Douglas Hughes

Francamente, ho amato ogni singolo miglio trascorso al volante di quelle auto eccellenti e supremamente comode. Ho faticato a trovare qualcosa che preferissi dopo la fine della produzione nel 1998. Queste fantastiche auto hanno segnato l'apice della mia carriera automobilistica. Ho percorso innumerevoli miglia senza problemi sul sedile di guida di queste grandi Volvo, creando molti ricordi felici lungo la strada.

Lazzaro automobilistico

La Volvo 740 fu introdotta nel 1984, due anni dopo l'introduzione dell'ammiraglia a sei cilindri della serie 700 (la 760). Il 4 cilindri 740 era inteso come il sostituto dell'iconico 240 e una versione più umile (con meno specifiche) del 760. Ma la 240 era così incredibilmente popolare tra i fedeli Volvo che la produzione continuò insieme alla serie 700 per altri dieci anni. La 240 divenne una sorta di Lazzaro automobilistico, sopravvivendo miracolosamente alla sua sostituta.

La robusta serie 200 era diventata la quintessenza della vita di campagna, specialmente in versione station wagon. Divennero una sorta di giacca di cera automobilistica e un completo verde; difficilmente l'abbigliamento più elegante agli occhi di alcune persone, ma comunque de rigeur tra la gente di campagna alla moda. La 240 divenne effettivamente un ambito accessorio di stile di vita che si guadagnò la sua reputazione semplicemente offrendo praticità, durata, longevità e (naturalmente) livelli ineguagliati di sicurezza.

In silenzio, la 240 era in realtà un'auto notevolmente elegante. Nonostante il suo famoso stile spigoloso, la 240 divenne un po' un'icona di stile con un sacco di credibilità stradale incorporata. Le 240 sembravano altrettanto a loro agio negli ambienti urbani quanto lo erano mentre si facevano strada con grazia lungo i viali delle grandi dimore di campagna.

La 240 era davvero il pacchetto completo. Faceva quello che faceva in modo assolutamente brillante e semplicemente non aveva bisogno di fare molto altro. Questo era un veicolo veramente risolutivo, rinomato per la sua capacità di carico cavernosa, per il suo comfort avvolgente e per essere abbastanza potente da trainare senza sforzo un grande baule di cavalli. Il 240 era quindi una vista comune alla gimkana come lo erano i pony stessi. Questa era un'auto che aveva trovato la sua nicchia perfetta e che da allora in poi adempì a quel ruolo con invidiabile aplomb.

Status di culto

La serie 200 si era infatti guadagnata una sorta di status di culto. Erano spesso considerate come qualcosa di più di una semplice auto di famiglia, ma più come un fidato, insostituibile e molto amato membro della famiglia a pieno titolo. Un po' come un vecchio maggiordomo. Le 240 spesso coprivano chilometraggi interstellari mentre eseguivano doverosamente e in modo affidabile i loro molti e variegati ruoli utilitari senza lamentarsi.

Le 240 non erano esattamente tecnologicamente all'avanguardia, ma non avevano bisogno di niente di tutto ciò. Volvo si affidava semplicemente e orgogliosamente a tecnologie sperimentate e collaudate che rimandavano a un'epoca in cui Harold Wilson era primo ministro e il Portogallo era ancora soggetto al governo autoritario dell'Estado Novo. La 240 era un'evoluzione graduale che risaliva fino alle sue prime incarnazioni come la 144, introdotta per la prima volta nel 1966. Il lignaggio comprendeva semplicemente piccoli cambiamenti e perfezionamenti che venivano introdotti in modo ponderato solo per le migliori ragioni. Volvo non ha seguito ciecamente le mode e le tendenze.

Modernizzazione

Quando la 740 fu presentata nel 1984, erano passati ben 9 anni da quando era stata concepita l'idea di un nuovo design Volvo. La 740 fu salutata come un'auto molto più moderna nonostante, per molti versi, fosse abbastanza simile alla 240 sotto la pelle. Dicendo simile, intendo dire che la 740 presentava gli stessi motori e gli stessi ingranaggi che si trovavano nella 240, anche se tutto ciò era stato soggetto a numerose modifiche e miglioramenti nel corso di un lungo periodo di sviluppo di sette anni. Volvo non credeva ancora nella sostituzione di hardware provato e fidato semplicemente per il gusto di farlo. I fedeli Volvo amavano questo ethos perché sapevano esattamente in cosa stavano comprando.

Lo stile della 740 era comunque decisamente sorprendente. Ricordo di averne vista una per la prima volta e di essere stato veramente preso alla sprovvista da ciò che vedevo. La 740 berlina sembrava enorme e aveva tutte le caratteristiche di un'auto che era stata indirizzata "esattamente" al mercato americano delle berline. Il finestrino posteriore e la disposizione angolare del montante C sembravano davvero molto "americani" e incarnavano la berlina a "tre scatole". Tuttavia, la 740 aveva un aspetto meravigliosamente elegante, con molti dettagli cromati tra cui costosi copriruota in acciaio inossidabile. Nonostante il suo design squadrato, questa era un'auto notevolmente efficiente dal punto di vista aerodinamico quando guidata a velocità normali.

Auto Volvo attraverso gli anni

Anche gli interni erano belli, moderni, ariosi e ben pensati. Era un ambiente simile a una cabina di pilotaggio con console ergonomiche avvolgenti per i fortunati guidatori, per rendere leggero anche il lavoro dei viaggi più lunghi. I rinomati sedili disegnati da Volvo erano rifiniti con bellissime finiture in velluto, plissettati e raccolti per produrre un senso di sontuosa opulenza. La 740 potrebbe aver racchiuso gran parte del collaudato e affidabile equipaggiamento della Volvo, ma era certamente presentata in una veste molto diversa rispetto ai suoi predecessori.

L'esperienza di guida della 740 era anche molto diversa da quella della 240. Aveva la sensazione di un moderno executive express. Aveva le gambe lunghe, era sublimemente confortevole e offriva un punto di riferimento completamente nuovo per le caratteristiche di guida e maneggevolezza.

La 740 continuò nella sua veste originale fino a quando fu sottoposto a un sottile restyling (facelift) nel 1990. Questo fu sicuramente un caso di "e-volvo-luzione" in gioco, perché alla fine del 1992/93 la 740 si trasformò dolcemente in quella che divenne la nuova 940.

Serie 900

La serie 900 non fu una grande partenza per il famoso marchio svedese, perché mantenne praticamente le stesse basi della 740 uscente, così come gli stessi interni, motori e cambi. La più grande differenza era rappresentata dai fianchi posteriori molto più massicci e arrotondati della berlina 940. Questa era una Volvo con le curve, con nuovi impressionanti gruppi ottici e un bagagliaio più grande e accessibile. Non c'era più il lunotto angolare a favore di un design inclinato molto più bello con un montante C dall'aspetto più robusto e un ripiano portapacchi più grande. Questi sottili cambiamenti aiutarono la grande Serie 9 Volvo a entrare con sicurezza negli anni '90 con un nuovo look fresco. Il team di design Volvo aveva fatto abbastanza per dare alla sua ammiraglia un fascino moderno senza spaventare la sua banda di fedeli devoti.

A parte il nuovo stile accattivante, anche la guida e la maneggevolezza erano molto migliorate. La 900 prese in prestito alcune delle caratteristiche tecnologiche all'avanguardia della Volvo 850, tra cui il SIPS (Side Impact Protection System). Le 940 scivolavano senza sforzo lungo le autostrade fornendo ai loro fortunati occupanti nuove altezze di raffinatezza e lusso combinate con l'ulteriore tranquillità dell'eccellente reputazione di Volvo per la massima affidabilità, sicurezza e durata.

La fine arrivò nel 1998, quando finalmente calò il sipario sull'ultima delle Volvo RWD angolari del designer Jan Wilsgaard. Ma la mia storia con la Volvo non è finita lì. Le Volvo erano spesso possedimenti preziosi e non era troppo difficile trovare esemplari a basso chilometraggio splendidamente conservati per molti anni a venire. E naturalmente - queste auto duravano!