In effetti, i contrattacchi ucraini stanno respingendo i russi a una certa distanza in alcuni punti.

Questo è arrivato come una tale sorpresa per la maggior parte degli osservatori stranieri (che si aspettavano che l'esercito ucraino si sgretolasse rapidamente di fronte al maggior numero e potenza di fuoco dei russi) che alcuni sono passati all'altro estremo. Ho visto tre articoli di riflessione questa settimana che esortano l'Ucraina o la NATO o qualcuno ad iniziare a costruire una rampa di uscita per Vladimir Putin.

Il pensiero è che l'esercito russo non può vincere, ma il dittatore russo non può permettersi di essere visto perdere. Pertanto, è responsabilità dell'altra parte creare un "ponte d'oro" attraverso il quale Putin può ritirarsi senza ammettere la sconfitta e perdere la faccia. (La frase viene dall'Arte della guerra di Sun Tzu, scritta 2500 anni fa).

Può darsi che alla fine si arrivi a questo, ma gli esperti stanno andando avanti. I russi non hanno ancora perso la guerra; hanno solo fallito nel vincerla rapidamente e a buon mercato. Infatti, con circa 10.000 soldati russi morti hanno già fallito in modo spettacolare.

Se il problema è solo logistico, può essere risolto in tempo. Potrebbe volerci un'altra settimana o anche un mese, ma l'Ucraina non va da nessuna parte, non c'è particolare fretta di conquistarla. Tuttavia, è un gioco completamente diverso se il vero problema delle truppe russe è il morale.

I combattimenti di strada consumano le truppe come nessun'altra operazione militare, quindi la riluttanza russa a lanciare un attacco di terra su larga scala su grandi città come Kiev, Charkiv e Odesa è comprensibile. Ma l'alternativa di stare indietro e ridurre le città in polvere con l'artiglieria è sempre disponibile, e ha funzionato abbastanza bene per Putin a Grozny e Aleppo.

Forse Putin ha ancora intenzione di farlo, e i suoi generali stanno solo aspettando che arrivino altre granate e razzi. Ma se nessuno dei due tipi di attacco alle città si verifica nella prossima settimana o giù di lì, allora possiamo supporre che il problema non è solo logistico. Si tratta anche della riluttanza dei soldati russi a distruggere le grandi città ucraine, o forse addirittura a combattere ancora.

Ci sono stati alcuni rapporti di unità russe che si sono già rifiutate di combattere, ma questa potrebbe essere solo propaganda ucraina. Eppure potrebbe anche essere vero, perché i soldati sapranno ormai che sono in Ucraina come invasori, non come amici, e questa sarà una sensazione molto scomoda.

La maggioranza degli adulti in Ucraina parla abbastanza bene il russo da far conoscere i propri sentimenti agli invasori di persona e in modo molto dettagliato, quindi i soldati russi non saranno ingannati dalla propaganda ufficiale che ancora inganna i loro amici e familiari a casa. Sentiranno di essere stati ingannati dalle loro stesse autorità.

Il sistema di approvvigionamento dell'esercito russo è stato gestito così male che i soldati hanno dovuto passare la maggior parte del loro tempo "vivendo della terra", che in realtà significa rubare, comprare o elemosinare cibo e acqua dalla popolazione locale ucraina, quindi non proveranno altro che disprezzo per i loro stessi leader.

I loro telefoni cellulari sono stati confiscati dai loro ufficiali al confine, ma i loro compagni più intraprendenti avranno ormai acquisito quelli ucraini, così sapranno quasi subito cosa sta realmente accadendo altrove, compreso qualsiasi scoppio di disobbedienza delle truppe russe.

E la maggior parte di loro se ne sta seduta ad aspettare che succeda qualcosa, tranne le poche unità che ogni giorno vengono colpite dalle incursioni ucraine: diciamo un centinaio di morti al giorno.

Gli eserciti a volte si sciolgono, o almeno cessano di funzionare come gerarchie militari. Non sto prevedendo con sicurezza che questo accadrà all'esercito russo in Ucraina, ma sono certamente le condizioni ideali per generare questo tipo di collasso.

Quindi gli ucraini dovrebbero (e probabilmente lo faranno) aspettare ancora un po' e vedere se l'esercito russo crolla davvero.

Se non lo fa e i bombardamenti russi cominciano davvero a distruggere le grandi città, allora aspettano ancora, perché alla fine dovranno mandare le loro truppe ad occuparle. Se rifiutano l'ordine, allora avete vinto.

Se obbediscono, allora avete perso la guerra convenzionale. Manda il presidente Volodymyr Zelensky all'estero a guidare il governo in esilio, se è ancora vivo, e inizia a pianificare la guerriglia di resistenza.