Anche se non sei sempre stato affascinato dalla preistoria, non puoi perderti un tour dei monumenti megalitici del Portogallo. Il distretto che sicuramente soddisferà le tue aspettative è Évora. In questo distretto ci sono diversi menhir, dolmen e insediamenti megalitici che aspettano la tua visita.

Visitare i monumenti megalitici è sinonimo di vedere grandi pietre che si riferiscono all'architettura monumentale costruita dai nostri antenati tra circa 6.000 e 4.000 anni fa. Può essere una bella esperienza immaginare come queste persone vivevano prima e hanno cominciato a stabilirsi nella nostra civiltà come la conosciamo oggi. I primi villaggi in Portogallo furono creati 7.500 anni fa.

In seguito, la popolazione crebbe rapidamente e la pesca e la caccia non erano più sufficienti a sfamare tutta la gente, così iniziarono a coltivare. La necessità di produrre cibo fu il motivo della creazione di nuovi insediamenti vicino ai fiumi. Oltre alla terra piatta e fertile, l'Alentejo offriva le acque di Tejo, Sado e Guadiana - il che lo rende perfetto per l'agricoltura.

Cromlech di Almendres

Iniziando con il più grande monumento megalitico della penisola iberica, questo è un must-see per chiunque visiti questo percorso di pietre incantate. Costruito 7.000 anni fa, è uno dei più antichi del mondo - addirittura 2.000 anni più vecchio di Stonehenge nel Regno Unito.

Molto vicino a Évora, oggi è possibile visitare i circa 100 monoliti presenti nell'Almendres Cromlech. Il luogo è molto ben mantenuto, nonostante la sua età, grazie ad alcune ristrutturazioni e aggiunte al progetto originale.

Il luogo, circondato dalla foresta, è perfetto per rimanere per un po' e godere della pace che si può sentire là fuori. Inoltre, se si confronta con altri posti dello stesso tipo, questo non è difficile da trovare. Basta seguire la strada che parte dal villaggio di Nossa Senhora de Guadalupe.

Menhir di Almendres

Questo è uno dei diversi menhir della zona e si trova vicino all'ultima gemma che abbiamo elencato (solo a circa due chilometri di distanza), il che suggerisce che potrebbero essere collegati. Questo Menhir è stato scoperto nel 1964 da un investigatore. Si tratta di un sito di pietra unico di origine neolitica e ha circa seimila anni. È stato fatto di granito ed è alto circa tre metri e pesa dieci tonnellate.

La parte superiore è decorata con alcune incisioni di significato sconosciuto. Nessuno sa veramente cosa simboleggiasse per la tribù dell'epoca. Può essere la delimitazione della regione o essere usato per scopi mistici. Inoltre, le leggende locali dicono che il Menhir di Almendres era la tomba di una principessa moresca.

Anta Grande do Zambujeiro

Queste pietre avevano un uso molto particolare. Formavano un antico "cimitero" costituito da un dolmen tra il 4.000 e il 3.500 a.C., che veniva utilizzato durante il neolitico come luogo di ingresso per i morti e per il culto.

Accanto a Valverde, questo monumento monocamera era uno dei più grandi della penisola iberica. Oggi è considerato un patrimonio di interesse nazionale e una grande quantità di reperti archeologici trovati durante gli scavi può essere visitata nel Museo di Évora.

In Portogallo, questo monumento neolitico è una delle manifestazioni più impressionanti delle pratiche funerarie delle nostre più antiche società contadine. I morti venivano collocati all'interno della camera accompagnati da semplici offerte: strumenti di pietra levigata e asce.

Secondo la segnaletica del sito, questo monumento megalitico fu probabilmente costruito nel tardo neolitico. Si tratta di un grande monumento con una camera sepolcrale e un corridoio, entrambi quasi interamente costituiti da una solida struttura tombale. È incredibile come (migliaia di anni fa) i nostri antenati siano riusciti a spostare queste enormi pietre.

Nonostante la mancanza di informazioni su questi luoghi, l'esperienza vale la pena, così come l'opportunità di far volare la tua immaginazione con le incisioni che puoi trovare lungo la strada!