Il regime è acutamente consapevole che ci sono molti paralleli tra la relazione russo-ucraina e quella cinese-taiwanese, e che il tentativo russo di conquistare l'Ucraina sta fallendo, o almeno è in stallo.

Solo recentemente il presidente russo Vladimir Putin ha iniziato a negare che l'Ucraina sia una vera nazione, ma questa è stata la posizione di Pechino nei confronti di Taiwan fin dall'inizio. Da Mao Zedong a Xi Jinping, ogni leader cinese ha avvertito, implicitamente o con tante parole, che se Taiwan dichiara l'indipendenza dalla Cina sarà invasa.

Per 73 anni, da quando il regime nazionalista ha perso la guerra civile cinese nel 1949 e si è ritirato a Taiwan, è stato il rischio di una guerra con gli Stati Uniti che ha dissuaso i vittoriosi comunisti cinesi dall'invadere l'isola e finire il lavoro. Ma questa minaccia può essere una tigre di carta, perché non c'è un'effettiva alleanza tra Taiwan e gli Stati Uniti.

Come l'Ucraina, Taiwan riceve molte espressioni di simpatia e sostegno da Washington, e anche armi abbastanza avanzate (anche se Taiwan deve pagarle), ma non ha la promessa che la marina statunitense fermi un attacco cinese attraverso lo stretto di Taiwan, o che gli Stati Uniti usino la forza in qualsiasi modo per difendere Taiwan.

Mentre il caotico ritiro degli Stati Uniti dall'Afghanistan era ancora in corso lo scorso agosto, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, cercando di rassicurare vari amici e alleati, ha detto: "Abbiamo preso un impegno sacro... che se qualcuno dovesse invadere o agire contro i nostri alleati della NATO, noi risponderemo. Lo stesso con il Giappone, lo stesso con la Corea del Sud, lo stesso con - Taiwan".

Questo ha rallegrato molte persone a Taiwan - ma più tardi nello stesso giorno un alto funzionario americano, parlando "non per attribuzione", ha detto che "la politica degli Stati Uniti non è cambiata". La vera politica degli Stati Uniti è ancora "l'ambiguità strategica", che è una politica progettata per mantenere la Cina preoccupata mentre lascia gli Stati Uniti liberi di aiutare Taiwan o meno come l'umore del momento impone.

Gli Stati Uniti non si sono nemmeno preoccupati dell'ambiguità nel caso dell'Ucraina, mettendo in chiaro fin dall'inizio che non avrebbero offerto alcuna resistenza militare a una conquista russa dell'Ucraina. Questo è perfettamente sensato quando il tuo potenziale avversario ha armi nucleari - ma anche la Cina ne ha, quindi la lezione per Pechino è che gli Stati Uniti non combatteranno davvero nemmeno per Taiwan.

Questa è certamente la conclusione che il governo del presidente Tsai Ing-wen a Taipei trarrà dai recenti avvenimenti, per cui farà acquisti urgenti di armi all'avanguardia per difendere Taiwan. Dato l'attuale stato d'animo del Congresso degli Stati Uniti, probabilmente sarà in grado di ottenerle.

Tuttavia è improbabile che i consiglieri di Xi Jinping lo esorteranno a cogliere questo momento per attaccare Taiwan, perché quello che vede in Russia è un fratello autocrate, Vladimir Putin, che ha fatto una scommessa simile e sta affrontando una sconfitta umiliante. L'errore di calcolo di Putin è stato così monumentale che potrebbe anche perdere il potere per questo.

Ci sono due elementi nella catastrofe di Putin che Xi sospetterà possano applicarsi anche a qualsiasi suo tentativo di prendere Taiwan con la forza. Il primo è solo che le sue inesperte forze armate, incaricate di effettuare un'invasione anfibia di Taiwan, una delle operazioni militari più complesse del libro, potrebbero rivelarsi, come i russi, semplicemente non all'altezza del compito.

Probabilmente si sbaglia su questo. L'esercito russo è imbarazzantemente incompetente perché, come praticamente ogni istituzione nella Russia di Putin, è pieno di corruzione. Xi ha intrapreso una crociata anti-corruzione da quando è entrato in carica una decina di anni fa, quindi probabilmente non è così male in Cina. Ma non può esserne sicuro finché non piazza la sua scommessa, e allora potrebbe essere troppo tardi.

L'altra cosa di cui Xi non può essere sicuro è che tipo di sanzioni la Cina potrebbe affrontare se invadesse Taiwan. I migliori clienti della Cina, le nazioni sviluppate che hanno mostrato tanta unità e determinazione nell'imporre sanzioni senza precedenti alla Russia per aver invaso l'Ucraina, farebbero lo stesso con lui se invadesse Taiwan?

Nessuno lo sa, compresi gli stessi giocatori, ma la Cina è enormemente esposta a qualsiasi interruzione del commercio internazionale, e anche le circostanze interne non sono propizie. Tutti sono stufi dopo due anni di blocco di Covid, e l'economia non è più in pieno boom come un tempo.

Ci sarebbe certamente un'ondata di entusiasmo patriottico se Xi ordinasse l'invasione di Taiwan quest'anno, ma dovrebbe aspettare un po' e guardare cosa succede a un altro dittatore che ha lanciato una guerra stupida e senza vittoria e ha fatto cancellare tutto il suo paese.