Immagino che nessuno pensi mai all'origine delle mollette per i vestiti - o mollette, come vengono chiamate a volte, fino a quando una dopo l'altra si rompono, e improvvisamente scopri che sei a corto e ti ritrovi con un doppio spillo sul tuo bucato. Hanno anche altri innumerevoli usi - il ritaglio di grossi sacchetti è uno dei miei preferiti, e ne ho un paio che tengono il sacchetto della molletta sul mio stendibiancheria - per non parlare di quelli che tengono insieme il mio calendario a muro dove le perforazioni hanno finalmente strappato il "dicembre" dalla spirale.

Prima dell'invenzione delle mollette, le donne tiravano abitualmente il bucato bagnato sui cespugli o stendevano i vestiti per terra per far asciugare il bucato (rischiando di renderlo ancora più sporco, o peggio, di avere dei vermi che si infilavano nei tuoi indumenti intimi!) Alcuni dicono che i pescatori hanno pensato per la prima volta a dei pioli per agganciare le loro reti al sartiame, ma non so quanto possa essere vero.

I primi chiodini erano probabilmente dei ramoscelli a forma di V spinti verso il basso sopra gli angoli degli oggetti per evitare che il vento li strappasse via, ma all'inizio del 1800, un uomo chiamato Jérémie Opdebec ebbe l'idea del semplice chiodino per i vestiti fatto di legno, con due lunghe gambe e una testa arrotondata per spingere i vestiti bagnati su uno stendino per tenerli in posizione. Il suo tempismo per una tale invenzione fu perfetto quando la gente si stava espandendo nelle città, i terreni di essiccazione e le siepi stavano scomparendo, e gli stendibiancheria iniziarono ad attraversare le strade delle città. Anche a quei tempi le mollette erano usate per altri scopi - si dice che quando Charles Dickens ebbe una crisi epilettica, una molletta da bucato gli fu infilata tra i denti per evitare che si mordesse la lingua.

Quando la produzione di giocattoli cessò durante la seconda guerra mondiale, i bambini costruivano giocattoli con oggetti che trovavano dentro e fuori le loro case, e la tradizione di fare bambole con mollette di legno per i vestiti proveniva da questi tempi, usando ritagli di tessuto e lunghezze di lana o spago in un periodo in cui la gente aveva pochi soldi da spendere in giocattoli anche se erano disponibili. Le bambole con le mollette erano anche spesso fatte dai veterani della guerra civile americana mentre erano in convalescenza in ospedale, ed erano una fonte di reddito per loro, di solito vendute per un penny l'una.

Le mollette zingare erano un tipo simile di mollette che venivano fatte dai contadini itineranti, e venivano fatte nei mesi invernali quando c'era poco lavoro nelle fattorie, e venivano vendute porta a porta per aiutare ad integrare il loro reddito. Le mollette zingare erano tradizionalmente fatte di nocciolo o salice che erano stati trovati selvatici durante i loro viaggi.

Dal 1852 al 1887, l'ufficio brevetti degli Stati Uniti ha rilasciato 146 brevetti separati per le mollette (146!), con il primo disegno che assomiglia alla molletta moderna brevettato nel 1853 da David M. Smith, un prolifico inventore del Vermont. Era fatta con due 'leve' di legno attaccate insieme da una molla di metallo ed era progettata per aprirsi e chiudersi in modo da pizzicare, piuttosto che semplicemente incastrarla sul bucato.

Le mollette moderne sono ancora fatte in questo modo, ma hanno anche dei lati negativi, perché a volte si attorcigliano e i due pezzi di legno e la molla devono essere rimessi insieme (ci vuole un buon cervello per questo!). Ora sono disponibili anche pioli di plastica, ma anche questi diventano fragili sotto il sole del Portogallo, e alcuni hanno cuscinetti imbottiti che non segnano i tessuti delicati. Altri sono fatti di acciaio inossidabile, alcuni con ganci incorporati, altri progettati per venti di forza uragano.

Sono state anche reinventate in miniatura per l'artigianato e l'esposizione di foto, e i musicisti sono stati conosciuti per usarle per tenere i loro spartiti musicali al loro posto. La maggior parte delle mollette sono ora assemblate a basso costo quasi esclusivamente in Cina, ma l'aumento dei costi di produzione e di manodopera - e l'uso di asciugatrici - non sono tutta la storia. Si dice che i pannolini usa e getta probabilmente hanno fatto tanto danno all'industria quanto qualsiasi altra cosa, poiché prima dell'invenzione di questi, le famiglie lavavano i pannolini tutto il tempo, e niente era più soddisfacente che vedere una linea di pannolini di stoffa che prendevano una buona aria su una linea di lavaggio!