La grande notizia è che il tasso di fertilità dell'India è ora sceso sotto il livello di sostituzione: è 2,0 per donna.

Questo non significa che la popolazione dell'India inizierà a scendere subito. L'India supererà ancora la Cina e diventerà il paese più popoloso del mondo alla fine di questo decennio, con circa 1,45 miliardi di persone, ma a tempo debito smetterà di crescere e inizierà a ridursi.

Il ritardo è dovuto al fatto che gli esseri umani non sono salmoni: non si riproducono e non muoiono. Invece, vivono per altri trenta o quaranta o anche cinquant'anni dopo la nascita dei loro figli, quindi c'è ancora un po' di crescita nella maggior parte dei paesi asiatici.

Lasciatemi spiegare, usando il clan Dyer. Ero il maggiore di cinque figli, che all'epoca era una famiglia di medie dimensioni a Terranova. Abbiamo vissuto tutti per crescere, e in media abbiamo avuto esattamente 2,0 figli ciascuno - appena sotto il livello di sostituzione.

Anche quei figli sono vissuti tutti per crescere, e sembra che anche loro finiranno con una media di 2,0 figli ciascuno - ma io, i miei fratelli e le mie sorelle siamo tutti ancora vivi.

Tre generazioni di noi, e dove c'erano dieci persone nella mia generazione (contando i coniugi), ora ce ne sono trenta.

Il baby boom si ferma qui, perché quando la mia generazione si estinguerà, saremo sostituiti dai pronipoti. A quel punto il clan Dyer avrà finalmente raggiunto l'equilibrio - o anche iniziato a ridursi un po', se alcuni dei nipoti riducono la natalità. Ci vuole molto tempo per stabilizzarsi se si rimane a 2,0.

Tuttavia, le popolazioni asiatiche non si fermano al 2,0. Il fenomeno è più estremo nell'Asia orientale, dove la popolazione di ogni paese è già in forte calo.

In Corea del Sud, dove il tasso di fertilità è un sorprendente 0,86 (meno di un bambino per donna, in media), la popolazione sta andando in caduta libera. A questo ritmo, si dimezzerà entro la fine del secolo.

Lo stesso vale per la Cina, dove le statistiche ufficiali prevedono che la donna media avrà solo 1,3 figli nella sua vita. A quel ritmo, la Cina passerà da 1,41 miliardi di persone ora a 700 milioni nel 2100, meno del doppio della popolazione degli Stati Uniti a quel tempo.

Anche questo potrebbe essere troppo ottimistico. L'esperto di fertilità Fuxian Yi, scienziato senior del dipartimento di ostetricia e ginecologia dell'Università del Wisconsin, ha recentemente stimato che la popolazione cinese del 2020 è in realtà 1,28 miliardi, non l'1,41 miliardi registrato nel censimento, e che il tasso di fertilità reale della Cina è molto meno di 1,3.

La discrepanza nasce, dice, perché molti dei bambini contati non esistono. I governi locali sovrastimano la loro popolazione per ottenere più sussidi, specialmente tasse scolastiche, dal governo centrale, e alcune famiglie comprano certificati di nascita extra online sul mercato nero perché ci sono oltre 20 benefici sociali legati alla registrazione della nascita.

Se il dottor Yi ha ragione, allora gli Stati Uniti, nonostante un tasso di crescita abbastanza basso (443 milioni nell'anno 2100), potrebbero avere circa la stessa popolazione della Cina entro la fine del secolo. Il tasso di fertilità del Giappone è di 1,35, ma questo significa ancora che la sua popolazione scenderà da 125 milioni ora a 75 milioni entro la fine del secolo.

La maggior parte dell'Asia meridionale e sudorientale è già sotto il livello di sostituzione (Vietnam 2,0, Bangladesh 1,9, Thailandia 1,5). Il resto ci sono quasi (Indonesia 2,2, Myanmar 2,15, Sri Lanka 2,15). A parte i paesi musulmani del Grande Medio Oriente (dal Pakistan alla Siria), l'unico grande paese asiatico che cresce ancora velocemente sono le Filippine (2,5).

Le popolazioni in Europa sono stabili o in leggero calo, e nelle Americhe quasi tutti i paesi hanno un tasso di crescita inferiore all'1%. Le uniche regioni del mondo che crescono ancora velocemente sono il Medio Oriente e l'Africa, dove i tassi di crescita della popolazione sono tra l'1,5% e il 3%.

Proiettando questi numeri in avanti fino al 2100, anche ammettendo un graduale declino dei tassi di fertilità mediorientali e africani (che attualmente non sta accadendo affatto), e solo queste due regioni conterranno la metà della popolazione del pianeta alla fine del secolo: più di quattro miliardi di persone.

Tranne gli stati arabi del petrolio e un paio di paesi a medio reddito come il Sudafrica e l'Iran, purtroppo nessuno di questi paesi ha un PIL pro capite di più di 5.000 dollari all'anno, e i loro redditi stanno a malapena tenendo il passo con la crescita della popolazione. Sarà un mondo molto diviso.