in miniatura simile alla Rolls Royce prodotta da Vanden Plas. Le varianti Princess Vanden Plas presentavano impiallacciature in legno, tappeti Wilton, sedili in pelle di lusso, cromo extra e tavoli da picnic posteriori pieghevoli. Tuttavia, le Austin standard e le Morris 1100/1300 furono le più prolifiche di tutte le varianti ADO16.

Sospetto che la mia personale predilezione per queste piccole e adorabili auto di famiglia derivi dalle abitudini di acquisto di mia nonna. Se ne comprava una nuova ogni 12 mesi quando uscivano le nuove targhe. Suona un po' decadente? Beh, forse sì. Ma ricordo che il cambio annuale le costava circa 100 sterline all'anno. Non è sorprendente considerando che i suoi esemplari usati erano stati a malapena rodati o avevano visto molto in termini di usura. Di solito avevano percorso solo circa 4.000 miglia o giù di lì ed erano stati tenuti fuori dal più duro rigore degli elementi essendo tenuti in un garage ben riscaldato.

Super Gran!

Sono sicuro che potete solo immaginare la mia pura gioia quando (nei miei 50 anni), sono riuscito ad acquistare una bellissima Austin 1300GT in ottime condizioni. Questa era l'auto che ho sempre desiderato che mia nonna avesse comprato per potersi trasformare istantaneamente in una Super-Gran degli anni '70!

La 13GT era un'incarnazione leggermente più sportiva della Austin/Morris 1300 con una variante a camme e doppio SU del venerabile motore della serie A da 1275cc. Quei piccoli diavoli potevano cambiare marcia e avevano anche un bel po' di grinta! Erano davvero molto divertenti da guidare.

La ADO16 era la manifestazione di Alec Isagonis di una Mini "allungata", caratterizzata da praticità a 4 porte, spaziosità e livelli di comfort sorprendenti grazie all'aggiunta del leggendario sistema di sospensione idrolastica (erano disponibili anche varianti a 2 porte e una station wagon). Queste auto erano davvero dei piccoli capolavori a sé stanti. Una storia di successo misurabile dalla loro notevole e duratura popolarità.

Ma ahimè, per la mia cara vecchia nonna, la storia d'amore finì quando il nostro rivenditore locale BL si presentò sul nostro vialetto nel 1974 con la sostituta dell'illustre Austin 1300. La tanto denigrata Austin Allegro a ruote quadrate. La mia vecchia nonna era incontaminata da tutto il BL-bashing ma, per quanto il venditore potesse provare, semplicemente non poteva essere convinta che un'auto bulbosa "giallo cacca di bambino" (Harvest Gold) con un volante quadrato (Quartic) rappresentasse davvero il "progresso". Inoltre, e forse più importante, il suo conto di 100 sterline per la permuta è salito improvvisamente a 150 sterline. Credo che questo sia stato il vero motivo di rottura.