Il radar SPY-1 era il più recente radar navale all'avanguardia nell'inventario degli Stati Uniti. I contatti viaggiavano per quasi cinque miglia in meno di un secondo? Era il MACH 30?! E si fermavano? Doveva essere un errore del sistema.

Gary Voorhis, l'ufficiale responsabile del sistema radar sulla Princeton, decise di mettere il radar offline e ricalibrarlo. Ottenne l'approvazione del capitano della nave per toglierlo dalla linea. Quando riaccesero il radar dopo averlo controllato in tutte le modalità, videro ancora i contatti. E ora erano ancora più chiari!

Era il novembre 2004. Kevin e Gary erano a bordo dell'incrociatore a missili guidati Princeton, una delle navi tecnologicamente più avanzate della marina statunitense, progettata per difendere il Carrier Group 11 da attacchi aerei e spaziali. Il loro gruppo di portaerei stava girando per un dispiegamento in Medio Oriente.

Secondo uno studio del 2019 pubblicato dalla Scientific Coalition for UAP studies (SCU), Estimating Flight Characteristics of Anomalous Unidentified Aerial Vehicles, il radar della Ballistic Missile Defense ha tracciato i contatti in orbita terrestre bassa.

Il radar di Princeton ha poi rilevato i contatti a 80.000 piedi a nord del loro gruppo di portaerei, vicino all'isola di San Clemente al largo della costa di San Diego.

I contatti sconosciuti arrivavano 10-20 in un gruppo a 80.000 piedi (sopra i 60.000 piedi è considerata la qualifica di astronauta), e poi scendevano a 28.000 piedi e seguivano la rotta verso sud ad una velocità di circa 100 nodi. "Periodicamente, gli UAP scendevano da 28.000 piedi al livello del mare, o sotto la superficie, in 0,78 secondi", dice il rapporto.

Qualcosa c'era

Gli equipaggi della Princeton e della Nimitz furono in grado di confermare con un binocolo che qualcosa corrispondeva alle posizioni dei contatti. Qualcosa c'era.

"Siamo stati in grado di vederli con il binocolo. E questo mi ha confermato che era un oggetto... qualcosa era lì", ha detto Gary Voorhis.

Per due settimane gli operatori radar si interrogarono sui contatti. Parlarono sulla nave di cosa potessero essere. Li osservavano dai ponti superiori, li rintracciavano sul radar.

Ma poi sono arrivati i caccia per iniziare il loro addestramento. E ora i contatti si trovavano nello stesso spazio aereo di addestramento dei caccia. Il Senior Chief Day convinse il capitano del Princeton a chiedere ai primi caccia di controllare i contatti.

Tic Tac UFO sulla telecamera del jet da combattimento

Il 14 novembre 2004, il Comandante Fravor stava guidando una coppia di F-18 Superhornets. Era un diplomato Top Gun e aveva da poco preso il comando del suo primo squadrone di caccia, un risultato importante per qualsiasi pilota di caccia. Stava preparando lo squadrone per la guerra e quella era una bellissima giornata limpida per volare. Tutti i suoi anni di combattimento e di addestramento ad alta intensità a Top Gun non lo avevano preparato per questa particolare missione.

Quando il suo biposto entrò nello spazio aereo di addestramento, i controllori radar gli chiesero se avesse delle armi vere. Era una domanda interessante, pensò. No, era una missione di addestramento e lui non aveva armi vere. Il controllore diede a Fravor un vettore verso il contatto più vicino.

Fravor puntò il suo biposto verso la rotta e iniziò a cercare il bersaglio. "Fuori dal naso 20 miglia", disse il controllore. Si stavano avvicinando rapidamente alla posizione e guardavano nei loro radar. "15 miglia a merge....10 miglia, 5 miglia..." Tutti i piloti stavano guardando fuori ora freneticamente. Poteva essere a qualsiasi altitudine.

"Trama di unione!" disse il controllore.

Acqua bianca

Fravor notò un'area di 75 metri di acqua bianca molto al di sotto di loro sul mare blu altrimenti limpido.

"Sembrava quasi un frangiflutti. Circa le dimensioni di un 737. All'inizio ho pensato che fosse un incidente. Poi l'ho visto", ha detto Fravor nel podcast di Fridman.

Ha visto un oggetto bianco chiaro delle dimensioni di un caccia, che si muoveva verso est e ovest, e verso nord e sud con movimenti rapidi. "Ahh, è un elicottero, ho pensato", ha detto Fravor, "solo che non era un elicottero. Non si muoveva per inerzia, rimbalzava e basta".

Dopo 2-3 minuti di osservazione dell'oggetto, Fravor decise di scendere per dare un'occhiata più da vicino. Ha lasciato il suo gregario in alto a 20.000 piedi, mentre ha iniziato una lenta discesa a spirale verso il basso. A 15.000 piedi Fravor notò l'oggetto interrompere il suo schema di ricerca e puntare proprio verso di lui. L'oggetto poi eseguì una manovra impossibile. Da fermo salì senza sforzo fino alla sua altitudine in pochi secondi. Qualcosa che un caccia moderno non potrebbe mai fare.

Fravor volò poi attraverso il cerchio (immaginate di fare il giro dei lati opposti di una grande giostra) a meno di 800 metri dall'oggetto. Era abbastanza vicino da non vedere chiaramente alcun segno di ali o di propulsione. Quello che vide era solo un cilindro bianco liscio, delle dimensioni di un caccia, "sembrava esattamente come una caramella Tic-Tac bianca".

Fravor si avvicinò per dare un'occhiata più da vicino. Mentre si avvicinava al velivolo, questo accelerò così velocemente che scomparve.

L'LCDR Slaight dal sedile posteriore dell'aereo di sopra disse che aveva accelerato "come un proiettile" ed era sparito. Tutti e quattro gli aviatori guardarono di nuovo giù verso l'acqua e l'acqua rotta era sparita. Erano soli sul limpido mare blu.

Sbalordito, il Fravor riportò i jet al loro punto di pattugliamento aereo da combattimento (CAP) e portò a termine la missione di addestramento. Sulla via del ritorno il controllore disse: "Non mi crederà signore, ma quella cosa è tornata al vostro CAP".

"Cosa?", pensò Fravor, "come faceva a sapere dov'era il nostro CAP?

Quando Fravor atterrò, parlò rapidamente con l'ufficiale dei sistemi d'arma del prossimo caccia in partenza, Chad Underwood. Chad si lanciò verso quel punto CAP e registrò il famoso video "FLIR1" del Tic-Tac UAP.

L'ingaggio visivo fu corroborato da quattro osservatori addestrati con decenni di esperienza. Era una giornata cristallina con visibilità illimitata. I contatti sono stati confermati da radar, video e visuale. Per questo motivo, l'incontro del Nimitz è il caso più autentico e corroborato di UAP moderno.
Tenetevi pronti la prossima settimana per quello che è successo durante l'intercettazione del Tic-Tac da parte di Underwood.
Controllate il mio canale per i video settimanali su questo argomento qui:
https://www.youtube.com/channel/UCVNKdkLzWuy1oLuCuCv4NCA