La notizia che il piano d'azione congiunto (Joint Comprehensive Plan of Action - JCPOA), dal nome oscuro, è tornato in vigore, potrebbe arrivare anche prima di questo articolo, ma il rilascio di Nazanin Zaghari-Ratcliffe mercoledì è stato un chiaro segnale che l'accordo nucleare iraniano è tornato in vigore.

La signora Zaghari-Ratcliffe, una cittadina britannica nata in Iran, è stata arrestata a Teheran nel 2016 mentre visitava sua madre e incarcerata come spia. In realtà è stata presa in ostaggio nel tentativo di costringere il Regno Unito a pagare alla Repubblica islamica un debito molto grande e molto vecchio.

La situazione della Zaghari-Ratcliffe è peggiorata molto quando Boris Johnson, allora ministro degli esteri del Regno Unito, ha erroneamente dichiarato che era stata in Iran per "formare dei giornalisti". (Un anno dopo sua figlia Gabriella, di 5 anni, è stata rimandata a Londra per vivere con suo marito, mentre Nazanin stava scontando una condanna a cinque anni di prigione.

Poi improvvisamente, mercoledì, lei stava tornando a casa, e un altro ostaggio britannico di origine iraniana era sullo stesso aereo. La notizia è trapelata che la Gran Bretagna aveva finalmente pagato il suo debito di 540 milioni di dollari dopo 45 anni di stallo. (Lo Shah aveva ordinato carri armati britannici prima di essere rovesciato. La Gran Bretagna cancellò l'ordine, ma tenne i soldi). Quindi il JCPOA è di nuovo attivo.

Nell'accordo del 2015, l'Iran ha accettato di non fare alcun lavoro che lo avvicinasse alla costruzione di armi nucleari per quindici anni in cambio della revoca delle sanzioni commerciali internazionali. È stato il grande successo di politica estera di Barack Obama - che può essere il motivo per cui Donald Trump, cercando di cancellare ogni risultato del primo presidente nero d'America, ha cancellato l'accordo nel 2018.

L'ex primo ministro israeliano Binyamin Netanyahu rivendica il merito di aver convinto Trump a quell'atto di vandalismo, che può essere vero o no, ma in ogni caso non ha effettivamente ucciso l'accordo.

Gli altri firmatari del JCPOA - Cina, Francia, Germania, Russia e Regno Unito - hanno promesso di provare a riportare indietro gli americani, ma effettivamente la maggior parte ha obbedito alle sanzioni commerciali che Trump aveva unilateralmente schiaffato sull'Iran. L'Iran ha aspettato un anno, e poi ha iniziato a intensificare la sua ricerca nucleare ogni tre mesi, avvicinandosi sempre di più alla capacità di produrre armi.

Il trattato JCPOA diceva che l'Iran non avrebbe arricchito l'uranio oltre il 3,67%. Il mese scorso era arrivato al 60%. Trump e Netanyahu se ne erano entrambi andati, e sia gli alti ufficiali militari israeliani che quelli statunitensi avevano concluso che il vecchio accordo era meglio di niente.

Il presidente Joe Biden era della stessa idea, ed era anche preoccupato per un incombente confronto con la Russia sull'Ucraina, così lo scorso autunno ha dato istruzioni ai suoi diplomatici di smettere di cercare di strappare concessioni extra agli iraniani. Basta andare avanti!

Ancora con me? Ci sarà un test.

Le cose si sono mosse rapidamente dopo questo, e alla fine del mese scorso Josep Borrell, il capo degli affari esteri dell'Unione Europea, diceva che "un testo finale è essenzialmente pronto e sul tavolo", ma aggiungeva che "una pausa nei colloqui di Vienna è necessaria a causa di fattori esterni".

I fattori esterni erano l'invasione russa dell'Ucraina e le sanzioni occidentali sulla Russia che sono seguite. Il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov ha chiesto che Washington si impegni a non imporre sanzioni su qualsiasi accordo commerciale bilaterale tra Russia e Iran dopo che il JCPOA tornerà in vigore.

Lavrov non credeva davvero di poter ottenere questa promessa dagli Stati Uniti. Voleva solo bloccare la resurrezione del JCPOA, almeno per il momento, perché avrebbe permesso all'Iran di iniziare a rivendere il suo petrolio sul mercato internazionale.

Al momento l'Iran esporta meno di un milione di barili al giorno di greggio, quasi tutti verso la Cina. Potrebbe vendere almeno un altro milione e mezzo di bpd a livello internazionale se le sanzioni venissero finalmente tolte, e quell'offerta extra farebbe certamente scendere bruscamente il prezzo del petrolio.

Le vendite di petrolio e gas sono l'ultima grande fonte di valuta estera rimasta per la Russia. Il prezzo di riferimento del petrolio Brent oggi è di 95 dollari al barile, già in calo di più di 40 dollari dal picco di panico del mese scorso.

Il petrolio iraniano in più potrebbe farlo scendere di altri 20 o 30 dollari al barile, tagliando ulteriormente le entrate della Russia e permettendo all'Europa di comprare più petrolio dall'Iran, non dalla Russia. Ma sembra che Lavrov non sia riuscito a strappare alcuna garanzia, e che il JCPOA stia davvero tornando. Bene.

Ci sono così tante parti in movimento in questo accordo che potrebbe ancora crollare all'ultimo secondo, naturalmente. Ma per ora sembra buono, e Nazanin Zaghari-Ratcliffe è già a casa con la sua famiglia.