La mancanza d'acqua in Algarve è stata a lungo una preoccupazione per tutti. Tutto sommato, se da un lato non possiamo controllare se piove o meno o quando piove, dall'altro i comuni possono prendere misure per evitare inutili sprechi.

Purtroppo non è la prima volta che la scarsità d'acqua minaccia i raccolti e la popolazione in generale: "Alla fine del 2019 e all'inizio del 2020 - poco prima della pandemia - abbiamo vissuto una situazione estrema. Abbiamo avuto acqua nelle nostre dighe per circa due mesi, ma alla fine ha piovuto e poi abbiamo recuperato i livelli d'acqua nelle nostre dighe. Tuttavia, abbiamo di nuovo registrato numeri molto preoccupanti", ha detto a The Portugal News Luís Encarnação, sindaco del comune di Lagoa.

Di conseguenza, a livello regionale, si stanno prendendo alcune misure in termini di desalinizzazione, così come la cattura di acqua dalla diga del Guadiana. La scarsità d'acqua "è un problema e non possiamo ignorarlo, soprattutto in Algarve", ha detto.

Misurare l'acqua

Inoltre, il Comune di Lagoa ha annunciato a The Portugal News che inizierà l'installazione di ZMC, che rappresenterà un investimento di 600 mila € per l'installazione di ZMC in tutto il comune.

"Queste ZMC sono essenziali per controllare lo spreco di acqua che abbiamo nella nostra rete idrica. In questo senso, inizieremo con le zone di Porches e Alpochinhos e poi la nostra idea è di collocare queste zone di controllo in tutto il nostro territorio. Nel comune di Lagoa, abbiamo una rete di approvvigionamento idrico di circa 325 km", ha detto Luís Encarnação.

Secondo il sindaco, c'è una grande percentuale di acqua persa nella rete, che è principalmente dovuta a rotture, acqua che si perde nell'irrigazione di spazi pubblici, ma anche perché ci sono persone che ottengono l'acqua senza pagarla. Inoltre, "l'idea è quella di distribuire queste ZMC in tutta la contea in modo da poter capire esattamente dove e perché abbiamo questi sprechi", ha evidenziato.

"Da quando siamo arrivati al consiglio comunale, abbiamo visto l'importanza di sostituire i tubi e, attualmente, il Piano di Recupero e Resilienza (PRR) è un'opportunità unica perché permetterà di ottenere fondi - anche se non abbastanza - che sono importanti per sviluppare il progetto", ha detto.

Spazi verdi

Per quanto riguarda i giardini pubblici, il comune sta anche lavorando a soluzioni più sostenibili: "Stiamo implementando un sistema di monitoraggio dell'irrigazione accanto ai nostri giardini per ottimizzare l'uso dell'acqua negli spazi pubblici. Questo significa che ogni volta che il sistema ha un certo livello di umidità nel terreno (a causa della pioggia), il sistema di irrigazione si ferma per un po'", ha detto. Inoltre, il comune sostituirà l'erba naturale con l'erba sintetica nelle aree in cui è solo decorativa, al fine di risparmiare acqua.

Un investimento difficile

"Da un punto di vista politico, non è un investimento che un politico ama fare perché è sepolto e nessuno lo vede. Inoltre, richiederà tolleranza perché dovremo scavare tutto nel comune per sostituire l'impianto idraulico", ha detto il sindaco.

Aggiungendo: "Probabilmente dovremo prendere un prestito per ottenere i soldi, perché il PPR copre una percentuale, ma non copre tutto e dobbiamo farlo con urgenza. Inoltre, è un investimento che obbliga tutte le forze politiche a capirne l'importanza".