Biden non ha detto quando seguirà la guerra mondiale 2.1, ma i continui riferimenti alla "peggiore crisi dal 1939" o alla "peggiore guerra in Europa dal 1945" suggeriscono che arriverà poco dopo. Questo giornale sarà piuttosto arrabbiato se non avrà un mio pezzo che ritratta il mio errore quando i carri armati russi rotoleranno, quindi mi sento obbligato a scrivere di nuovo.

Purtroppo non posso ritrattare. Nemmeno i cori in massa di tutte le sedici agenzie di intelligence degli Stati Uniti (non me lo sto inventando), che cantano il Coro dell'Alleluia e mi implorano di credere, possono convincermi che i russi stanno arrivando. Solo quando vedrò i loro carri armati ammassati rotolare attraverso il confine ucraino, accetterò che Putin sia così stupido.

È malvagio, certo: mette davvero i bastoni tra le ruote alla gente, come l'agente del KGB che era una volta. È ossessionato dal riconquistare il controllo dell'impero perduto che i russi chiamano "Vicino all'estero", ed è disposto a mettere in atto un enorme e pericoloso bluff nella speranza di fare qualche progresso in quel programma. Ma non è stupido. Nessuno che rimane al potere in Russia per 22 anni è stupido.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si sta stufando di tutti questi isterici politici e opinionisti occidentali. Sabato scorso ha detto: "Penso che ci siano troppe voci su una guerra su larga scala da parte della Russia, e la gente sta persino indicando delle date. Il miglior amico dei nostri nemici è il panico nel nostro paese, e tutte queste 'informazioni' creano solo panico. Non ci aiuta".

O considerate la valutazione del Centro ucraino per le strategie di difesa, un think tank no-profit a Kiev.

Alla fine di gennaio ha rilasciato una valutazione che "in generale, un'operazione offensiva russa su larga scala contro l'Ucraina nel 2022 è improbabile anche a giudicare dai requisiti puramente militari. Ciò è evidenziato dalla mancanza del numero richiesto di truppe per una tale operazione, che dovrebbe essere nell'ordine delle centinaia di migliaia (per condurre ostilità attive contro l'Ucraina)".

La cifra più alta citata per il numero totale di truppe russe che si presume siano a pochi giorni dal confine ucraino è 147.000, e più della metà di queste sono nelle loro attuali posizioni da un anno o più. Questo suonava ridicolmente basso per una vera invasione di un paese con una popolazione di 43 milioni di persone, così ho fatto un piccolo controllo.

L'invasione tedesca della Polonia nel 1939 fu l'inizio della guerra mondiale 2.0, e la Polonia di allora corrispondeva abbastanza bene all'Ucraina di oggi: circa la stessa popolazione, anche se solo la metà dell'Ucraina. I due paesi condividono anche un lungo confine. Quindi di quante truppe avevano bisogno i tedeschi per invadere la Polonia il 1 settembre 1939?

Un milione e mezzo. Un milione e mezzo. E anche se i tedeschi avevano macchine migliori e generali davvero bravi, la resistenza polacca era ancora piuttosto seria fino a quando i russi invasero la Polonia dall'altra parte due settimane dopo in adempimento del patto nazi-sovietico. Quasi 20.000 soldati tedeschi furono uccisi o dispersi in azione in un mese, e 30.000 furono feriti.

Non sto dicendo che le perdite russe sarebbero le stesse in un'invasione dell'Ucraina ora, ma sarebbero certamente abbastanza grandi da allarmare la gente a casa. Inoltre, è anche dubbio che 147.000 soldati russi possano effettivamente invadere l'Ucraina.

Potrebbero prendere alcune zone di confine e la schiacciante potenza aerea russa li proteggerebbe dai contrattacchi, ma questo è il massimo che questa crisi potrebbe ottenere. Non credo proprio che diventerà così grande. Forse una mini-offensiva nelle province sud-orientali di Donetsk e Lugansk, che sono già parzialmente controllate dai russi, ma niente di più.

Ci si sente un po' soli qui fuori, quando un sacco di gente che pretende di saperne di più usa termini apocalittici come "invasione imminente". Mi scuserò profusamente se mi sto sbagliando, ma mi sembra che alcune persone della Central Intelligence Agency abbiano individuato alcuni piccoli movimenti di truppe russe e abbiano suonato l'allarme per scopi di politica interna o solo per divertimento.

Putin, sempre opportunista, ha deciso di alimentare le fiamme e vedere cosa poteva ottenere dalla "crisi" che ne è seguita. Biden, che aveva bisogno di ricostruire la sua immagine di duro dopo la fuga dall'Afghanistan, ha preso la stessa decisione. Gli ucraini non credono a una parola, ma nessuno li ascolta. E non ci sarà una guerra calda in Europa, e nemmeno una nuova guerra fredda.